Benefici della birra: quanta al giorno?

La birra è una bevanda fresca, dissetante, si sposa bene con molti piatti e apporta molti benefici.
La birra è senza dubbio una bevanda naturale perché è formata da quattro elementi genuini: acqua, cereali, luppolo e lievito. Rispetto ad altri alcolici, la birra è formata da più acqua, proteine e zuccheri e da meno alcol.
Il contenuto di calorie è variabile: è inferiore nelle birre light (intorno alle 90 calorie a lattina) ed è maggiore nelle birre più forti (fino a 198 calorie per lattina).
Vediamo insieme in questo articolo tutti i benefici della birra.

Proprietà benefiche della birra

Gli studi scientifici hanno dimostrato che il consumo moderato di bevande alcoliche fermentate, come la birra appunto, abbassa il rischio di infarto. Il merito è dei polifenoli contenuti nella birra, che contrastano i radicali liberi (i maggiori responsabili delle malattie cardiache).
La birra vanta inoltre un buon contenuto di folati: sostanze che aiutano a tenere sotto controllo i valori di omocisteina, un ormone che è in grado di scatenare un attacco di cuore.

Dal punto di vista nutrizionale, la birra è ricca di vitamine del gruppo B (in particolare B6 e B12), che favoriscono la produzione di energia e regolano l’appetito. La birra apporta anche sali minerali, in particolare potassio e magnesio, che aumentano la diuresi.
Secondo recenti ricerche scientifiche, la birra ha proprietà immunostimolanti e antitumorali: lo xantumolo contenuto nel luppolo, uno degli ingredienti della birra, è in grado di contrastare la riproduzione dei vasi sanguigni che alimentano il tumore.

Quantità giornaliera consigliata della birra: quanta al giorno?

Per avere benefici è bene non esagerare: anche nel consumo di birra serve buon senso.
Gli esperti consigliano di bere solo due bicchieri al giorno di birra, quantità che deve essere diminuita se si consumano anche altri alcolici, altrimenti gli effetti positivi di questa bevanda si annullano e il peso corporeo aumenta perché la birra è una bevanda discretamente calorica.

Birra: quale scegliere? La migliore birra è quella artigianale

La migliore è la birra artigianale, perchè non è sottoposta a pastorizzazione. Infatti, anche se non si può conservare a lungo, in genere la birra artigianale non è filtrata e quindi mantiene tutte le proprietà.
La birra artigianale è ricca di aromi e sapori, è diversa dalle birre prodotte industrialmente. Inoltre una birra artigianale non contiene grandi quantità di conservanti o altri additivi chimici. I birrifici artigianali utilizzano il più possibile ingredienti naturali, che provengono dal territorio di loro appartenenza. Tutto questo contribuisce a creare prodotti unici e irripetibili.
proprietà-birra-artigianale
Le birre fredde alla spina gonfiano di più: l’anidride carbonica, spesso usata nell’impianto di spillatura, è un gas che si espande all’aumentare della temperatura. Per esempio, se la birra alla spina è ingerita a 3 o 4 gradi, raggiunti i 36 gradi dell’organismo si espande moltissimo, provocando gonfiore.
Meglio quindi scegliere una buona birra artigianale.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!