Celiachia: sintomi e test. Cura della celiachia: alimenti per celiaci e dieta senza glutine

celiachia-sintomi-e-test-cura-della-celiachia-alimenti-per-celiaci-e-dieta-senza-glutineLa celiachia è una patologia dovuta all’ intolleranza al glutine. La diagnosi della celiachia non è sempre facile perchè i sintomi della celiachia sono generici e imprecisi, e in alcuni casi la celiachia è asintomatica. Per questi motivi, molti celiaci non sanno di essere affetti da questa patologia e la diagnosi della celiachia viene effettuata solo in un secondo momento quando i sintomi si aggravano. La celiachia può manifestarsi a qualsiasi età anche se è più frequente nella prima infanzia con lo svezzamento, quando si introducono nell’ alimentazione alimenti a base di glutine. La celiachia può anche manifestarsi dopo un trauma, un incidente, un’ operazione chirurgica o un periodo di grande stress emotivo. In questi casi la diagnosi della celiachia diventa più difficile.
CELIACHIA E SINTOMI: LA “CELIACHIA TIPICA”
La causa della celiachia è una intolleranza permanente al glutine che, una volta introdotto nell’ organismo, provoca una reazione tossica nell’ intestino: i cibi ingeriti contenenti glutine non vengono più assimilati. L’ intolleranza al glutine può portare ad un’ infiammazione cronica dell’ intestino, a questo stadio la celiachia può provocare diversi sintomi come: diarrea, vomito, mancanza di appetito, debolezza, gonfiore addominale, turbe dell’ umore, perdita di peso, arresto della crescita. Nei bambini, l’ arresto della crescita dovuto alla celiachia avviene dopo lo svezzamento; di qui l’ importanza della diagnosi tempestiva della celiachia nei bambini che preentano una crescita rallentata. Se si manifestano questi sintomi, si parla di “celiachia tipica”. In presenza di uno o più di questi sintomi, è bene rivolgersi ad uno specialista ed effettuare il test per la celiachia in modo da verificare l’ effettivo grado di intolleranza al glutine.


CELIACHIA E ALTRI SINTOMI: CELIACHIA ATIPICA E CELIACHIA ASINTOMATICA
In alcuni casi la celiachia non si manifesta con sintomi chiari, è quindi più difficile identificarla e giungere ad una diagnosi.
La celiachia definita “silente” è asintomatica: priva di sintomi.
La celiachia definita “atipica” ha invece sintomi diversi dalla celiachia “tipica” e non riferibili all’ intestino; i sintomi della celiachia “atipica” possono essere infatti l’ anemia e la dermatite erpetiforme.
Vi sono casi, infine, in cui i sintomi della celiachia sono meno specifici come: disturbi allo stomaco, facilità alle fratture, crampi muscolari e ferite alla bocca.

CELIACHIA ED EREDITAIETA’: TRASMISSIONE DELLA CELIACHIA
Non si nasce celiaci ma si nasce con una predisposizione genetica alla celiachia: non sempre da un genitore celiaco nasce un bambino celiaco. La percentuale di trasmissione della celiachia tra i parenti di primo grado (genitori, figli e fratelli) non supera il 20%. Non si può quindi parlare di vera e propria ereditarietà della celiachia ma vi può essere una certa predisposizione familiare alla malattia. La celiachia si manifesta quando il soggetto geneticamente predisposto viene a contatto con il glutine fino al momento in cui si verificano le tipiche lesioni intestinali dovute alla celiachia. Il tempo che intercorre può variare da alcune settimane a molti anni.

CELIACHIA: IL TEST PER L’ INTOLLERANZA AL GLUTINE
1- ESAMI DEL SANGUE: Per la diagnosi della celiachia, si esuguono inizialmente test poco invasivi come gli esami del sangue. Si eseguono delle analisi emato-cliniche: test dei livelli di ferro (anemia sideropenica), di rame, di acido folico e calcio.
Altri esami da eseguire sono la ricerca di anticorpi specifici. Infatti gli anticorpi associati alla celiachia sono numerosi ma tre sono specifici: anti-endomisio (EMA), anti-gliadina (AGA) e anti-trasglutaminasi serica tissutale (tTG). Se risultano positivi o alterati nei valori, si avvia il successivo esame bioptico: con la biopsia intestinale viene prelevato un frammento di tessuto su cui eseguire l’ esame istologico per verificare se i villi intestinali sono stati danneggiati.
2- BIOPSIA INTESTINALE esame bioptico: è necessario fare una endoscopia con biopsia del piccolo intestino. Con la biopsia intestinale, esame definitivo per la diagnosi della celiachia, viene prelevato un piccolo frammento di mucosa intestinale, e successivamente esaminato al microscopio (esame istologico). L’ esame istologico mette in evidenza, nel celiaco a dieta libera, la quasi totale scomparsa dei villi intestinali con ipertrofia delle cripte e l’ aumento dei linfociti intraepiteliali (definita dal medico: mucosa piatta).

CELIACHIA: COMPLICANZE E CONSEGUENZE
La celiachia è una malattia importante soprattutto per i bambini piccoli perché ne rallenta la crescita e lo sviluppo. Anche nelle persone adulte, però la celiachia può portare ad altre complicanze come: osteoporosi (assorbire poco calcio può indebolire la struttura ossea), calcolosi renale (dovuta alla perdita di calcio e grassi), anemia (dovuta alla carenza di ferro, vitamine e minerali), convulsioni o epilessia (lo scarso assorbimento di folati favorisce la formazione di depositi di calcio cerebrali), aborti ( la maggiore incidenza degli aboti è dovuta all carenza di folati), problemi alla tiroide (chi è affetto da celiachia è tre volte più soggetto a soffrire di disturbi alla tiroide).

CURA DELLA CELIACHIA: LA DIETA SENZA GLUTINE
Una volta diagnosticata la celiachia, occorre adottare una dieta senza glutine per eliminare i sintomi. Con la dieta senza glutine infatti anche la mucosa intestinale torna lentamente alla normalità. Attenzione a capsule e compresse che possono contenere amido. In cucina non utilizzare la stessa macchinetta del caffè per preparare quello d’ orzo. Attenzione, infine, ai prodotti commerciali confezionati, spesso addizionati con emulsionanti o addensanti a base di cereali.
ALIMENTI VIETATI PER I CELIACI (alimenti ad alto contenuto di glutine)
farine di orzo, avena, segale e frumento; pasta; pane; pizza, focaccia, fette biscottare cracker e grissini; biscotti, torte confezionate, snack e merendine; pasta fresca, ravioli e gnocchi; yogurt ai cereali o al malto; creme (besciamella, crema pasticcera ecc.) a base di farina; alimenti impanati; minestroni già pronti con cereali; birra; caffè d’orzo o segale; whisky, gin e wodka.
ALIMENTI PERICOLOSI PER I CELIACI (alimenti a basso contenuto di glutine)
panna montata, budini, purè istantaneo, yogurt alla frutta, formaggi fusi e sottilette, insaccati, marmellate, nutella e cioccolata, gelati già confezionati, dadi, caramelle e gomme da masticare, maionese, senape e salsa di soia, oli di semi vari.
ALIMENTI CONSENTITI PER CELIACI (alimenti senza glutine)
riso, pasta speciale senza glutine, semolino di riso, farina di miglio, soia, mais, riso, castagne, ceci e tapioca, carne, pesce, pollame, polenta, uova, latte e formaggi, tutti i tipi di verdura, tutti i tipi di frutta fresca, legumi, frutta secca e sciroppata, bevande gassate (aranciata, coca, chinotto), caffè e Tè, liquori (grappa, rum ecc. ad esclusione di quelli già citati sopra negli alimenti vietati e pericolosi), vini, spumanti e champagne, gelati e sorbetti fatti in casa, torte, dolci e biscotti fatti in casa con le farine permesse, zucchero e miele, budini preparati in casa, burro, oli di oliva, mais, vinaccioli, soia, riso, girasole e arachide.

Per maggiori informazioni:
AIC Associazione Italiana Celiachia www.celiachia.it





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!