Diabete di Tipo 1-Diabete di Tipo 2: sintomi, dieta corretta, cosa mangiare

Il diabete è una malattia metabolica caratterizzata da alti livelli di zucchero nel sangue.
La causa principale del diabete è il malfunzionamento del pancreas: l’ organo che, producendo l’ ormone insulina, tiene sotto controllo la glicemia e permette all’ organismo di utilizzare il glucosio per produrre energia.

Diabete di Tipo 1 e Diabete di Tipo 2: fattori di rischio

Ci sono due tipi di diabete:
- Diabete di tipo 1: è dovuto ad un problema immunitario che comporta la progressiva distruzione delle cellule che nel pancreas producono l’insulina. Si manifesta più spesso nell’ infanzia o nell’adolescenza (diabete giovanile);
- Diabete di tipo 2: l’ organismo diventa sempre meno sensibile all’ insulina, il pancreas deve così mettersi a produrne di più ma rischia di collassare. La malattia compare in genere attorno ai 40 anni e viene detta anche diabete alimentare. Rappresenta l’ 80% dei casi di diabete.

Ecco i principali fattori di rischio di sviluppare il diabete di tipo 2:
1- ci sono diabetici tra i familiari
2- si soffre di sovrappeso e il girovita è abbondante
3- la glicemia è alta
4- la pressione tende a salire
5- nel caso delle donne, chi ha avuto figli con un peso alla nascita superiore ai 4-5 chili
6- si pratica scarsa attività fisica.

Anche se esiste senz’ altro una predisposizione genetica, non è detto che essere figlio di diabetici significhi ammalarsi. Il diabete quindi non è sempre ereditario.
In genere il diabete si manifesta in presenza di fattori di rischio come l’ eccesso di peso (in particolare attorno al girovita) e la mancanza di attività fisica. Ricordiamo che il sovrappeso in medicina si definisce con un indice di massa corporea (peso in chili diviso per altezza al quadrato in metri) superiore a 25. Trovate maggiori informazioni in questo articolo correlato (cliccate qui): Calcolo dell’ indice di massa corporea

Familiarità e pancia pronunciata sono i due principali responsabili del diabete. Anche una dieta squilibrata aumenta il rischio.
Lo zucchero in sé non causa il diabete, ma se siete predisposti può scatenarlo. Chi è in sovrappeso e mangia tanti dolci, mette sotto stress il pancreas, l’organo che produce insulina per tenere sotto controllo la glicemia. Se il pancreas è già affaticato da un’ alimentazione troppo zuccherina, ad un certo punto non ce la fa più: la glicemia sale, quindi il diabete. Ecco perché spesso si scopre di avere il diabete dopo un periodo di feste in cui si ha abusato di dolci e alcolici.

Sintomi del diabete

Il diabete all’inizio dà sintomi che spesso si attribuiscono ad altre cause. Per esempio la stanchezza e se si fa pipì troppo spesso. Può essere invece un segno di diabete, dato che lo zucchero attira l’acqua e quando ce n’è troppo il volume delle urine aumenta.

Anche l’ ipertensione (pressione alta) deve mettere in allarme, come pure infezioni e micosi frequenti, tutti disturbi che vanno di pari passo con il diabete.

Il sovrappeso è un’ altra spia importante, anche se esistono persone magre che hanno il diabete, ma spesso hanno un rapporto massa grassa-massa magra a favore della prima.

Diagnosi del diabete: valori della glicemia e altri test medici

La glicemia a digiuno è il primo test da fare per sapere se si è diabetici: basta un’analisi del sangue per verificare il livello di glicemia, cioè il tasso di zuccheri nel sangue. Si ha il diabete se la glicemia misurata a digiuno è superiore o uguale a 126 mg/dl in due esami successivi.

Ecco cosa significano i valori della glicemia a digiuno:
- inferiore a 100 mg/dl: tutto bene, ripetete l’ esame almeno una volta all’ anno;
- tra 100 mg/dl e 126 mg/dl: attenzione, siete in prediabete; chiedete consiglio al medico per la dieta più adatta, praticate attività fisica costante e se siete in sovrappeso cercate di dimagrire;
- superiore a 126 mg/dl: probabile diabete; fate gli esami di conferma come la curva glicemica da carico e l’ emoglobina glicosilata.

Per confermare la diagnosi di diabete, il medico prescrive infatti altri esami come la curva glicemica da carico (200 mg/dl è il limite) e l’ emoglobina glicosilata: esame molto importante che rivela lo zucchero presente nel sangue negli ultimi tre mesi.

Oggi però i medici sono molto attenti alla fase cosiddetta di pre-diabete, in cui i valori della glicemia non sono ancora quelli limite ma preannunciano la comparsa della malattia. Campanelli d’allarme allora risultano l’alterata glicemia a digiuno sopra i 100 mg/dl e l’ intolleranza glucidica compresa trai 140 e i 180 mg/dl.

Se non curato il diabete causa danni alla salute

Oggi si sa che il diabete, se non curato, può causare danni. Infatti il glucosio che resta a lungo nel sangue intossica l’ organismo. Il rischio maggiore riguarda le coronarie: con il diabete il pericolo di infarto aumenta. Se invece viene colpita la microcircolazione ne soffrono occhi e reni.
Inoltre, una scarsa circolazione sanguigna e la perdita di sensibilità alle estremità -malattia chiamata neuropatia- può portare a gravi ulcere e infezioni. La cicatrizzazione delle ferite rallenta.

Svolgere una regolare attività fisica, camminare e andare in bici aiuta a migliorare la circolazione del sangue, stimola il metabolismo e favorisce la perdita di peso: tutti fattori che aiutano a contrastare il diabete.

Diabete: consigli per la dieta

La prima cosa da fare quando si scopre di essere diabetici è far scendere la glicemia nel sangue, e per questo occorre cambiare lo stile di vita. Quindi occorre ridurre gli zuccheri e i grassi nella dieta abituale, dimagrire e fare più attività fisica: almeno 2-3 volte alla settimana privilegiando attività aerobiche (camminare, nuoto e bici). Soprattutto se con queste strategie si riesce a calare di peso, i valori della glicemia possono rientrare nella norma.

Secondo le più recenti raccomandazioni delle società scientifiche di diabetologia, ecco i consigli per la dieta:
1- ridurre o eliminare nella dieta i grassi saturi di origine animale, come burro, formaggi, carni rosse. Si possono invece consumare, in quantità moderate, olio di oliva e grassi vegetali;
2- preferire i carboidrati complessi integrali (pasta, pane, riso) ricchi di fibre capaci di rallentare l’ assimilazione degli zuccheri;
3- tra la frutta scegliere quella meno dolce come albicocche, agrumi, frutti di bosco, mele. Evitare invece banane, cachi, fichi, uva;
4- consumare preferibilmente proteine vegetali derivate dai legumi, quali fagioli, lenticchie, piselli, ceci. Tra quelle di origine animale dare la preferenza a pesce e carni bianche;
5- non bere vino né superalcolici: sono ricchi di zucchero.

Ecco invece la lista degli alimenti da limitare o eliminare drasticamente:
- latte intero, panna, formaggi grassi come pecorino mascarpone e provolone;
- frattaglie, carni grasse, pancetta, cotechino, wurstel, salame, mortadella, coppa, salsiccia;
- pane all’olio, focaccia, pizza;
- lardo, strutto, margarina, oli di semi vari;
- zucchero, marmellate, caramelle, gomme da masticare con zucchero, cioccolata, cornetti, torrone, brioche, torte, frutta sciroppata e frutta secca;
- soft drink (come aranciata, coca cola, crodini) e succhi di frutta con aggiunta di zucchero.

Farmaci per il diabete

Quando non si riesce a tenere sotto controllo la glicemia con dieta e attività fisica, i farmaci diventano necessari.
In certi casi occorre prendere l’insulina. Oggi esistono anche tipi di insulina che non danno effetti collaterali e che si possono aggiungere alla terapia con gli antidiabetici orali.
Spesso però il diabete di tipo 2 non è dovuto tanto alla mancanza di insulina, ma all’incapacità da parte dell’organismo di far entrare il glucosio nelle cellule.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!