Difetti vista bambini: strabismo, occhio pigro, torcicollo oculare, tumore occhio bambini (retinoblastoma)

La salute degli occhi e la vista sono a rischio anche nei bambini da 0 a 10 anni, ma non sempre i bambini manifestano il disagio visivo: spetta ai genitori scoprirlo. Occorre fare attenzione anche ai traumi oculari: i bambini giocando possono andare a sbattere e farsi male all’ occhio che subisce dei traumi, nella maggior parte dei casi non ci sono danni interni all’ occhio, e spesso se il bambino sta bene non lo si porta dall’ oculista. Però alcuni traumi nascosti possono determinare, a lungo termine, l’ occhio pigro, quindi non bisogba trascurare mai un trauma, anche all’ apparenza lieve.

Ecco i principali disturbi della vista che possono colpire i bambini: i sintomi e le cure.

Torcicollo oculare nei bambini

Se il bambino guarda la Tv e tiene la testa lievemente inclinata da un lato, questo significa che il bambino tende a mantenere (anche se in modo poco accentuato) una posizione viziata del capo: inclinato, ruotato lateralmente o in su o in giù. Soprattutto dopo i tre anni, in un caso su 3 si tratta di torcicollo oculare: uno dei sei muscoli extraoculari non lavora correttamente, l’ occhio non vede bene e l’ organismo compensa con un movimento della testa.


La fisioterapia può risolvere la postura del capo, ma va evitata perché obbliga il bambino a non usare bene l’ occhio, con il rischio di ambliopia (occhio pigro). Per la cura si opera intervenendo sulla muscolatura oculare: l’ intervento chirugico, in anestesia generate, prevede microincisioni sulla congiuntiva, che non lasciano segni e che permettono di ritornare all’ attività quotidiana il giorno successivo. Nelle forme lievi possono bastare occhiali prismatici, che decentrano l’ immagine, permettendo di vederla senza spostare la testa: gli occhiali prismatici sono da portare sempre.

Strabismo nei bambini

Se il bambino ogni tanto incrocia gli occhi che non guardano nella stessa direzione, ma convergono o divergono, oppure guardano l’ uno verso l’ alto e l’ altro verso il basso, si tratta di strabismo, una condizione a cui si associa una visione distorta. Lo strabismo riguarda circa il 2% dei bambini e può essere associato a un significativo difetto di refrazione, oppure può dipendere da una paralisi dei muscoli extraoculari. Prima dei 3 mesi di vita, un bambino può non avere occhi paralleli, ma solo a causa dell’ immaturità del sistema visivo.

In alcuni casi, lo strabismo si risolve utizzando gli occhiali o le lenti a contatto negli adolescenti (si può usare il laser negli adolescenti per la correzione dello strabismo). In altri casi, per correggere lo strabismo è necessario un intervento chirurgico di riposizionamento dei muscoli oculari intervenendo, come nel caso del torcicollo oculare, per indebolire i muscoli che funzionano troppo o rinforzare quelli che funzionano poco.

Occhio pigro nei bambini

Un occhio è pigro quando invia al cervello immagini sfuocate oppure distorte, che la mente tende a non prendere più in considerazione. Col tempo ciò porta a una perdita completa e definitiva della funzionalità oculare. Qualsiasi problema che rende inefficiente un solo occhio può essere la causa del disturbo, più spesso un difetto refrattrvo asimmetrico.

L’ ambliopia (occhio pigro) è guaribile in modo completo e rapido nei bambini prima dei 10 anni, ma il bambino in genere non mostra alcun problema, per cui la visita dall’ oculista attorno ai 3 anni resta fondamentale per individuare anche un eventuale occhio pigro. La cura che garantisce i migliori risultati è l’ applicazione, per circa 6-12 mesi, di un cerotto sull’ occfno sano per costringere il cervello a utilizzare l’ occhio pigro, oltre alla correzione dell’ eventuale difetto visivo con gli occhiali da vista.

Retinoblastoma: tumore oculare nei bambini

Il retinoblastoma è il tumore oculare infantile più diffuso e più aggressivo. Di origine genetica, si riconosce per la leucocoria: una macchia bianco-perlacea sullo sfondo della retina che, riflettendo la luce, appare anche nelle fotografie, invece dell’ effetto “occhi rossi”. Chiaramente una foto con riflesso bianco nell’ occhio non è una diagnosi certa di retinoblastoma, ma può essere una spia per rivolgersi allo specialista: una diagnosi già nei primissimi mesi di vita rappresenta una buona speranza di successo per la cura di questo tumore dell’ occhio.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!