Ginnastica posturale del metodo Dorn e massaggio contro mal di schiena, dolori cervicali, mal di testa

Arriva dalla Germania il metodo Dorn che combatte mal di schiena e dolori cervicali. Seguito dal massaggio Breuss, il metodo Dorn serve a sciogliere le tensioni muscolari. Mal di schiena, cervicali e difetti di postura sono problemi molto comuni e per i quali di solito sembrano non esserci molte soluzioni. Ma la “medicina dolce” ha al suo attivo diverse tecniche che aiutano a tenere in forma la struttura portante della colonna vertebrale. Una di queste tecniche è il metodo Dorn: un’ interessante disciplina biona­turale ancora poco conosciuta in Italia, ma famosa in Germania (terra di origine del metodo Dorn) così come il massaggio Breuss a cui di solito si associa nella stessa seduta.

Il metodo Dorn è stato ideato negli anni ’70 da Dieter Dorn: un semplice contadino che, in seguito a un incidente, venne curato con successo da un vecchio guaritore. Incuriosito, Dieter Dorn imparò la tecnica dal vecchio guaritore, e la stessa tecnica è stata poi sviluppata scientifi­camente dall’ ortopedico Markus Hansen. Il principio del metodo Dorn è favorire il riallineamento della colonna vertebrale con pressioni ai lati della spina dorsale, mentre il paziente compie dei semplici movimenti con la testa, le gambe o le braccia, in piedi o da seduto. In questo modo si ha un allungamento della muscolatura profonda vertebra­le che, nel giro di un paio di mesi, con 4-5 sedute, porta al riallineamento della colonna vertebrale e alla diminu­zione dei dolori. Regalare elasticità alla colonna vertebrale e sconfiggere il mal di testa è quindi possibile con questa nuova disciplina super-soft.

I PUNTI STRATEGICI DELLA SCHIENA E IL METODO DORN CONTRO IL MAL DI SCHIENA

L’ anatomia dela schiena comprende una struttura scheletrica (scapole e colonna vertebrale) e una struttura muscolare. A sua volta, la struttura muscolare si divide in due strati: superficiale e profondo, di cui fanno parte moltissimi muscoli. In superficie si trovano i cinque muscoli più larghi del corpo che, come velature di una nave, si azionano nel movimenti di forza o di grande ampiezza. Sono per esempio muscoli superficiali della schiena il gran dorsale e il trapezio. In profondità si sviluppa una vasta rete di muscoli e fasci muscolari, come gli spinali e i rotatori. Questi muscoli hanno un ruolo fondamentale nella postura e in tutti i movimenti del dorso e delle braccia. È a questo livello che agiscono le pressioni del metodi Dorn per rilassare e distendere la colonna vertebrale.

Il metodo Dorn è una tecnica di “igiene vertebrale” che aiuta a superare mal di schiena, do­lori articolari, tensioni croniche alle spalle, al collo o alle lombari, e a pre­venire le ricadute favorendo anche una buona postura. Il metodo Dorn non richiede ma­nipolazioni come l’ osteopatia o la chi­ropratica, ma consiste solo in pressioni delicate e assolutamente non dolorose (non più forti di quelle che useresti per suonare il citofono !), prima su un lato poi sul­l’ altro della spina dorsale, accanto alle apofisi spinose (la parte sporgente delle vertebre). Nel metodo Dorn, l’ operato­re lavora insieme al paziente, per­ché è la collaborazione che porta alla guarigione. In più, c’è una parte di “compiti a casa”: una serie di esercizi che l’ esperto spiega nei dettagli al paziente per permettergli di consolidare da solo i risultati ottenuti.

IL MASSAGGIO BREUSS PRIMA O DOPO IL METODO DORN

In preparazione a una sedu­ta col metodo Dorn o per concluderla, l’ operatore sottopone il paziente anche ad un massaggio Breuss: una tecnica estremamente rilassan­te messa a punto dal naturopata austriaco Rudolf Breuss, noto anche per aver studiato una speciale dieta antican­cro. L’ obiettivo di questo trattamento è reidratare i dischi intervertebrali. I nuclei polposi dei dischi intervertebrali sono composti per la maggior parte di acqua, che però si disperde quando la spina dorsale è compressa dalle atti­vità quotidiane o dalle tensioni muscolari. I dischi intervertebrali, invece, si nutrono quando la colonna vertebrale è in fase di scarico: di notte, per esempio, la colonna vertebrale assorbe i liquidi dell’ organismo permetten­do (il mattino dopo) dì svegliarsi riposati. Le manovre del massaggio Breuss sono di allungamento profondo e sono studiate per favo­rire la reidratazìone e il rilassamento dei dischi intervertebrali: un quarto d’ ora di massaggio riposa come una dormita di 8 ore. Prima del trattamento, la tecnica prevede l’ appicazione sulla schiena di olio di iperico che ammorbidisce la pelle e disinfiamma le articolazioni. Al termine del massaggio, l’ operatore tiene qualche minuto i palmi delle mani appoggiati sulla schiena: è un momento di meditazione che secondo il fondatore del metodo, riequilibra il flusso di energia.

CONTROINDICAZIONI DEL METODO DORN: è da evitare in caso di ernia, malattie articolari, osteoporosi, forti cefalee e subito dopo un incidente

La riuscita del metodo Dorn è sicura e i benefici sono immediati, ma ci sono casi in cui questo metodo non funziona e non bisogna ricorrervi. Non è possibile praticare il metodo Dom in chi soffre di ernie o di malattie articolari, a chi è reduce da un trauma recente, se si soffre di osteoporosi o di forti cefalee. Il metodo Dorn va evitato per la riabilitazione dopo un incidente, ma può invece aiutare a recuperare più rapida­mente dopo la fase riabilitativa.

ALCUNI CONSIGLI UTILI CONTRO IL MAL DI SCHIENA

Per evitare il mal di schiena, si può fare molto anche da soli, semplicemente prestando un pò di attenzione ai gesti che facciamo tutti i giorni. Ecco alcuni consigli che danno gli stessi operatori del metodo Dorn:

- quando ti siedi non stare con le gambe accavallate: questa posizione comporta la tensione asimmetrica dei muscoli della testa del femore che, a lungo andare, può provocare scompensi dell’ articolazione sacro iliaca e della colonna vertebrale. Per lo stesso motivo evita di allacciarti le scarpe tenendo il ginocchio fra le braccia: meglio che il ginocchio sia all’ esterno, di lato;

- per sollevare un peso da terra non curvare la schiena tenendo le gambe diritte, ma fai il contrario: piega le gambe che hanno muscoli forti sui quali puoi tranquillamente far leva;

- la mattina appena ti svegli e la sera prima di dormire prendi l’ abitudine di rilassare le anche con questo esercizio: sdraiato a pancia in su, alza e abbassa prima una gamba poi l’ altra, da tre a cinque volte per parte. Se fai fatica aiutati con un asciugamano posizionato in basso vicino all’ anca.

ESERCIZI FAI-DA-TE DEL METODO DORN

Gli esercizi di autoaiuto sono una parte fondamentale del metodo Dorn: si imparano nei gruppi o durante le sedute dall’ operatore, ma si trovano anche sul sito ufficiale del metodo Dorn (www.dornbreuss.it).

Ecco un esempio di due esercizi consigliati nel metodo Dorn:
- Con la pallina da tennis: sdraiati su una superficie dura con le braccia lungo i fianchi e le gambe flesse. Infila una pallina da tennis sotto l’ osso sacro. Ora alza e abbassa prima una gamba poi l’ altra. Inizia con le ginocchia flesse e poi, se riesci, ripeti con le gambe distese. Questo esercizio rilassa la zona lombare;
- per il collo
: gira la testa a sinistra e a destra, come per dire “no”. Ora, sempre facendo lo stesso gesto in modo ritmico, premi leggermente con le dita ai lati del collo, sotto la nuca. Continua per almeno un minuto, diverse volte al giorno. Ti aiuta a decontrarre la zona cervicale.

INDIRIZZI, LIBRI E INFORMAZIONI UTILI PER LE SEDUTE DEL METODO DORN (CURA DEL MAL DI SCHIENA, DEL MAL DI TESTA E DEI DOLORI CERVICALI)

Il metodo Dorn e il massaggio Breuss possono essere praticati da un operatore del benessere, un medico o un fisioterapista. Le due tecniche si usano anche nel fitness per migliorare la postura e aumentare le prestazioni.

A CHI RIVOLGERSI: sono un centinaio gli operatori Dorn in tutta Italia. Potete trovare gli indirizzi sul sito internet www.dornbreuss.it oppure chiamando il numero di telefono 0185-371087 (Francesco Gualerzi è il responsabile Dorn Italia e operatore a Chiavari, in provincia di Genova, al Centro Bene con Sé: www.beneinsieme.it)

IL LIBRO PER SAPERNE DI PIù: nel libro Il Metodo Dorn di Dieter Dorn (Mediterranee, €15,50), l’ inventore spiega la filosofia e i benefici di questa pratica.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!