Glicemia, intolleranza agli zuccheri e diabete: il valore della glicemia non deve superare i 100. Analisi Mediche

In uno stato di buona salute, il valore della Glicemia non deve superare i 100. La glicemia va misurata a digiuno, cioè a distanza di 3 ore dall’ ultimo pasto, e va valutata insieme all’ emoglobina glicata (il valore medio della glicemia negli ultimi tre mesi), che non deve superare il 5,7%. Se “i conti non tornano”, può essere l’ inizio di una situazione chiamata intolleranza glucidica (intolleranza agli zuccheri).

Avere una glicemia a digiuno compresa tra i 100 e i 125 (e un’ emoglobina glicata compresa tra i 5,7% e i 7%) segnala una difficoltà del glucosio ad entrare nelle cellule per essere utilizzato come energia, difficoltà che può dipendere da due cause:
- scarsa produzione di insulina (l’ ormone prodotto dal pancreas per metabolizzare gli zuccheri)
- resistenza periferica all’ insulina legata al fatto che, pur essendo prodotta in quantità sufficiente, non viene ben utilizzata.

Per combattere l’ intolleranza glucidica, una condizione pre-diabetica, occorre seguire una dieta povera di zuccheri semplici (saccarosio, dolci, caramelle, alcolici) e che privilegi i carboidrati integrali, ricchi di fibre che contrastano i picchi di glicemia.

Se la glicemia è giusta, basta verificarla due volte all’ anno. Se invece i valori della glicemia sono off-limits è necessario tenerla sotto controllo ripetendo l’ esame ad un mese dalla terapia (dieta o farmaci) e poi ogni tre mesi, per verificare che i valori della glicemia siano tenuti costantemente bassi.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!