Macchie rosa della pelle e cheratosi attinica: danni da abbronzatura. Cura cheratosi attinica

Le macchie della pelle rosa intenso, ovali e ispessite sono i sintomi tipici della cheratosi attinica.

Le macchie rosa acceso (meno frequente è la variante color grigio-marrone) tendono a confluire e a desquamarsi in superfìcie. Si presentano sulle zone più esposte ai raggi ultravioletti, come fronte, guance, collo, décolleté e mani. Se non si curano in tempo, diventano sempre più spesse, trasformandosi in un tumore cutaneo (tumore della pelle): il carcinoma squamo-cellulare.

Nelle persone “over 40″ che prendono il sole e fanno lampade senza proteggersi, le cheratosi attiniche sono la conseguenza di un danno al Dna dei cheratinociti: le cellule dell’ epidermide. L’ esposizione eccessiva e senza adeguata protezione ai raggi UVA e UVB, infatti, causa fotodanneggiamento cutaneo.

Diagnosi e terapie di cura della cheratosi attinica

Occorre fare una diagnosi tempestiva dal dermatologo analizzando la lesione, singola o multipla, con l’ epiluminescenza digitale: una tecnica diagnostica non invasiva che consente di ingrandirle e analizzare le lesioni sul monitor.

Per prevenire la comparsa delle macchie della pelle nelle persone più a rischio, con la pelle molto chiara o lentigginosa, capelli biondi o rossi, c’è una nuova crema che contiene un filtro solare altissimo 90+ e un enzima, chiamato fotoliasi, utile a riparare i danni al Dna cellulare causati dal sole.

La prevenzione è importantissima, ma per curare la cheratosi attinica già esistente si prescrive un gel al 3% di diclofenac o una crema base di imiquod: un immunomodulatore che “scioglie” la macchia. Si utilizza tre giorni alla settimana, a cicli di 4-6 settimane.

Se la cheratosi attinica non scompare, si può ricorrere alla sua asportazione chirurgica o, in alternativa, ad altre tre tecniche meno invasive come:
- la crioterapia, cioè la bruciatura a freddo con azoto liquido
- la terapia fotodinamica (PDT) che consiste nell’ applicare sulla macchia una sostanza acida e nell’ esporre la pelle, dopo tre ore, alla luce rossa di particolari lampade
- il laser CO2 o Neodimio-Yag, quest’ultima soluzione però non è convenzionata dal Servizio Sanitario Nazionale e costa circa 200-300 euro a seduta.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!