Nei e melanoma, macchie della pelle e macchie scure su viso e mani. Prevenire il tumore della pelle – Nuove Cure

nei-e-melanoma-macchie-della-pelle-e-macchie-scure-su-viso-e-mani-prevenire-il-tumore-della-pelle-nuove-curePeriodicamente è bene controllare se sul corpo sono spuntati dei nei della pelle strani. I disturbi dermatologici non vanno trascurati e richiedono attenzione. Molti ita­liani infatti hanno un proble­ma dermatologico, mol­ti però non lo sanno perché non si osservano mai. E tra i problemi dermatologici non c’è solo il melanoma camuffato da neo della pelle, ma ci sono anche altre macchie della pelle da non sottovalutare, co­me le cosiddette cheratosi attiniche che con il tempo possono trasfor­marsi in tumore.
E’ quindi importante fare un primo autoesame per scopri­re se c’è qualche chiazza sospetta, e in caso di nei della pelle e macchie strane è bene rivolgersi ad uno specialisa.

L’ AUTOESAME DELLA PELLE: PREVENZIONE DEL MELANOMA E DEI TUMORI DELLA PELLE

Per controllare la pelle gli specialisti consigliano di mettersi davanti allo specchio, partendo dal busto e dalla pancia. Poi, con un altro specchio alle spalle, guardare bene anche la schiena. È importante tener presente che non esistono solo i nei: le macchie possono avere aspetti diversi. Le macchie bianche della pelle possono ad esempio dipendere da un fungo e vanno valutate dallo specialista.

NEI E MELANOMA: come riconoscere un melanoma

Se dall’ autoesame della pelle hai notato un neo di forma irregolare, simile a un’ isola fotografata dall’ alto, il dubbio che sia un melanoma può ve­nire soprattutto se il neo è nero scuro oppure variegato dal marrone al nero al grigio, con margini netti tra le zone più scure e quelle chiare. Un altro segnale importante è controllare se il neo della pelle sembra aumentato di dimensione o se ha un diametro superiore ai sei millimetri.

DIAGNOSI DEL MELANOMA

La diagnosi di melanoma oggi è anco­ra più precisa grazie all’ analisi spettro­fotometrica. Si tratta di una specie di scanner che raccoglie le immagini in profondità, fino a due millimetri sotto la superficie della pelle, e le trasmette ad un computer. Rispetto alla videodermatoscopia, che è l’ esame tradiziona­le, è più dettagliato. L’ analisi spettro­fotometrica viene richiesta quando ci sono dei dubbi: permette di osservare la quantità e la qualità del flusso di sangue nel derma, in modo da avere subito indicazioni circa la for­mazione di nuovi capillari dovuti a un tumore cutaneo.
Con questo tipo di analisi è possi­bile anche vedere bene la struttura del collagene e capire quindi da eventua­li alterazioni se si tratta di un melanoma particolarmente aggressivo.

MACCHIE SCURE (BRUNE) SU MANI E VISO

Se hai notato delle chiazze brune, piatte e rotonde, con ogni probabilità sono le cosiddet­te macchie brune. In genere compaio­no sulle parti del corpo più esposte, co­me le mani e il viso e sono tipiche di chi prende il sole in modo intenso e concentrato, per esempio solo nei fine settimana. Sono più frequenti dopo i 40 anni perché con il tempo la pigmen­tazione della pelle diventa irregolare.

SCHIARIRE LE MACCHIE SCURE SU VISO E MANI

L’ ultima frontiera della cura per le macchie scure su viso e mani è un’ as­sociazione di due sostanze schiarenti: l’ acido cogico e l’ acido azelaico. Fi­no a poco tempo fa il principio attivo più utilizzato era l’ idrochinone, che oggi è stato abbandonato perché cau­sava spesso irritazioni e reazioni allergiche. Studi recenti hanno provato che il mix di acido cogico e acido azelaico è più efficace rispetto ai due principi attivi utilizzati da soli. Inoltre questo mix non aggredisce la pelle né causa irritazio­ni. La composizione viene messa a punto dal dermatalogo e preparata dal farmacista e può essere sotto forma di crema o di lozione. Il prodotto va applicato due volte al giorno per circa un paio di mesi direttamente sulla macchia. Non dà effetti collaterali ma per avere risultati duraturi bisogna proteggere la zona con una crema solare a schermo totale.

LA CHERATOSI ATTINICA: UN NEO RUVIDO AL TATTO (può trasformarsi in tumore se non viene rimosso)

Se si scopre una specie di neo ma ru­vido al tatto (come una placca scura), quasi sicuramente è che­ratosi attinica. Viene in genere sulle mani, sul viso oppure sulle gambe. La causa principale sono i raggi Uvb che con il passare degli anni possono alte­rare alcune cellule dello strato supe­riore della pelle e dare il via alle che­ratosi.
Oggi gli specialisti preferisco­no togliere la che­ratosi attinica, perché in due casi su 10 può trasformarsi in tumore.

NUOVE CURE PER LA CHERATOSI ATTINICA

La nuova strategia contro la che­ratosi attinica si chiama terapia fotodinamica e distrugge le cellule alterate. Rispetto alle altre cure, come la crioterapia, questa è particolarmente efficace quando ci sono diver­se cheratosi perché permette un trat­tamento più omogeneo.
Con la terapia fotodinamica viene appli­cato sulla macchia un farmaco a ba­se di una sostanza fotosensibilizzan­te, cioè che si attiva solo a contatto con la luce. La macchia viene irradia­ta per una decina di minuti con una lampada speciale che emana luce rossa e fredda. È come un bombar­damento che distrugge le cellule can­cerose. In genere basta una seduta. Gli effetti collaterali di questo trattamento sono pochi: a volte si può scatenare un eritema, cioè una scottatura lieve o si può avere un leg­gero gonfiore che passa da sé.

MACCHIE BIANCHE SULLA PELLE E VITILIGINE

Se hai notato delle macchie bianche con un bordo scuro, può essere vitiligine, una malat­tia della pelle comune soprattutto pri­ma dei 20 anni. Nella metà dei casi il disturbo è ereditario. Per ragioni che non sono ancora del tutto chiare, il sistema immunitario si scatena con­tro le cellule responsabili della pro­duzione di melanina, distruggendo­le. Così compaiono le chiazze.

CURA DELLA VITILIGINE CON IL LASER

Le nuove ricerche scientifiche hanno dimostrato che la terapia più efficace per la vitiligine è quella fatta con uno speciale laser che emette una luce monocromatica a eccimeri. Rispetto alle lampade Uvb uti­lizzate finora, il laser è più selettivo: così si evi­ta l’ esposizione alle radiazioni ultravio­lette della pelle sana. La terapia stimo­la sia l’ attività delle cellule del sistema immunitario sia la produzione di mela­nina. Ogni seduta dura tre minuti e viene fat­ta nello studio del dermatalogo. Il nu­mero di sedute dipende dalla gravità del proble­ma: in genere ce ne vogliono da un mi­nimo di tre a un massimo di 10.

Tag: , , , ,
Di

27 Commenti al post “Nei e melanoma, macchie della pelle e macchie scure su viso e mani. Prevenire il tumore della pelle – Nuove Cure”


  1. Maria scrive:

    Ho 44 anni e mi sono apparse sul viso macchie tonde di colore caffè-latte, mi devo preoccupare ? cosa può essere ? vi prego rispondere.
    grazie da pisa

  2. Redazione Io Benessere Blog scrive:

    Salve Maria, la comparsa di macchie scure sul viso può essere dovuta ad una eccessiva esposizione al sole senza l’ opportuna protezione, come nel caso delle macchie scure (macchie brune) che di solito compaiono su viso e mani.
    In questo caso non si tratta di nulla di grave, le macchie scure possono essere schiarite con particolari trattamenti (come descritto sopra nell’ articolo).
    Le macchie scure (brune) compaiono di solito dopo i 40 anni.
    E’ comunque bene effettuare una visita specialistica presso un dermatologo in modo da avere una diagnosi sicura.

  3. maria scrive:

    ciao, al mio fidanzato che ha 25 anni sono comparse delle macchie bianche sulla fronte… all’ inizio erano più piccole poi sono aumentate… so che deve andare dal dermatologo ma ne abbiamo passati già due… il primo diceva che era una dermatite e gli ha prescritto delle creme ma nulla… l’ altro ha detto che è una cosa alimentare mandandoci da uno specialista che gli ha prescritto una dieta… ma io non mi fido… possibile che escono delle macchie bianche per alimentazione ? adesso a fine mese andremo da un altro dermatologo se questa cura non funziona… voi che dite ? possibile che hanno dato delle diagnosi sbagliate ?

  4. Redazione Io Benessere Blog scrive:

    Salve Maria, le macchie bianche della pelle di cui soffre il tuo ragazzo possono essere un caso di Vitiligine, come descritto sopra nell’ articolo.

    La dermatite allergica ha infatti sintomi diversi: prurito diffuso, piccole vescicole, orticaria e desquamazione. Trovi maggiori informazioni in questi articoli (Clicca Qui):
    Sintomi allergia al nichel: dermatite da contatto e intolleranza alimentare

    Cause della Dermatite da Contatto: allergia al nichel, al cromo e al cobalto; allergia al lattice e ai detersivi

    Per quanto riguarda i Test per verificare le intolleranze alimentari, occorre comunque affidarsi ad un allergologo esperto ed eseguire un test cutaneo (PATCH TEST).
    Per verificare la presenza di altre allergie o intolleranze, si può eseguire anche uno SKIN PRICK TEST: questa indagine consiste nel posizionare sulla cute degli avambracci gocce dei vari allergeni e successivamente farne penetrare una piccola quantità praticando una piccola lesione con una lancetta monouso (lo strumento chirurgico usato per questo tipo di prove).
    Si considera la risposta positivamente se dopo 15 minuti compare un gonfiore cutaneo con irritazione circostante.

    Attraverso un prelievo di sangue (RAST) è possibile inoltre verificare e approfondire quanto già rilevato con lo Skin Prick Test.
    Questo particolare esame del sangue dosa la presenza di anticorpi IgE specifici verso gli allergeni responsabili della sintomatologia.

    Se il problema del tuo ragazzo non è stato risolto, è bene rivolgersi ad un altro dermatologo per verificare se si tratta di vitiligine e ad un allergologo esperto per verificare se il tuo ragazzo soffre di intolleranze alimentari con specifici test.

  5. Patrizia scrive:

    Salve, ho delle macchie scure che con tempo si sono trasformate in crosticine sul decollete, al tatto sono in rilievo. Sono molto preoccupata, non riesco a farle scomparire con nulla. grazie

  6. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Salve Patrizia, se hai rilevato una specie di neo ma ru­vido al tatto (come una placca scura), può trattarsi di che­ratosi attinica, come specificato sopra nell’ articolo. Oppure le macchie scure possono dipendere da una scorretta esposizione al sole. Il consiglio è comunque quello di rivolgersi ad un dermatologo per una visita e per valutare da che cosa dipendono le macchie scure. Evita il fai-da-te e rivolgiti ad un medico per un controllo specialistico.

  7. Luisa scrive:

    Ieri sera guardando la mia schiena ho visto due macchie rotonde rosse che prima non avevo notato, e visto che la visita dermatologica è troppo avanti (il 19 agosto) pensavo di andare a pagamento. Vorrei chiedere nella zona di Reggio Emilia, di Bologna, di Modena o di quale altra città è possibile trovare il nome di qualche dermatologo bravo ? Grazie a chi mi risponderà.

  8. irene scrive:

    salve. un anno fa ho fatto una superficialità. Ho dalla nascita un neo (rialzato ma di forma regolare) sul fianco destro e mi son fatta male con i jeanz, così ha sanguinato. Dopo il sangue ha fatto la crosta e caduta la crosta la parte traumatizzata è rimasta più scura. Quattro mesi fa ho iniziato a prendere la pillola anticoncezionale e ovviamente prima ho fatto tutte le analisi del sangue che occorrono. Tutto a posto, solo un’ anemia, ma siamo anemici in famiglia. Al padre della mia amica hanno scoperto un melanoma così ricordando la mia esperienza mi sono spaventata, ho capito quanto sono stata stupida e vorrei andare da un dermatologo. Momentaneamente sono a fuori italia e non posso arrivare prima di due settimane. Potreste nel frattempo dirmi qualcosa ? perchè sono davvero molo spaventata

  9. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Irene, aspettare due settimane per fare un controllo medico del tuo neo presso un dermatologo, non comporta grandi rischi. Cerca quindi per il momento di stare tranquilla, l’ importante è fare analizzare il tuo neo appena tornerai in Italia. Non è detto che il tuo neo sia un melanoma; un segnale importante per riconoscere un melanoma è controllare se il neo della pelle sembra aumentato di dimensione o se ha un diametro superiore ai sei millimetri. Questo non ha nulla a che fare col fatto di esserti ferita il neo. Per ora quindi cerca di stare tranquilla. Dato che hai aspettato un anno prima di deciderti di farti controllare il neo, se ora aspetti due settimane non succede nulla. Di certo il fatto che il papà della tua amica abbia scoperto di avere un melanoma ti ha fatto riflettere e preoccupare. Ma non è detto che il tuo neo sia un melanoma. E’ comunque bene effettuare un controllo medico e, se hai molti nei, fare una volta all’ anno la mappa dei nei.

  10. erica scrive:

    mi sono accorta oggi di una macchietta violacea un pò rialzata grande 6-7 mm che ieri non c’ era… mi sembra che avessi un neo in quel punto. Può essere che ho rotto il neo e si è formato un piccolo ematoma ? toccando intorno mi fa male come un livido… i melanomi spuntano dalla notte al giorno ? grazie

  11. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Salve Erica, è possibile che involontariamente tu abbia ferito il tuo neo. Considera che il melanoma è di solito un neo scuro che nel tempo sembra aumentato di dimensione oppure è un neo scuro con un diametro superiore ai sei millimetri. Di solito però il melanoma non fa male al tatto.
    La che­ratosi attinica è invece una specie di neo ma ru­vido al tatto (come una placca scura), e viene in genere sulle mani, sul viso oppure sulle gambe. La causa principale della che­ratosi attinica sono i raggi Uvb che con il passare degli anni possono alte­rare alcune cellule dello strato supe­riore della pelle e dare il via alle che­ratosi attonica. Oggi gli specialisti preferisco­no togliere la che­ratosi attinica, perché in due casi su 10 può trasformarsi in tumore.
    In caso di dubbio è bene che tu ti rivolga ad un dermatologo per valutare il tuo neo.

  12. step scrive:

    salve, ho 25 anni e mi sta capitando che dopo la fuoriuscita di qualche brufolo invece di scomparire mi rimane una macchia sulla pelle che poi diventa un neo, ma come mai ? oppure quando vado al mare il brufolo invece di asciugarsi ed andare via mi rimane una macchia scura sulla pelle, cos’è un neo ? che rimedi posso usare ? vi prego aiutatemi !

  13. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Salve Step, di solito i brufoli lasciano delle piccole cicatrici che (soprattutto con l’ esposizione al sole) possono trasormarsi in macchie scure della pelle. In questi casi non si tratta di nei, e non è nulla di grave: si tratta solo di cicatrici da acne. Per tua sicurezza effettua comunque una visita dermatologica.
    Se il tuo problema è relativo a macchie scure della pelle dovute all’ acne e all’ esposizione al sole, oggi esistono molti metodi per schiarire le macchie scure della pelle. Come riportato anche sopra nell’ articolo, l’ ultima frontiera della cura per le macchie scure è un’ as­sociazione di due sostanze schiarenti: l’ acido cogico e l’ acido azelaico. La composizione viene messa a punto dal dermatalogo e preparata dal farmacista e può essere sotto forma di crema o di lozione.

    Un’ altra novità per schiarire le macchie scure della pelle e le cicatrici da acne viene dalla medicina estetica: il trattamento laser Co2; trovi maggiori informazioni in merito in questo articolo (Clicca Qui):
    Trattamento Laser per eliminare rughe, cicatrici da acne e macchie della pelle – Medicina Estetica Bellezza Viso

    E’ comunque importante che tu effettui una visita di controllo dal dermatologo: sarà il medico stesso a valutare il tuo problema e a consigliarti la migliore soluzione.

  14. Luciana scrive:

    Salve, mi chiamo Luciana. Vorrei avere, se possibile, una delucidazione circa una macchia color caffelatte, comparsa sulla spalla di mia madre, di forma irregolare, leggermente ruvida al tatto, con all’ interno sfumature più chiare tendenti al bianco. Il medico curante ha suggerito di trattarla con della crema per una decina di giorni circa, per poi ritornare da lui qualora la macchia non fosse scomparsa. Sono passati i dieci giorni ma mi pare che non ci siano stati miglioramenti. Cosa è opportuna fare ? Grazie.

  15. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Salve Luciana, la cosa migliore è rivolgersi ad uno specialista e prendere un appuntamento dal dermatologo per una valutazione medica della macchia (o neo) di tua madre. Il melanoma è un neo di forma irregolare, scuro oppure variegato dal marrone al nero al grigio, con margini netti tra le zone più scure e quelle chiare. Un altro segnale importante del melanoma è controllare se il neo della pelle sembra aumentato di dimensione o se ha un diametro superiore ai sei millimetri. Se invece si scopre una specie di neo ma ru­vido al tatto (come una placca scura), può essere cheratosi attinica. La causa principale della che­ratosi attinic sono i raggi Uvb che con il passare degli anni possono alterare alcune cellule dello strato supe­riore della pelle e dare il via alle che­ratosi. Oggi gli specialisti preferisco­no togliere la che­ratosi attinica, perché in due casi su 10 può trasformarsi in tumore. Nel caso di tua madre quindi, per sfatare il dubbio di melanoma o di cheratosi attinica, è bene effettuare un controllo medico presso uno specialista. Potrebbe anche non trattarsi di nulla, ma è necessaria una valutazione medica competente in materia.

  16. Daniel scrive:

    Salve, io ho delle macchie bianche sulla schiena, ma 4 anni fa erano piccolissime ora ho la spalla destra e sinistra coperte di queste macchie bianche e in più adesso mi stanno uscendo anche sul petto e un pò sulla pancia, non sono mai stato da un dermatologo, sono già grave ? cosa può essere ?

  17. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Salve Daniel, se hai notato la comparsa di macchie bianche della pelle con un bordo scuro, può essere vitiligine: una malattia della pelle causata dal sistema immunitario che si scatena con­tro le cellule responsabili della produzione di melanina, distruggendo­le. Così compaiono le chiazze bianche sulla pelle. Per quanto rigurada la cura della vitiligine, come scritto anche sopra nell’ articolo, le nuove ricerche scientifiche hanno dimostrato che la terapia più efficace per la vitiligine è quella fatta con uno speciale laser che emette una luce monocromatica a eccimeri. Rispetto alle lampade Uvb uti­lizzate finora, il laser è più selettivo: così si evi­ta l’ esposizione alle radiazioni ultravio­lette della pelle sana. La terapia stimo­la sia l’ attività delle cellule del sistema immunitario sia la produzione di mela­nina. Ogni seduta dura tre minuti e viene fat­ta nello studio del dermatalogo. Il nu­mero di sedute dipende dalla gravità del problema: in genere ce ne vogliono da un mi­nimo di tre a un massimo di 10. Per valutare se il tuo problema della pelle dipende dalla vitiligine, devi necessariamente rivolgerti ad un dermatologo per un controllo medico. Le macchie bianche che hai sulla pelle potrebbero anche non essere vitiligine, anche perchè di solito le macchie bianche della pelle dovute alla vitiligine si concentrano so­prattutto sul viso, at­torno alla bocca e agli occhi, sulle mani, i piedi e i genitali. Nel tuo caso invece le macchie bianche della pelle sono comparse sulle spalle, sul petto e sulla pancia.
    Puoi trovare maggiori informazioni sulla vitiligine in questo articolo (Clicca Qui):
    Sintomi Vitiligine: macchie bianche della pelle e mancanza di melanina. La cura per la vitiligine

    Per la cura della vitiligine con il trattamento laser e per avere maggiori informazioni, puoi telefonare anche a questo numero verde 800-553979 (Centro di riferimento nazionale per la Vitiligine).
    Trovi altre informazioni in questo articolo (Clicca Qui):
    Trattamenti Laser: eliminare le macchie scure su viso, mani e décolleté, e cura di psoriasi e vitiligine

  18. simona scrive:

    Slave. Ho 31 anni. è da un anno che mi sono accorta che sulla pelle, sia gambe, braccia, seno, mi sono venute fuori delle macchie piccole tipo neo di colore marrone scuro, e alcune anche di colore chiaro marrone. Sono piccole. Mi devo preoccupare ?
    Grazie.

  19. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Simona, se hai notato delle macchie brune piatte e rotonde (tipo piccoli nei della pelle) possono essere delle macchie dovute al sole. In genere compaio­no sulle parti del corpo più esposte al sole e sono tipiche di chi prende il sole in modo intenso e concentrato. In questo caso non si tratta di nulla di grave, è bene però che tu prenda appuntamento presso un dermatologo per una visita specialistica e per valutare la natura dei nei della pelle che ti sono comparsi ormai da un anno.

  20. laura scrive:

    Buongiorno, ho notato sulla schiena un aumento notevole dei nei è normale ? Nessuno in rilievo, ma l’ aumento è notevole…
    grazie

  21. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Laura, se hai notato dei cambiamenti riguardo ai tuoi nei (descrivi un aumento considerevole dei tuoi nei sulla schiena), è bene che tu prenda appuntamento presso un dermatologo per fare una mappa dei nei. E’ un semplice controllo per verificare se tutto è nella norma. Una diagnosi on-line è impossibile, l’ unico consiglio utile è quello di rivolgersi ad uno specialista dato che hai notato un aumento dei tuoi nei. La mappa dei nei è un controllo che viene fatto una volta all’ anno ed è molto utile per chi ha molti nei.

  22. silvia scrive:

    quest’ estate mi sono accorta che intorno ad un neo si è formata una zona chiara che non si è abbronzata fino alla fine. Volevo sapere se è un fungo, semplice mancanza di melanina o altro ! Rispondere prego !
    ciao e baci da silvia !

  23. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Silvia, l’ unico modo per essere certi sulla natura della tua macchia bianca è effettuare un visita dermatologica. Le zone chiare o le macchie bianche che si formano sulla pelle possono essere anche dovute ad un fungo della pelle molto comune: la Ptiriasi Versicolo. Questo fungo della pelle non è infettivo e non si trasmette attraverso il contagio. E’ un fungo tipico delle donne con la carna­gione scura, che sudano molto e che hanno la pelle grassa. Per que­sta ragione il fungo della pelle si “riattiva” in estate. Trovi maggiori informazioni in questo articolo (Clicca Qui): Macchie bianche della pelle (“fungo” della pelle), “piede d’ atleta” e verruche sotto al piede: malattie della pelle

  24. Hilly scrive:

    Da circa due mesi ho notato che mi stanno crescendo tanti nei su pancia, braccia, gambe e schiena in modo molto veloce. Dall’ aspetto non sembrano pericolosi ma é normale che nascano in così poco tempo? In piú se un neo fa prurito alcune volte c’é da preoccuparsi?

  25. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Hilly, molto spesso quando compaiono tanti piccoli nei come nel tuo caso, sono dovuti ad un’ eccessiva esposizione al sole senza un’adeguata protezione solare. Vai spesso al mare o al lago? Quando prendi il sole ti proteggi con un filtro solare alto? Che fattore di protezione usi normalmente? Fai delle lampade solari? In passato hai sempre usato creme ad alta protezione solare? Nel tuo commento non hai inoltre specificato la tua età.

    In questi casi comunque occorre sottoporre i nei alla valutazione periodica dello specialista (il dermatologo). Può trattarsi di nei del tutto innocui, ma anche di una situazione da tenere sotto controllo. Soprattutto se hai più di 50 nei, devi preferibilmente fare controlli periodici con la mappatura dei nei. Questo serve per scongiurare l’ipotesi del melanoma: un tumore della pelle molto aggressivo che si forma proprio se prendi il sole senza un’adeguata protezione. Trovi maggiori informazioni qui: Mappatura dei nei per prevenire il melanoma

    Il consiglio che ti diamo è quello di prendere appuntamento con un dermatologo per una visita specialistica e una mappatura dei nei.

  26. Rita scrive:

    Salve, stamattina guardandomii allo specchio ho notato che sul collo mi sono comparse delle macchie color caffè-latte, una è abbastanza grande, le altre 4 un pò meno. sono sicura che prima non ci sono mai state. potrebbe essere qualcosa di preoccupante?

  27. Redazione Io Benessere Blog scrive:

    Buonasera Rita, le macchie che hai notato possono essere semplicemente dovute al sole, ma solo una visita specialistica da un dermatologo può darti una diagnosi certa. Dato che hai notato la comparsa di macchie sul collo che prima non avevi, e dato che sembri preoccupata, prenota subito una visita specialistica in modo da eliminare ogni dubbio. Il dermatologo può inoltre farti anche una mappatura dei nei in modo da tenerli sotto controllo nel tempo e verificare se ci sono variazioni significative.

Lascia un commento