Nuove protesi seno al silicone e filler di grasso corporeo per aumento seno

Nell’ ambito della chirurgia e della medicina estetica, ci sono importanti novità sull’ aumento del seno.

Per quanto riguarda l’ aumento del seno con mastoplastica additiva (intervento chirurgico di aumento del seno con protesi), la chirurgia estetica ha dovuto fare i conti con lo scandalo delle protesi Pip, le protesi per l’ aumento del seno riempite con silicone non medicale e a rischio rottura (trovate maggiori informazioni qui: Protesi al seno Pip a rischio rottura).

Nell’ ambito della medicina estetica invece (aumento del seno con filler-iniezioni di acido iarulonico), è stato dato lo stop all’ uso del gel Macrolane per l’ aumento del seno, in quanto rendeva le mammografie meno precise (trovate maggiori informazioni qui: Stop al Macrolane per l’ aumento del seno).

In arrivo le protesi al seno in silicone che si riempiono dall’ interno: meno cicatrici e risultati più naturali

Per la mastoplastica additiva, attualmente la scelta è fra le protesi di qualità adeguata. Per il futuro ci sono delle novità: nuove protesi, non ancora disponibili nella pratica clinica, da riempire in gel di silicone una volta collocate nel seno, come già si fa da molti anni con le protesi da gonfiare con acqua. Il gel di silicone ha una consistenza più naturale e la possibilità di inserire la protesi sgonfia permette di fare incisioni molto più piccole e di dare alle mammelle una forma più naturale. Ma per ora si tratta solo di sperimentazioni.

Lipofilling: filler di grasso corporeo per l’ aumento del seno senza protesi

Dopo lo stop al Macrolane, il trapianto di grasso corporeo prelevato da altre regioni del corpo resta il più promettente per l’ aumento del seno senza protesi. Il lipofilling consiste nel prelevare il grasso corporeo con la tecnica della liposuzione su fianchi, pancia, gambe o glutei; il grasso in eccesso prelevato viene poi trattato con un complesso sistema e reiniettato tramite filler (piccole iniezioni) per aumentare il seno. Questa tecnica è già in uso da tempo, purtroppo però in molte donne che desiderano un seno più grande non è presente grasso in quantità sufficiente ad offrire un aumento adeguato. Il trapianto di grasso (lipofilling) si è rivelata una tecnica efficace non solo per interventi a scopo estetico, ma anche ricostruttivo. Se disponibile, il grasso corporeo può servire anche per ricostruire interamente una mammella amputata a causa di un cancro al seno o per correggere difetti particolari, come irregolarità di forma e pieghe cutanee dovute, ad esempio, alla presenza di una protesi troppo superficiale. Nella maggior parte dei casi un solo trapianto di grasso non è sufficiente per ottenere il risultato desiderato, ma ne occorrono diversi, in alcuni casi anche 4 o 5. Trovate maggiori informazioni sul lipofilling qui: Lipofilling per aumentare il seno senza protesi

La sicurezza resta comunque il punto principale: è bene rivolgersi sempre ad un chirurgo estetico plastico qualificato, con una specializzazione adeguata ed esperienza nel settore. Questo oggi non è solo consigliato, ma è addirittura stabilito dalla legge 5 giugno 2012 n.86 che è appena entrata in vigore: Legge sulle protesi per l’ aumento del seno





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!