Nuovi interventi: aprire tube Falloppio (gravidanza), bruciare noduli tiroidei benigni, cura fratture vertebre

Grazie ai progressi della radiologia interventistica, che utilizza la diagnostica per immagini (ecografìa, radiologia, tac e risonanza magnetica) e ministrumenti con aghi e cateteri, oggi è possibile dire addio ai grandi interventi chirurgici. Ecco le novità in campo medico.

Salute donna: nuovo intervento per aprire le tube di Falloppio ed avere una gravidanza

Una delle cause più frequenti di sterilità femminile è la chiusura delle tube di Falloppio, conseguente a infezioni genitali silenti come quelle da Clamidia, un germe motto insidioso. Fino a ieri, l’ unica strada per by-passare le tube ostruite era ricorrere all’ intervento chirurgico o alle tecniche di fecondazione assistita. Oggi invece è possibile disostruire le tube nel corso di un semplice esame radiologico chiamato istero-salpingografia.

In particolare, il dipartimento di radiologia interventistica e diagnostica per immagini dell’ Ospedale Molinette di Torino vanta una grande esperienza (dal 1988) di questa tecnica “salvafertilità” (il direttore responsabile del reparto è il professor Giovanni Gandini).

Questo tipo di intervento per aprire le tube viene effettuato senza anestesia e in ambulatorio. Nella cavità uterina viene iniettato un mezzo di contrasto, cioè un liquido radiopaco che visualizza il percorso nelle tube fino in prossimità delle ovaie. Quindi, sotto controllo radiologico, si introduce una sottilissima guida metallica (come quelle usate da anni in angiologia) che viene sospinta nelle tube per riaprirle meccanicamente. Grazie a questo semplice intervento, nel 30% dei casi la gravidanza arriva nei primi tre mesi.

Nuovo intervento per bruciare i noduli tiroidei benigni del collo

In caso di nodulo alla tiroide, si fa una piccola anestesia locale nel collo e, sotto guida ecografica, si infila nel nodulo tiroideo un ago collegato a un generatore di radiofrequenza. La punta dell’ ago si scalda fino a 110 gradi ed emette onde radio capaci di necrotizzare (bruciare) nel giro di cinque minuti il nodulo tiroideo. La tecnica è indicata solo per “bruciare” noduli tiroidei benigni, solidi, singoli e non superiori ai due centimetri di diametro (adenomi). Trovate maggiori informazioni sui noduli tiroidei (del collo) qui: Noduli tiroidei (noduli benigni collo)-diagnosi e cura

Nuovo intervento per la cura di fratture alle vertebre

Le fratture delle vertebre possono essere dovute all’ osteoporosi o a traumi accidentali, come una caduta sugli sci (per la diagnosi di osteoporosi, soprattutto per le donne in menopausa, è utile eseguire l’ esame MOC, trovate maggiori informazioni qui: Esame MOC per diagnosi osteoporosi-donne in menopausa). In questo caso, in day-hospitai, si “riparano” le vertebre dorsali o lombari, con la guida della radioscopia, associata a volte alla Tac. In anestesia locale, con un ago si inietta del “cemento” all’ interno della vertebra fratturata. La sostanza cementante è in genere il polimetilmetacrilato, ma nei pazienti più giovani oggi si usano dei cementi biologici che si riassorbono e non lasciano traccia, a base di fosfato o solfato di calcio.





4 risposte

  1. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Ciao Cristina, come già risposto nel commento precedente, l’intervento chirurgico per aprire le tube di Falloppio ed avere una gravidanza è indicato se le tube sono ostruite da infezioni vaginali.
    Se invece hai fatto in precedenza un intervento per la chiusura delle tube (sterilizzazione), questo è un metodo contraccettivo irreversibile: non puoi più avere figli. La sterilizzazione è infatti un metodo contraccettivo definitivo e, in questo caso, l’ intervento per riaprire le tube esiste ma ha risultati molto incerti (che dipendono della modalità di chiusura delle tube) e aumenta il rischio di gravidanze extrauterine.

    Prenota quindi una visita specialistica da un ginecologo nella tua zona di residenza, in modo da spiegare la tua situazione: il medico ti darà la soluzione migliore.

  2. Cristina scrive:

    Ciao, sono una donna di quasi 32 anni, ho le tube chiuse da 12 anni e vorrei sapere come posso fare. sono in abruzzo a vasto

  3. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Catalina, se sei in Italia, puoi rivolgerti all’ospedale Molinette di Torino. Questo intervento è però indicato se le tube di Falloppio sono ostruite da infezioni vaginali.
    Se invece hai fatto in precedenza un intervento per la chiusura delle tube (sterilizzazione), questo è un metodo contraccettivo irreversibile: non puoi più avere figli. La sterilizzazione è infatti un metodo contraccettivo definitivo e, in questo caso, l’ intervento per riaprire le tube esiste ma ha risultati molto incerti (che dipendono della modalità di chiusura delle tube) e aumenta il rischio di gravidanze extrauterine.

    Prenota quindi una visita specialistica in modo da spiegare la tua situazione: il medico ti darà la soluzione migliore.

  4. durancea catalina scrive:

    ciao, mi chiamo catalina, sono rumena e ho 4 figli. sono ancora sposata e mio marito vuole anche lui un figlio… io lo amo tanto, vorrei avere anche io un altro figlio, ma ho paura di non potere averli, così ho cercato tanti siti e ho visto che le tube si possono aprire. sarei molto felice se potessi riaprire di nuovo le tube. grazie

Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!