Prediabete: come si cura? Prevenire il diabete

Come prevenire il diabete? Fai i test per il prediabete e gioca d’anticipo sulla malattia.
prediabete valori diabete
Il diabete di tipo 2 di solito insorge dopo i 40 anni, è legato al sovrappeso o all’obesità e colpisce prevalentemente le donne. In Italia molte persone diabetiche non sanno di esserlo, e quindi non si sottopongono a nessun tipo di trattamento o cura. La scoperta di avere il diabete avviene casualmente durante check-up annuali o esami medici in vista di un intervento. In questi casi è però troppo tardi per curare il diabete solo correggendo la dieta e lo stile di vita.
Ecco allora la necessità di intervenire per tempo quando si può.
Il prediabete è infatti l’anticamera del diabete: basta fare dei test medici per scoprirlo.
Ecco cosa è bene sapere.

Quali sono i fattori di rischio che favoriscono il diabete?

Il primo elemento da tenere sotto controllo è dato dai chili di troppo: essere in sovrappeso o in obesità è un fattore di rischio che può portare al diabete.
Avere un indice di massa corporea (peso diviso altezza al quadrato) superiore a 25 aumenta la probabilità di andare incontro a problemi di diabete. Per il calcolo dell’indice di massa corporea, leggi l’articolo correlato (clicca qui): Calcolo Indice Massa Corporea

Altri fattori di rischio che predispongono al diabete sono la familiarità (cioè avere parenti di primo e secondo grado diabetici) e, per le donne, l’aver sofferto in gravidanza di diabete gestazionale. Il diabete avuto in gravidanza è infatti un fattore di rischio: la donna può ammalarsi di diabete successivamente.
Infine, il rischio di diventare diabetico aumenta se soffri di ipertensione arteriosa (“minima” superiore a 90 e “massima” superiore a 140) oppure se soffri di dislipidemia: livelli ridotti di colesterolo HDL (quello “buono”) e livelli elevati di trigliceridi.

Per saperne di più su ipertensione, dislipidemia e colesterolo, leggi anche questi cinque articoli correlati
(clicca sui link qui di seguito):
1- Valori pressione arteriosa

2- Sintomi ipertensione

3- Obesità e dislipidemia

4- Valori colesterolo

5- Colesterolo Alto

Prediabete: cosa fare?

Se i fattori di rischio si sommano, ecco delinearsi una persona “ad alto profilo di rischio diabete”.
In questo caso occorre fare due controlli medici: la misurazione della glicemia a digiuno e l’esame dell’emoglobina glicata (che si rileva con un prelievo di sangue).
Il valore della glicemia non deve essere superiore a 126 mg/dl. Mentre il valore dell’emoglobina glicata (che indica la glicemia media nei 2-3 mesi precedenti al prelievo) non deve superare il 6,5%.
prediabete valori glicemia
Se entrambi i valori sono normali, ma ci sono fattori di rischio di diabete, viene prescritto un terzo esame: la curva da carico di glucosio, che prevede la misurazione della glicemia sia a digiuno che 2 ore dopo aver bevuto una soluzione zuccherata, in modo da valutare come l’organismo metabolizza gli zuccheri.
Se, dopo 2 ore, la glicemia è compresa tra 140 e 199, si conferma un quadro di prediabete, caratterizzato da una forma di intolleranza glucidica: questo è il campanello d’allarme del diabete.

Che cos’è l’intolleranza glucidica?
Prediabete, dieta e sport

Quando viene diagnosticata un’intolleranza glucidica, l’insulina (cioè l’ormone secreto dal pancreas per metabolizzare gli zuccheri) diventa sempre meno “efficiente” (si parla di insulino-resistenza) perché è incapace di esercitare la sua azione a livello del fegato, dei muscoli e del tessuto adiposo.
Per sopperire a questa “inefficienza”, l’organismo secerne sempre più insulina.


Per interrompere questo pericoloso circolo vizioso, la prima cosa da fare è (nei casi di sovrappeso o obesità) perdere peso con una dieta ipoglucidica: niente zuccheri semplici (come dolciumi e bevande zuccherate), ma solo carboidrati complessi (come pane, pasta, riso, farro, orzo, avena; meglio se integrali) che apportano fibre preziose e che rallentano l’assorbimento degli zuccheri.
La dieta da seguire deve essere fatta su misura per ridurre l’apporto calorico giornaliero e deve essere abbinata a regolare attività fisica (alemeno 3 volte a settimana).
E’ quindi bene, in caso di prediabete e intolleranza glucidica, rivolgersi subito ad un nutrizionista o ad un dietologo per essere seguiti e per avere una dieta adatta al problema.

Oltre alla dieta, la seconda arma per la lotta al diabete è l’esercizio fisico costante: sono ideali tutte le attività aerobiche come il nuoto, l’aquagym, il jogging (la corsa), il ballo e la bici.

Diabete: quando prendere i farmaci?

Quando dieta e attività fisica non bastano più, occorre prendere dei farmaci per curare il diabete.
Questa malattia infatti tende a peggiorare e nel tempo diventa sempre più difficile riuscire a tenere sotto controllo i sintomi. Che farmaci prendere per il diabete?
In genere, il diabetologo comincia a prescrivere la metformina (da 500 mg a due grammi al giorno), da assumere dopo mangiato una, due o tre volte al giorno. Questo farmaco agisce su due fronti: abbassa la glicemia a digiuno e migliora la sensibilità periferica all’insulina.
Se necessario, alla metformina vengono associati altri farmaci:

  • le sulfaniluree (che stimolano il pancreas a liberare insulina e abbassano la glicemia post-prandiale)
  • i glitazoni (che migliorano la sensibilità all’insulina)
  • le incretine (che agiscono sulla glicemia post-prandiale).

Spetta al diabetologo combinare questi farmaci per ottenere un controllo personalizzato della glicemia prima e dopo i pasti.





Una risposta

  1. Annica scrive:

    Molto interessante, non avevo mai sentito parlare di “indice di massa corporea”.

Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!