Protesi seno: quali sono le migliori protesi per il seno?

Per l’ intervento di mastoplastica additiva (aumento del seno) è oggi possibile un’ ampia scelta di protesi: quelle al poliuretano, quelle nanotesturizzate e le protesi per il seno ultraleggere ti consentono di avere un seno più grande ma con un risultato naturale.
protesi seno modelli migliori
L’ intervento chirurgico di mastoplastica additiva per aumentare il volume del seno con le protesi è una scelta delicata e molto importante nella vita di una donna. Per ottenere il migliore risultato, è determinante sia la preparazione del chirurgo plastico che la qualità dei materiali usati.
Le protesi per l’ aumento del seno diventano infatti parte del corpo della donna che decide di sottoporsi a questo tipo di intervento chirurgico. E’ quindi fondamentale che le protesi usate per la mastoplastica additiva siano della migliore qualità.
E’ il chirurgo estetico che aiuta la donna nella scelta del tipo di protesi più adatta: la protesi per aumentare il seno deve essere del modello che meglio si addice alle preferenze estetiche e allo suo stile di vita di ciascuna donna.
La sicurezza delle protesi per l’ aumento del seno è ormai di alto livello: tutti i tipi di protesi contengono un gel di silicone medicale “altamente coesivo”, che anche in caso di rottura della protesi non si diffonde nei tessuti circostanti.

Ecco i 3 migliori modelli di protesi per aumentare il seno, le loro caratteristiche e i vantaggi.
Esiste inoltre un’alternativa all’intervento chirurgico: è possibile aumentare il seno senza protesi con il lipofilling.

Protesi nanotesturizzate per aumentare il seno

Tra le novità della chirurgia estetica, ci sono le protesi nanotesturizzate: sono una nuova generazione di protesi per aumentare il seno. Realizzate in materiale hi-tech, le protesi nanotesturizzate consentono di ottenere risultati esteticamente migliori e garantiscono una maggiore sicurezza.
Il rivestimento esterno di queste protesi è “nanotesturizzato”: liscio al tatto e meno irritante per il corpo. All’interno le protesi sono riempite con un particolare gel di silicone che dà una forma molto naturale al seno.
Inoltre, pur essendo rotonde, le protesi nanotesturizzate sono anche ergonomiche: una volta inserite dietro al muscolo, grazie al particolare gel che contengono, assumono una forma naturale e non c’è rischio di rotazione, tipico invece delle protesi anatomiche.
Le nuove protesi per il seno nanotesturizzate hanno all’interno un chip: una specie di carta d’identità che consente di identificare il tipo e il lotto di produzione grazie ad uno scanner esterno.

Protesi al poliuretano per l’ aumento del seno

Le protesi per il seno al poliuretano hanno un costo più alto e comportano maggiori difficoltà tecniche per il chirurgo plastico, ma il poliuretano è un materiale che elimina quasi del tutto il rischio di indurimento della mammella e il rischio del cambiamento di forma del seno causato dalla rotazione delle protesi.
Dato che le protesi per il seno al poliuretano mantengono perfettamente la loro forma e non sono influenzate dalla reazione del corpo della donna, con questo tipo di protesi è possibile prevedere esattamente la forma che il seno avrà e offrire alla donna un risultato più aderente alle sue aspettative.

Nuove protesi ultra-leggere per aumentare il seno

Le protesi ultra-leggere per aumentare il volume del seno sono un’altra novità della chirurgia plastica. Queste protesi per il seno hanno un peso minore del 30% rispetto alle protesi tradizionali. Il minor peso rappresenta un grande vantaggio: col passare degli anni, queste protesi incidono meno sulla discesa del seno, soprattutto se sono inserite direttamente dietro alla ghiandola mammaria, anziché dietro il muscolo pettorale.
Con le protesi ultra-leggere c’è quindi un minore rischio di ritrovarsi con un seno cadente andando avanti con l’età.

Aumentare il seno senza protesi con lipofilling

Le donne che desiderano avere un seno più grande senza protesi, possono valutare il trapianto di grasso: il lipofilling.
Non tutte le donne però possono sottoporsi all’aumento del seno usando il trapianto di grasso, ma se ci sono le giuste condizioni (valutate in fase di visita dal chirurgo estetico) il lipofilling rappresenta un’ottima alternativa all’intervento chirurgico.
Se infatti una donna ha del grasso in eccesso e vuole aumentare le dimensioni del seno, il lipofilling consente sia di rimodellare il corpo che di aumentare il volume del seno, risolvendo quindi due problemi contemporaneamente. È ovvio che se una donna magra desidera aumentare di due o tre taglie il seno, la mastoplastica additiva con protesi rappresenta l’unica soluzione possibile.

Per approfondimenti sulla tecnica del lipofilling, leggi anche gli articoli correlati (clicca sui link qui di seguito):

1- Lipofilling Seno

2- Lipofilling per aumentare il seno

3- Lipofilling per aumento seno senza protesi





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!