Rimedi naturali e prodotti cosmetici contro gambe gonfie e pesanti, cattiva circolazione delle gambe

Con l’ arrivo del caldo i problemi di circolazione peggiorano, le caviglie si gonfiano e le vene soffrono. Per almeno tre donne su dieci la bella stagione (soprattutto l’ estate) è un supplizio: con il caldo le gambe si appesantiscono, camminare e stare in piedi diventa un problema. Questi disturbi sono sintomi di insufficienza venosa e cattiva circolazione delle gambe, e non vanno trascurati. Le vene varicose non si manifestano improvvisamente e possono essere prevenute, o quanto meno si può rallentare il processo che conduce alla loro formazione. Diagnosi tempestive e corrette abitudini di vita sono le migliori armi di prevenzione. Oltre a calze elastiche, si possono abbinare anche cosmetici mirati. Se invece venuzze e varici sono già affiorate sulle gambe, si possono correggere e cancellare con tecniche innovative: dal laser, alle sclerosanti alla chirurgia (trovate maggiori informazioni qui: Cura vene varicose sulle gambe e capillari: laser, flebectomia, termoterapia, scleroterapia). Nella circolazione venosa, il sangue venoso dai piedi deve ritornare verso il cuore vincendo la forza di gravità. Sono i muscoli di piedi e gambe che, agendo da pompa, stimolano la circolazione venosa. Per evitare ristagni, le pareti delle vene sono provviste di valvole a nido di rondine. Se tutto è ok, le valvole chiudono il vaso e impediscono al sangue di defluire verso il basso. Se invece la circolazione non funziona bene, il sangue ristagna e le vene iniziano a sfiancarsi e dilatarsi, generando una serie di patologie.


Passeggiare almeno mezz’ ora al giorno è un’ arma efficace per prevenire l’ insufficienza venosa. Camminando (ottimo se lo fate in acqua) o salendo le scale i muscoli “stringono” le vene facilitando la salita del sangue. Inoltre, viene sollecitata la pianta del piede, dove c’è una pompa di piccoli vasi sanguigni che raccolgono il sangue e lo “spremomo” verso l’ alto. Durante i lunghi viaggi in auto, fate soste per sgranchire le gambe e in aereo passeggiate in corridoio per 3 minuti ogni ora. Se passate le giornate sedute alla scrivania, usate una pedana poggiapiedi e sollevate le gambe per almeno un quarto d’ ora, 3 volte al giorno. Se invece state molto in piedi per lavoro, alzatevi sulle punte per 2 minuti al giorno. Il 50% delle donne italiane soffre di problemi circolarori agli arti inferiori. Per la maggior parte si tratta di disturbi lievi, come gonfiori o reticoli di capillari. Un 30% delle donne soffre invece di vene varicose.

Flavonoidi contro gambe gonfie e pesanti e cattiva circolazione

Ai primi sintomi di pesantezza e gonfiori, i medici consigliano di iniziare una cura a base di flavonoidi: sono sostanze presenti in moltissime piante, quali rutacee, vite rossa, ginkgo biloba, ippocastano, che prevengono l’ ossidazioni dei lipidi delle membrane cellulari, tonificano le vene, riducono le infiammazioni e alleviano i sintomi. La terapia medica, da iniziare dalle prime fasi della malattia venosa e, se necessario, da prolungare con grandi vantaggi fino agli stadi più avanzati, prevede oggi l’ uso di farmaci formulati con oxerutina: un flavonoide di elevata efficacia e alta tollerabilità, come dimostrato da numerosi studi clinici. L’ oxerutina è una sostanza derivata da foglie e fiori della Sophora japonica, una pianta giapponese.

Calze elastiche contro gambe gonfie e vene varicose

Ce ne sono di tutti i colori e per tutti i gusti (collant, parigine, persino a rete). Ma il bello è che le calze elastico-compressive funzionano davvero. Vari studi scientifici attestano la loro utilità: sia ad alleviare il senso di pesantezza, sia a prevenire la formazione o il peggioramento delle vene varicose. La pressione esercitata dalle calze elastiche graduate si misura in millimetri di mercurio (mmHg). I modelli riposanti arrivano fino a 13mmHg, quelli terapeutici sono compresi tra i 15 e i 21 mmHg. Esiste una corrispondenza tra il sistema di misurazione in mmHg e quello in denari (den): pur con lievi variazioni tra un marchio e l’ altro, 20 den corrispondono a circa 7 mmHg, 70 den corrispondono a 12-14 mmHg, 140 den corrispondono a a 18 ininHg. Ricordate di indossare le calze tenendo le gambe sollevate in alto per evitare che ci sia troppa pressione sanguinea. Lavatele in lavatrice a non più di 40°, meglio se con un detersivo per capi delicati e, soprattutto, non utilizzate l’ ammorbidente. Fatele asciugare all’ aria: non mettetele sul calorifero perchè il caldo provocherebbe la rottura delle fibre. Per la stessa ragione, non utilizzate alcun tipo di asciugatrice automatica. Le calze a compressione graduata sono consigliate soprattutto a chi sta a lungo in piedi e quando arriva sera tende ad avere edemi.

Prodotti cosmetici contro gambe pesanti e cattiva circolazione

Quando il caldo accentua il senso di pesantezza delle gambe, i prodotti cosmetici possono dare un sollievo immediato. Si tratta di creme, gel ed emulsioni che sgonfiano e migliorano la microcircolazione grazie ad estratti vegetali ricavati da ippocastano, rusco, hamamelis, ginkgo, centella, cipresso. In alcuni preparati sono presenti canfora e mentolo, che servono a refrigerare. Le formule più innovative contengono veicoli colloidali, detti liposomi, che favoriscono la penetrazione dei principi attivi. Un consiglio: applicate creme o gel stese sul letto a gambe in su con i piedi appoggiati al muro. Massaggiate partendo dalla caviglia risalendo fino alla coscia.

Prodotti cosmetici consigliati:
- La Crema Gel Gambe Pesanti Somatoline Cosmetic
riduce del 40% il gonfiore delle gambe. Va applicata con un leggero massaggio. Al centro della formula c’è Biodrè-complex: un complesso drenante naturale (una confezione da 75 ml costa circa 11,90 euro; in farmacia)
- Erbaven Fresh Gel di Esi è utile in caso di insufficienza venosa e crampi, regala sollievo immediato alle gambe gonfie e pesanti. E’ facile da applicare, contiene mirtillo, aloe e vitamina E (costa circa 11 euro, in farmacia ed erboristeria)
- Natur 5 Crema Dermofunzionale per Gambe di Guna è formulata con estratti vegetali secondo i principi dell’ omeopatia, tonifica le pareti venose, combatte stasi linfatica e gonfiori, migliora l’ elasticità dei vasi sanguigni (una confezione da 75 ml costa circa 14 euro, in farmacia).

Le cure con i gemmoderivati contro gambe gonfie, cattiva circolazione e capillari sulle gambe

Le piante ci vengono in aiuto in tanti modi. Calmano, sgonfiano, rinforzano le pareti vascolari. Dato che l’ insufficienza venosa spesso è ereditaria, molte donne si trovano alle prese con questi problemi già in giovane età. Una valida cura preventiva è il drenaggio degli organi emuntori (intestino e fegato) da fare con i macerati glicerici. I macerati di Ficus Carica e Tilia Tomentosa evitano la fermentazione intestinale e allentano lo stress, fonti di tossine. Il macerato di Juniperus Communis stimola le funzioni di fegato e reni, organi da cui dipendono le stasi venose. Questi 3 gemmoderivati (MG1DH) vanno associati in dosi di 40 gocce ciascuno, da prendere mattina e sera con un pò d’ acqua. Per combattere gonfiori e ristagno di liquidi (ritenzione idrica) si consiglia invece Castanea Vesca MG1DH: 40 gocce 2 volte al giorno. Per rafforzare le pareti delle vene e contrastare varici e capillari, si ricorre al Sorbus Domestica MG1DH: 60 gocce al giorno, da associare a Castanea Vesca. Fate la cura per 2 mesi, ripetendola nel corso dell’ anno.

I benefici del Pilates per la salute delle gambe

Per riattivare la circolazione e contrastare la perdita di tonicità dei muscoli tipica dell’ avanzare dell’ età, è utile praticare una moderata e costante attività fisica. Il Pilates, in particolare, è adatto alle donne di tutte le età perchè, rispetto all’ attività fisica tradizionale, utilizza la gravità a vantaggio delle gambe e della circolazione. La ginnastica del metodo Pilates tonifica i muscoli in modo efficace e profondo allungandoli, senza aumentare la massa corporea e senza affaticare gambe e vene.





3 risposte

  1. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Lucio, hai diversi problemi da quanto ci scrivi. Ovviamente una “diagnosi” on-line è impossibile, quindi ti mandiamo i link dei possibili rimedi per i tuoi problemi (clicca sui link qui di seguito):

    1- Sintomi, diagnosi e cura cattiva circolazione delle gambe

    2- Cure termali per cattiva circolazione gambe

    3- Scleroterapia, stripping, flebectomia, chirurgia

    4- Cura vene varicose gambe

    Le cure termali sono indicate nel tuo caso, parlane col tuo medico: ci sono centri termali convenzionati col Servizio Sanitario Nazionale.

  2. lucio scrive:

    Dopo sclerosanti, disastri, necrosi, ulcere, stasi venosa agli arti inferiori, piede destro malconcio che si indurisce, ecodoppler color che dice che la circolazione sotto alle piante dei piedi è ok ma rimane dolore e stasi linfatica, mi potete aiutare con consigli personalizzati? le foto ve le risparmio! Lucio, Vicenza

  3. Euplio scrive:

    Ogni volta che visito questo blog e leggo qualche articolo trovo degli argomenti molto interessanti. Quindi anche questa volta vanno i miei complimenti. Aggiungo che uno dei rimedi naturali molto utilizzato per via topica (locale) è anche il gel puro di Aloe vera. Inoltre molto utili sono l’ ippocastano, la centella asiatica ed il ribes nero che aiutano la circolazione periferica (vene e capillari). Un cordiale saluto.
    Dott. Euplio Rascunà

Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!