Sintomi alluce valgo e cura: operazione per alluce valgo (piede). Nuovo intervento chirurgico

Per l’ alluce valgo c’è un nuovo intervento mininvasivo che non è doloroso e ha tempi di recupero rapidi.

Fattori costituzionali, tacchi alti e scarpe strette sono le principali cause dell’ alluce valgo, un problema di cui soffrono soprattutto le donne. L’ alluce valgo peggiora con il passare degli anni, diventa una malattia più dolorosa e altera la qualità della vita. Oggi però è possibile affrontare e risolvere questo problema grazie alla chirurgia mininvasiva, con un intervento superveloce e radicalmente diverso da quello di un tempo. L’ intervento chirurgico, oltre a correggere l’ alluce valgo, restituisce una linea naturale ai piedi. Agendo anche sulla loro struttura interna, ripristina quella geometria del corpo che era stata alterata: dalla mobilità delle dita e dal corretto appoggio del piede a terra, deriva infatti la capacità di sorreggere correttamente tutto il corpo. E questo giova a tutte le articolazioni, dal piede in sù. L’ alluce valgo può alterare il modo di camminare, ripercuotersi sulla postura e provocare dolori a ginocchia, anche e colonna vertebrale.

Operazione per alluce valgo: chirurgia percutanea

Questa nuova tecnica non prevede le incisioni della chirurgia tradizionale, ma solo tre piccoli forellini sulla pelle. Vengono praticati dopo l’ anestesia locale che addormenta il piede. Poi, attraverso i forellini, il chirurgo introduce strumenti miniaturizzati (lame o piccole frese di varia forma) e, sotto controllo radiologico, li manovra per rimodellare e riallineare le strutture del piede. Dapprima il chirurgo elimina la sporgenza (la tanto odiata “cipolla”) e poi agisce sui tendini e sulla capsula che trattengono il dito. Infine il chirurgo corregge le ossa dell’ alluce, riportandolo nella sua posizione anatomica. Se è necessario, con la stessa tecnica e nella stessa seduta, è possibile correggere la forma a martello del secondo e terzo dito del piede che spesso si associano all’ alluce valgo. Infine viene effettuata una fasciatura che, come un tirante, mantiene il primo dito nella sua nuova posizione. L’ intervento dura 30 minuti, si ritorna a casa spesso in giornata o dopo una sola notte di ricovero.

Intervento ideale per le forme lievi e moderate di alluce valgo

Questo tipo di intervento chirurgico è ideale per le forme lievi e moderate di alluce valgo, quando la deviazione non supera precisi valori angolari (non più di 20° tra gli assi del primo e secondo metatarso, cioè le ossa che precedono le dita). Questo significa che la chirurgia soft va bene quando è ancora possibile riallineare manualmente l ‘alluce. Comunque, prima di ricorrervi, è necessario fare una radiografia del piede, effettuata in posizione eretta: solo così è possibile valutare bene quali sono le alterazioni strutturali che lo scheletro del piede ha subito a causa della deformità dell’ alluce, e sapere con certezza se la via percutanea è quella giusta. E, in tal caso, si possono operare entrambi i piedi con un unico intervento.

Recuperi brevi nel postoperatorio

Con questo nuovo intevento chirurgico, i tempi di recupero sono dimezzati, non resta alcuna cicatrice vistosa e il dolore postoperatorio è molto meno intenso. Il fastidio viene perfettamente tenuto a bada con gli analgesici, somministrati ancor prima che passi l’ anestesia. Lo stesso giorno dell’ intervento si può poggiare il piede a terra, con l’ aiuto di uno scarpone apposito. Si possono compiere brevi spostamenti: muoversi da una stanza all’ altra o andare in bagno. Non servono stampelle, ma nella prima settimana è consigliabile stare a riposo. Inoltre, quando si sta seduti, occorre tenere il piede sollevato su una sedia (o un puff) per evitare che la zona si gonfi. Stessa accortezza nel sonno, durante il quale il piede va appoggiato sopra un paio di cuscini. La seconda settimana viene fissato il primo controllo: medicazione e fasciatura vengono sostituite. Il piede va tenuto a riposo, ma ci si può muovere più liberamente fuori casa per brevi percorsi, calzando ancora lo scarpone aperto ed evitando di rimanere a lungo in piedi. Dopo 15 giorni, chi fa un lavoro sedentario può ritornare in ufficio, ma il bendaggio viene rimosso solo al termine della terza settimana. A quel punto, si possono rimettere le scarpe: comode, con punta larga e tacco basso. A un mese dall’ intervento si può camminare senza limitazioni, guidare l’ auto e indossare scarpe con un tacco medio. E dopo tre mesi, libertà totale.

Fare ginnastica riduce il gonfiore al piede e alla caviglia. Sin dal giorno successivo all’ intervento, si raccomanda di effettuare rotazioni della caviglia o di estendere e flettere il collo del piede, spingendo la punta verso il basso e verso l’alto. Dopo un paio di settimane si può iniziare a mobilizzare l’alluce: va afferrato alla base con le dita e flesso delicatamente verso l’alto e verso il basso, senza però raggiungere mai la soglia del dolore.

Quando è necessario l’ intervento chirurgico per l’ alluce valgo

Anche se l’ intervento chirurgico per via percutanea è meno invasivo di quello tradizionale, è normale chiedersi fino a quando è possibile convivere con la “cipolla” e l’ alluce valgo, e quando invece non si può più rimandare l’ intervento chirurgico. Ecco dei consigli utili:

  • si può aspettare di eseguire l’ intervento chirurgico quando l’ alluce valgo non provoca dolore, non limita la deambulazione e non è associato alle dita a martello. In questi casi basta cercare di rallentare la deviazione dell’ alluce, riservando le calzature da “femme fatale” ai momenti speciali e privilegiando per tutti i giorni scarpe comode, a pianta larga e con un tacco che non superi i cinque centimetri;
  • eventualmente si può ricorrere a un plantare personalizzato che sostiene l’ arco del piede e aiuta a distribuire meglio il carico del corpo. Sono invece inutili e fastidiosi i divaricatori da indossare la notte che promettono di rimettere “in linea” l’alluce: la sua deviazione non è reversibile;
  • l’ intervento chirurgico va fatto quando l’ alluce valgo fa male, provoca dolore alla pianta del piede e camminare diventa un supplizio. Il dolore anche a riposo è la spia che il problema sta alterando gradualmente tutto l’ assetto dell’ avampiede. L’ intervento chirurgico va fatto anche quando non c’è dolore e la “cipolla” è piccola, ma l’ alluce è cosi deviato all’ interno che spinge le altre dita a retrarsi in alto, disegnando la posizione a “griffe” o a “martello”.

Centri medici in Italia per l’ intervento dell’ alluce valgo

In questi centri medici specializzati si può effettuare l’ intervento chirurgico per l’ alluce valgo col Servizio Sanitario Nazionale (privatamente invece l’ intervento costa circa 5000 euro).

PADOVA: Policlinico di Abano Terme
TORINO: Ospedale Molinette
MILANO: Casa di Cura San Pio X di Milano; Ospedale Niguarda; Istituto Clinico Humanitas; ClinicA S. Giovanni
ROMA: Ospedale San Carlo di Nancy
BOLOGNA: Istituto Ortopedico Rizzoli
CESENA: Clinica Malatesta Novello
RIMINI: Casa di Cura Villa Maria; Casa di Cura Montanari (Mordano di Romagna).
FIRENZE: Casa di Cura Val di Sieve (Pontassieve)
SIENA: Casa di Cura Rugani
PERUGIA: Ospedale Silvestini
L’ AQUILA: Ospedale San Salvatore
NAPOLI: Ospedale San Paolo
BARI: Azienda Ospedaliera Policlinico Consorziale
TRAPANI: Ospedale Sant’ Antonio





51 risposte

  1. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Auguriamo a tutti i nostri lettori un 2017 ricco di benessere!
    IoBenessereBlog è anche su Facebook: per un nuovo anno insieme e per essere sempre aggiornati sulle novità di diete, fitness, alimentazione, bellezza e salute potete mettere “mi piace” alla pagina https://www.facebook.com/iobenessereblog.it/

    Grazie di cuore dallo Staff di Redazione

  2. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buonasera Ale, l’intervento mininvasivo con chirurgia percutanea è adatto per le forme lievi e moderate di alluce valgo. E’ quindi sempre necessaria una visita medica specialistica dall’ortopedico per valutare se questo tipo di intervento è adatto al tuo problema.
    Come puoi leggere anche nell’articolo sopra, l’operazione per alluce valgo con chirurgia percutanea dura circa 30 minuti e di solito si torna a casa in giornata o dopo una notte di ricovero. Con questo tipo di intervento chirurgico, il recupero è breve: nella prima settimana bisogna stare a riposo, dopo 15 giorni chi fa un lavoro sedentario può tornare in ufficio.
    Se l’intervento è eseguito da un medico competente e qualificato, di solito non ci sono complicanze. Occorre però valutare se il tuo alluce valgo è in forma lieve o moderata, perchè solo in questi casi è consigliata l’operazione con chirurgia percutanea.

  3. Ale scrive:

    Buongiorno, solitamente dopo quanto tempo si può riprendere la vita di sempre dopo l’intervento per alluce valgo? possono esserci complicazioni tipo dolori persistenti e difficoltà nel camminare? grazie in anticipo
    ;)

  4. Francesca scrive:

    Buongiorno a tutti, sono stata operata di alluce valgo col nuovo metodo nel febbraio 2016, ma il piede mi fa ancora male (dopo 10 mesi). Ho seguito le istruzioni della dottoressa, cioè fare degli esercizi specifici che però non mi sono serviti a niente. Ora sto spendendo i soldi per la fisioterapia, ma in 10 mesi il piede non è stato curato come si deve, non riesco neanche a correre.

  5. lina giacone scrive:

    Grazie infinite per l’informazione, contatteró la dottoressa e… speriamo che vada tutto bene.
    Cordiali saluti

  6. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Salve Lina, a Catania la Dottoressa Myriam Cecchi è un’ortopedica specializzata in chirurgia del piede e della mano, ed esegue l’intervento chirurgico per alluce valgo con tecnica percutanea mini-invasiva.
    E’ disponibile per visite specialistiche ed esegue interventi di chirurgia percutanea per la cura dell’alluce valgo nella casa di cura Musumeci in Viale della Autonomia 57/A a Gravina di Catania (Catania).
    Puoi contattare la dottoressa Myriam Cecchi al numero 3356466508.
    Oppure puoi contattare la Casa Di Cura Musumeci al numero 095-7504611 e richiedere un appuntamento per una visita specialistica con la dottoressa Myriam Cecchi.

  7. lina giacone scrive:

    Salve, grazie per la risposta, ma il mio medico non é informato

  8. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Lina, i centri medici specialistici elencati nell’articolo sopra sono quelli che praticano l’intervento di chirurgia mini-invasiva per la correzione dell’alluce valgo in convenzione col Servizio Sanitario Nazionale (quindi in questi centri l’intervento è mutuabile).
    Privatamente, e quindi a pagamento, puoi eseguire l’intervento anche in altre strutture. Parlane col tuo medico curante: ti può consigliare un buon centro medico nella tua zona di residenza a Catania.

  9. lina giacone scrive:

    Vorrei sapere se dove vivo, a Catania, vi é un buon centro dove posso fare la correzione dell’alluce valgo; oppure per una miglior riuscita, è meglio andare in uno dei centri di riferimento?

  10. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Anna, al di là delle varie “pubblicità ingannevoli” funzionali solo alla vendita dei correttori per alluce valgo, qualsiasi ortopedico o podologo competente ti dirà la stessa cosa: separadita, lacci e cinturini, appositi calzettoni rinforzati e molti altri dispositivi in commercio dalle forme più disparate e fantasiose, che promettono di riallineare l’alluce ed eliminare i sintomi dolorosi, hanno un denominatore comune, cioè non funzionano!
    L’alluce valgo infatti, una volta iniziata la sua lenta deformazione sviluppando la dolorosa sporgenza, è inarrestabile. L’alluce valgo è una patologia a carattere evolutivo che solo l’intervento chirurgico è in grado di correggere efficacemente e in modo definitivo.

    E’ bene chiarire che, in realtà, non è l’alluce a deviare e a creare la nota “cipolla” al piede, ma è il metatarso: il lungo e robusto osso del piede che si articola con l’alluce. Normalmente il metatarso è ben allineato con l’alluce ed è mantenuto nella sua corretta posizione da robusti legamenti, tendini e muscoli.
    A causa di squilibri biomeccanici per lo più ereditari, ad un certo punto della vita il metatarso comincia a spostarsi: si allontana dalla sua normale posizione e comincia a sporgere dal profilo anatomico del piede. In questa lenta ma inesorabile progressione, l’alluce viene trascinato dal metatarso e i due elementi (metatarso e alluce) si angolano sempre più tra loro.
    Una comune radiografia mostra con chiarezza quanto succede: la punta dell’alluce sostanzialmente non si è mai spostata dalla sua posizione accanto al secondo dito del piede, mentre la dolorosa deformità è creata dall’articolazione tra metatarso e alluce che si è angolata e deformata. Quindi, di fatto, raddrizzare l’alluce non serve! Perché bisogna correggere il suo metatarso.

    Questo spiega perché i correttori notturni ed altri dispositivi non funzionano e non potranno mai funzionare per l’alluce valgo: agiscono esercitando solo una trazione o una spinta sull’alluce per allontanarlo dalle altre dita. Ma nessun dispositivo può correggere il metatarso, che è il vero responsabile della deviazione dell’alluce.

    Solo in caso di piede piatto si può prevenire o arrestare la deviazione in valgo dell’alluce: con un semplice plantare confezionato ad hoc.
    Il piede piatto è infatti una condizione che predispone la deviazione dell’alluce: più l’uso del plantare è precoce, più la sua funzione di prevenzione contro lo sviluppo dell’alluce valgo risulta efficace. Si dovrebbe porre molta attenzione alla prevenzione soprattutto negli adolescenti, specie se di sesso femminile, nella cui famiglia si riscontrano altri casi di piede piatto e alluce valgo.
    Solo i piedi piatti più lievi, di I e II grado, sono però i candidati ideali all’uso del plantare. Chi ha un grado più severo, il III grado di piede piatto, è invece destinato alla correzione chirurgica.

    In definitiva quindi, tutti i correttori notturni e gli altri dispositivi (lacci, cinturini e separadita) che promettono di eliminare l’alluce valgo esercitando una trazione sul primo dito, risultano inutili. Si deve invece intervenire chirurgicamente sul metatarso, l’elemento scheletrico che per primo ha avviato la deviazione trascinando secondariamente anche l’alluce. Oggi esistono tecniche chirurgiche di ultima generazione e mininvasive che consentono di ottenere una correzione dell’alluce valgo esente nel tempo da recidive.

    Il consiglio cara Anna? Prenota una visita specialistica dall’ortopedico!

  11. Anna scrive:

    Salve, vorrei sapere cosa ne pensa del correttore per alluce valgo. l’ho acquistato su internet e per adesso mi trovo bene. la mia situazione non è gravissima, forse per quello sta funzionando?

  12. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buonasera Amina, come già risposto ad altri commenti in questa pagina e come riportato anche nell’articolo sopra, l’ospedale Molinette di Torino effettua l’intervento mini-invasivo per alluce valgo con chirurgia percutanea. In questo ospedale inoltre, l’intervento è mutuabile e coperto dal Servizio Sanitario Nazionale.
    Anche il CTO di Torino è un Centro Traumatologico Ortopedico valido. La scelta della struttura ospedaliera in cui operarti di alluce valgo è del tutto personale: sia l’ ospedale Molinette che il CTO sono entrambe strutture attrezzate per un intervento di questo tipo.
    Telefona e prenota una prima visita specialistica.

  13. Amina Marinela Hanu scrive:

    Buon giorno, vorrei sapere se questo tipo di intervento poco invasivo di chirurgia percutanea per alluce valgo si pratica sia alle Molinette sia al Cto di Torino. Grazie e cordiali saluti

  14. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Laura, l’intervento chirurgico per alluce valgo (sia con le nuove tecniche mini-invasive che con l’intervento “classico”) è a carico del Sistema Sanitario Nazionale nelle cliniche convenzionate. Mentre in una clinica privata il costo dell’intervento va dai 2000 ai 5000 euro circa.

  15. Laura scrive:

    Anche se questo articolo è di più di due anni fa, vorrei sapere se l’intervento di alluce valgo può essere convenzionato con il SSN. In caso contrario, esistono anche tecniche diverse o “classiche” che sono comunque rimborsate dal Sistema Sanitario nazionale?
    Grazie

  16. Elisa scrive:

    Buongiorno, io sono di Varese, sapete se anche in questa zona esiste una struttura che fa questo intervento per l’alluce valgo?

  17. Maria scrive:

    Mi dite, per favore, se c’è un ospedale a Catania per l’intervento di alluce valgo? Grazie

  18. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Salve Claudia, l’unico modo per sapere se nel tuo caso è possibile effettuare un nuovo intervento con tecnica chirurgica percutanea (meno invasiva) è prenotare una visita specialistica presso un centro medico che la effettua.

  19. claudia scrive:

    buonasera, dopo intervento fatto un anno fa devo operarmi di nuovo con grossi problemi alla schiena, sembra a causa di una vite troppo lunga. sono stata operata per alluce valgo e le 4 dita, sono disperata, non ho più un piede normale. si può fare l’intervento meno invasivo dopo quello normale? grazie per una risposta, buonasera.
    claudia

  20. cristina testaverde scrive:

    operata il 14 ottobre 2015. alluce valgo e primo dito a martello. Clinica villa Aurora di Foligno, chirurgo dott. Ubaldo Pazzaglia. Tutto benissimo: nessuna sofferenza, subito in piedi. Ammiro e ringrazio tutti: il chirurgo professionalmente e umanamente eccellente; la clinica con il suo personale assolutamente perfetta per accoglienza, professionalità e organizzazione. Cristina Testaverde

  21. ale scrive:

    Mi sono operata all’alluce valgo e a tutte le dita del piede destro presso Foligno. Ho camminato subito, non ho avuto dolori, l’intervento con la tecnica mini invasiva è riuscito perfettamente. Consiglio la struttura Villa Aurora presso Foligno per questo tipo di intervento.

  22. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Un buon modo per avere informazioni è telefonare direttamente all’ospedale civile di Brescia. Prendi il telefono, chiama e chiedi.

  23. fratello salvatrice scrive:

    ho letto oggi che l’ospedale civile di brescia esegue alluce valgo, ma non capisco se esegue la percutanea mini invasiva. per me sarebbe ideale, abito a desenzano del garda, è un centro buono per questo intervento dovendo eseguire tutti e due i piedi. grazie di tutto

  24. Paola scrive:

    Salve, io abito in Sardegna, a Tortoli in Ogliastra. Pochi giorni fa ho fatto le lastre al piede sinistro ma il medico radiologo mi ha detto che in nessuna struttura in tutta l’isola viene praticata questa nuova tecnica. Sapete indicarmi voi la struttura convenzionata più vicina a me? Grazie

  25. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Desenzano del Garda-Milano è una distanza percorribile. A Milano puoi rivolgerti a 4 diverse strutture:
    – Casa di Cura San Pio X di Milano (sanpiox.net)
    – Ospedale Niguarda di Milano (ospedaleniguarda.it)
    – Istituto Clinico Humanitas di Milano (humanitas.it)
    – Clinica S. Giovanni di Milano (casadicurasgiovanni.it)

    In particolare, sia l’ Humanitas che il Niguarda sono ottimi centri medici.

    In tutti e 4 questi centri medici specializzati, l’ intervento chirurgico per l’ alluce valgo è coperto dal Servizio Sanitario Nazionale. Per quanto riguarda la fattibilità dell’ intervento mini-invasivo, è bene effettuare una visita medica specialistica: i medici sapranno rispondere a tutte le tue domande valutando il tuo singolo caso. Ti consigliamo quindi di prenotare una prima visita medica di controllo in modo da verificare il tuo caso direttamente col medico.

  26. fratello salvatrice scrive:

    fantastica questa nuova tecnica per operare l’ alluce valgo con chirurgia percutanea mini invasiva. Io abito a desenzano del garda, dove posso rivolgermi per eseguire questo intervento di alluce valgo a tutti e due i piedi vicino alla mia zona? Posso andare a verona se nella mia zona non è possibile.
    ho paura ma adesso ho deciso per la tecnica percutanea mini invasiva, l’ho vista in tv e penso che sia meno dolorosa. vi prego di darmi delle indicazioni. grazie

  27. patty scrive:

    buonasera, mi sono operata di alluce valgo e 2 dita a martello, é passato un mese e comincio a camminare con scarpe più grandi di 2 numeri, ma noto che il secondo dito é teso e bloccato e l’alluce non perfettamente diritto. Mi devo preoccupare? l’intervento riesce sempre? mi sono operata all’ Ospedale San Carlo di Nancy a Roma. Avete notizie in merito?

  28. Giusy scrive:

    Sono stata operata circa 7 anni fa di alluce valgo al piede sinistro senza tanti risultati, apprendo che vi è questa tecnica mini invasiva, visto che dovrò fare il piede destro e sono terrorizzata, qualcuno mi sa dire in provincia di Catania o in Sicilia a chi mi potrei rivolgere? ho provato a chiamate l’ospedale Sant’ Antonio di Trapani e mi è stato detto che non fanno questo tipo di intervento… grazie anticipatamente

  29. Valentina scrive:

    Buongiorno, qualcuno che l’ha già eseguita sa dirmi quanto può costare l’operazione all’ alluce valgo tramite Servizio sanitario Nazionale? Grazie

  30. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Ciao Zaira, in caso di alluce valgo è sempre bene fare una prima visita specialistica presso un ortopedico: il medico stesso saprà darti tutte le indicazioni e risponderà alle tue domande. Ogni singolo caso è infatti a sè.
    Per quanto riguarda i contatti, puoi telefonare per una prenotazione:

    Policlinico di Abano Terme (Padova)
    Piazza Cristoforo Colombo 2
    CUP – Centro Unico Prenotazioni tel 049-8221273
    centralino tel 049-8221211

    Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna
    Via Giulio Cesare Pupilli 1
    centralino tel 051-6366111
    Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) tel. 051-6366900 (telefonare dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8 alle ore 15)

    In entrambi questi centri medici specializzati si può effettuare l’ intervento chirurgico per l’ alluce valgo col Servizio Sanitario Nazionale.

  31. zaira scrive:

    Ciao! Anch’io ho un problema di alluce valgo su entrambe i piedi, però il mio medico di base mi ha consigliato di aspettare perché non è ancora molto sviluppato (ho dolori sporadicamente ma anche da ferma). Leggendo l’articolo sopra potrei rivolgermi al centro di Abano o Bologna per una visita specialistica. Qualcuno sa darmi qualche consiglio e qualche contatto? Grazie.
    Buona giornata

  32. rosa marano scrive:

    Grazie, siete stati molto utili, spero di fare l’ operazione per l’ alluce valgo molto presto. E andrò alle Molinette di Torino!

  33. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Grazia, come abbiamo riportato anche nell’ articolo sorpra, a Napoli un ospedale specializzato per l’ intervento di alluce valgo e coperto dal Servizio Sanitario Nazionale è il San Paolo, in Via Terracina 219. Per prendere un appuntamento e fissare una visita specialistica puoi contattare il numero di telefono 0812548211

  34. Grazia scrive:

    Salve, sono a napoli e vorrei operarmi di alluce valgo. Dove posso indirizzarmi? Penso che ad un piede. oltre all’ alluce valgo, devo operarmi anche al dito a martello. Grazie

  35. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Max, a Cesena un centro specialistico per l’ alluce valgo è la clinica Malatesta Novello, reparto ortopedia. Per informazioni e per prenotare una prima visita di controllo specialistica puoi contattare il numero:
    0547-370711

  36. max scrive:

    salve, devo fare una visita per l’ alluce valgo in zona cesena. dove posso andare in sicurezza per un possibile intervento chirurgico? grazie

  37. ale scrive:

    credo andrò al cto, spero di risolvere prima di questa estate, poi se sono 2 o 3 mesi di attesa pazienza
    :)
    speriamo bene e speriamo che non mi crei problemi… grazie delle risposte

  38. daniela scrive:

    Ale, informati sui tempi di attesa. Non conosco Torino, ma a Milano erano di diversi mesi, e questo potrebbe condizionare la scelta (io ho fatto l’ intervento di alluce valgo privatamente!)

  39. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Il CTO di Torino è un Centro Traumatologico Ortopedico valido. La scelta della struttura ospedaliera in cui operarti di alluce valgo è del tutto personale: sia l’ ospedale Molinette che il CTO sono entrambe strutture attrezzate per un intervento di questo tipo.

  40. ale scrive:

    grazie mille della esaustiva e veloce risposta, oggi ho chiamato il cto e mi ha detto di prenotare la visita. il dubbio che ora ho è: meglio il cto o le molinette per questo tipo di intervento?

  41. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Ale, per prima cosa devi prenotare all’ ospedale Molinette di Torino per effettuare una visita specialistica presso un ortopedico o un podologo del reparto di ortopedia che valuterà il tuo caso e ti consiglierà su come procedere per un eventuale intervento chirurgico per l’ alluce valgo.
    L’ ospedale Molinette si trova in Corso Bramante 88 a Torino. I contatti telefonici del reparto di ortopedia sono i seguenti:
    - reparto Tel 011-63352815275
    - segreteria Tel 011-63352755281
    - ambulatori centrali Tel 011-63353186636

    Per prima cosa quindi telefona, esponi il tuo problema dell’ alluce valgo e fatti dare indicazioni sulla prenotazione di una visita specialistica.
    Successivamente, se viene indicata la necessità di un intervento chirurgico, ti sarà richiesta l’ impegnativa presso il tuo medico di base, dato che all’ ospedale Molinette di Torino l’ intervento chirurgico è coperto dal Servizio Sanitario Nazionale.

    Telefonando, richiedi comunque tutte le informazioni di cui hai bisogno per effettuare una prima visita specialistica.

  42. ale scrive:

    salve, sono a torino e vorrei operarmi di alluce valgo perchè provo tanto dolore pur essendo giovane: ho solo 28 anni. ho visto che è possibile effettuare l’ intervento alle Molinette, ma non sò proprio come muovermi… devo andare in pronto soccorso? direttamente alle Molinette? serve obbligatoriamente un’ impegnativa dal medico di base? grazie mille. saluti

  43. Daniela B. scrive:

    Elisa, sono contenta per il tuo buon esito. A me invece hanno prospettato un intervento percutaneo ma non di ultima generazione: con filo in titanio e vite. non mi convince e sto ancora cercando.
    Tanto devo aspettare dai 6 ai 10 mesi prima di fare l’ intervento.

  44. elisa scrive:

    Io mi sono operata di alluce valgo 1 mese e 10 giorni fa con la tecnica percutanea, sono molto contenta dell’ operazione e da subito ho camminato con l’apposita scarpa. Fra poco rientrerò al lavoro e attualmente solo se cammino molto sento una specie di indolenzimento al piede e niente altro. L’unica cosa che mi preoccupa è il gonfiore del piede che quindi non mi permette di mettere scarpe chiuse (a parte quelle da running) e il fatto che, anche se faccio gli esercizi, l’alluce ancora non si piega a 90° come l’altro che non ho operato. Forse è ancora normale che il piede sia gonfio. Qualcuno ha avuto la mia stessa esperienza?

  45. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Cara Daniela B, dato che hai già prenotato una prima visita medica presso l’Humanitas di Milano, come già detto potrai porre la tua domanda direttamente al medico non appena andrai a fare la visita. Il medico, analizzando e valutando il tuo caso specifico, saprà di certo dirti sia la fattibilità dell’ intervento per l’ alluce valgo, sia quanto dura più o meno il tempo della convalescenza post-intervento. Non farti quindi problemi a priori: aspetta la visita e chiedi prima al medico.
    Molto inoltre dipende dal tipo di lavoro che svolgi: come specificato anche nell’ articolo sopra, di solito chi fa un lavoro sedentario può ritornare in ufficio dopo 15 giorni dall’ intervento. A un mese dall’ intervento si può camminare senza limitazioni e guidare l’ auto e dopo tre mesi si ritorna alla libertà totale.
    Ti consigliamo di rileggere la parte dell’ articolo sopra al punto “Recuperi brevi nel postoperatorio”: è spiegato tutto l’iter e i tempi che di solito sono necessari per la convalescenza.

  46. Daniela B. scrive:

    Grazie a Daniela V per avermi risposto e grazie alla redazione di Io Benessere Blog. Ho tenuto presente il suggerimento e ho prenotato una visita privata presso l’ Humanitas di Milano.
    Mi conforta sapere che Daniela da Rieti sia contenta dell’intervento per l’ alluce valgo fatto in mini invasiva, il problema per me è la convalescenza post-intervento: non posso fare una lunga assenza dal lavoro, inoltre lavoro in una regione diversa da Milano, dove risiedo e dove penso di farmi operare. Daniela V tra poco potrà indossare dei bei sandali infradito… ma se io sarò operata in settembre, quanto dovrò continuare con la scarpa pseudo-ortopedica?
    Grazie in anticipo a Daniela V se vorrà rispondermi ancora e farmi sapere come va la sua convalescenza.

  47. Daniela V. scrive:

    ciao Daniela, io ho subito l’ operazione all’ alluce valgo con tecnica mini invasiva il 14 giugno 2013, mentre scrivo sono con il mio bel piedone posizionato in alto… io mi sono operata presso la clinica (convenzionata) “Villa Aurora” di Foligno (Perugia) dal Prof. Pazzaglia Ubaldo che voglio ringraziare per la sua umanità e alta professionalità. Beh, ti dico che non ho sentito dolore e sono una gran fifona! Alterno il riposo al camminare; la convalescenza è un pò noiosa, ma ne approfitto per leggere e riflettere. Mi sono tolta un bel pensiero e sono contenta, ad agosto sarò di nuovo all’aria aperta! Fatti coraggio… auguri da Daniela da Rieti

  48. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Daniela B, a Milano puoi rivolgerti a 4 diverse strutture:
    - Casa di Cura San Pio X di Milano (sanpiox.net)
    - Ospedale Niguarda di Milano (ospedaleniguarda.it)
    - Istituto Clinico Humanitas di Milano (humanitas.it)
    - Clinica S. Giovanni di Milano (casadicurasgiovanni.it)

    In particolare, sia l’ Humanitas che il Niguarda sono ottimi centri medici.

    In tutti e 4 questi centri medici specializzati, l’ intervento chirurgico per l’ alluce valgo è coperto dal Servizio Sanitario Nazionale. Per quanto riguarda le tue domande (fattibilità dell’ intervento mini-invasivo e durata della convalescenza) è bene effettuare una visita medica specialistica: i medici sapranno rispondere a tutte le tue domande valutando il tuo singolo caso. Ti consigliamo quindi di prenotare una prima visita medica di controllo in modo da verificare il tuo caso direttamente col medico.

    Se comunque altri utenti del sito che hanno già eseguito l’intervento per l’ alluce valgo vorranno risponderti e riportare la loro esperienza diretta, non mancheremo di pubblicare i commenti sul blog.

  49. Daniela B. scrive:

    non so se il mio alluce valgo mi potrà permettere una operazione mini-invasiva. Il problema, per il lavoro che svolgo, è che non mi posso permettere una lunga degenza. Qual’è il mio principale problema? Non estetico anche se la deformazione è notevole, non dita a martello o sovrapposizione, non dolore… ho però avuto (per la seconda volta) una brutta borsite con lacerazione durata oltre 2 mesi. Sono residente a Milano: quale ospedale mi consigliate? Qualcuno che ha già fatto l’operazione a Milano mi può dare suggerimenti e dire quanto a lungo ci si deve assentare dal lavoro (sedentario)? Sono una donna sopra gli anta. Grazie

  50. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Giuliana, i centri medici presenti in Italia specializzati nel nuovo intervento chirurgico mininvasivo per l’ alluce valgo e coperti dal Servizio Sanitario Nazionale sono riportati in fondo all’ articolo pubblicato in questa pagina del sito. Puoi quindi verificare se c’è un centro medico vicino alla tua zona di residenza (non hai specificato in che zona abiti) e chiedere informazioni. Se comunque qualche lettore del blog che ha già effettuato l’ intervento per l’ alluce valgo vorrà scrivere, non mancheremo di pubblicare il commento (è però importante specificare in che zona di residenza abiti).

  51. giuliana scrive:

    Cerco qualcuno che mi possa dare informazioni e consigli per un intervento di alluce valgo in mini invasiva. Se qualcuno è già stato operato, dove posso rivolgermi? Ringrazio chi di voi vorrà rispondere e condividere la sua esperienza in merito.

Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!