Sintomi ipocondria: cos’è, come si cura

L’ ipocondria è un disturbo psicologico: la persona che ne soffre si crede sempre malata. Gli ipocondriaci hanno sintomi veri e sentono i dolori come se fossero malati, ma non lo sono.

sintomi ipocondria cura
Nelle malattie psicosomatiche c’è un disturbo fisico vero e proprio che ha però un’ origine psicologica. Nell’ ipocondria invece, la persona avverte una serie di sintomi che fanno pensare ad una patologia fisica che però non esiste: nonostante i sintomi, spesso dolorosi, gli organi interessati sono perfettamente sani.
L’ ipocondriaco è quindi un “malato immaginario”: non ha la malattia che teme di avere, ma soffre di un disturbo psicologico.

Ipocondria: sintomi

Tutti siamo un pò ipocondriaci: alzi la mano chi, leggendo i sintomi di qualche malattia o guardando una trasmissione televisiva di divulgazione medica non si è fatto cogliere dal dubbio di poterla avere.
La differenza tra questa forma di suggestione del tutto normale e l’ assillo dell’ ipocondriaco è che quest’ultimo è ossessionato dall’ idea di quella malattia e passa molto tempo pensando ai sintomi, consulta libri, si fa visitare da uno o più medici e, se per caso riesce a farsi passare il timore di avere una specifica malattia, ne trova subito un’altra sulla quale concentrare la propria attenzione.

Spesso i sintomi che avverte l’ ipocondriaco sono simili a quelli di una “vera” malattia, tanto che in un primo momento il medico curante prescrive analisi ed accertamenti diagnostici. A differenza della persona normale però, quando gli esiti delle analisi mediche danno un risultato negativo (ciò significa che tutto è nella norma e che la persona è in salute), l’ ipocondiaco non è affatto sollevato e insiste per sottoporsi ad indagini ancora più sofisticate ed accurate, mentre ogni tentativo di rassicurarlo appare destinato al fallimento.

L’ ipocondriaco prova sofferenze reali per sintomi immaginari e questo può esporlo a due grossi problemi:
1- il rischio di subire danni da terapie e interventi non necessari per una malattia immaginaria che di fatto non ha;
2- il rischio di incappare in una vera e propria malattia reale ma di ottenere una diagnosi corretta più tardi del normale, dopo essere stato riconosciuto come ipocondriaco dai medici.

Ipocondria: cause

Spesso un atteggiamento ipocondriaco latente è scatenato dalla malattia o dalla morte di qualche parente o amico. La preoccupazione porta a focalizzare la propria attenzione sui segnali del corpo e in questo senso l’ ipocondria può essere considerata “vicina” al disturbo da attacchi di panico.

Ipocondria: cura

La terapia di cura per l’ ipocondria è di tipo psicologico, meglio se di indirizzo cognitivo-comportamentale. Lo psicoterapeuta aiuta l’ ipocondriaco a riacquistare una corretta percezione delle sensazioni somatiche, ma anche ad accettare l’idea che ci si possa ammalare: una minaccia che pare insopportabile e che l’ ipocondriaco cerca di esorcizzare con continui tentativi di rassicurazione.

L’ ipocondria NON è la sindrome di Munchausen

L’ ipocondria non va confusa con una patologia psichiatrica piuttosto grave: la sindrome di Munchausen. Anche in questo caso, la persona che ne soffre frequenta assiduamente ambulatori medici e ospedali lamentando sintomi delle più disparate malattie. In questo caso però si è di fronte ad un tentativo deliberato di ingannare i medici e i sintomi della malattia sono spesso indotti attraverso l’ auto-somministrazione di farmaci o sostanze tossiche.

All’ origine della sindrome di Munchausen, che ha una componente autolesionista, c’è l’esigenza di attirare l’ attenzione su di sé ed essere oggetto di cure e premure da parte di medici e familiari.

La sindrome può prendere anche la forma della cosiddetta “sindrome di Munchausen per procura”: chi ne è colpito non provoca i sintomi della malattia sulla propria persona, ma su qualcun altro. Spesso si tratta di madri che fanno ammalare i propri figli, alla cui cura poi si dedicano con apparente grande dedizione in modo da essere viste come vittime della sorte ed “eroine della malattia”.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!