Gravidanza e fecondazione assistita: gravidanza dopo i quarant’ anni, fertilità, salute e rischi per il bambino

gravidanza-e-fecondazione-assistita-gravidanza-dopo-i-quaranta-anni-fertilita-salute-e-rischi-per-il-bambinoAnche in Italia sono sempre di più le donne che decidono di avere un figlio e di affrontare la gravidanza dopo i quarant’ anni. In questi casi le domande più comuni che le donne si pongono riguardano quali problemi aspettarsi in gravidanza dopo i quarant’ anni, come prepararsi alla gravidanza e come affrontare il dopo parto.
Oggi infatti per una donna si fa presto ad arrivare a quarant’ anni senza avere ancora realizzato il desiderio di avere un figlio: anni di studi all’ università, altro tempo e tanta pazienza per trovare un lavoro, evitare di avere un bambino appena assunte e magari non c’è neanche il contratto di lavoro che prevede la maternità perché si lavora a progetto. Oppure si è nel vortice della carriera e bisogna aspettare ancora per avere un bambino. Tutto slitta e la donna arriva ai quarant’ anni posticipando la gravidanza. Secondo un’ indagine dell’ Istituto Nazionale di Statistica, i bambini nati da donne quarantenni sono stati 27.938 già nel 2006 (per fare un paragone, nel 1995 erano 12.383).
La percezione dell’ età si è modificata con il prolungamento della vita media. Oggi ci si sente ragazze almeno fino ai 30 anni. Sono cambiati stili di vita, abitudini e il modo di vedere lunghezza e qualità della vita. Di conseguenza è mutata anche la concezione che abbiamo del corpo e della salute e si arriva alla prima gravidanza sempre più tardi. Le motivazioni più incisive di questa scelta sono di carattere sociale: l’ autonomia economica e abitativa si raggiungono tardi. C’è inoltre la volontà diffusa di posticipare la gravidanza e un figlio alla casa e al raggiungimento di uno status professionale più sicuro per garantire al bambino più possibilità economiche.

GRAVIDANZA DOPO I 40 ANNI: perché avere un bambino diventa più difficile.
Dopo i 40 anni il concepimento è più difficile e la ricerca del figlio non sempre dà risultati. Si stima che una coppia fertile a 20 anni possa concepire in 5 cicli, e dopo i 40 anni ne siano necessari in media 20, cioè un anno e mezzo. Ciò avviene perché si riduce il numero di cellule uovo fecondabili e le patologie uterine sono più probabili.


GRAVIDANZA E FECONDAZIONE ASSISTITA
Recenti studi confermano che l’ infertilità riguarda l’ 11,3% delle coppie di età compresa tra 25 e 44 anni; le percentuali vanno dal 5,6% per le coppie tra i 25 e i 29 anni, fino al 14.7% per le coppie di età compresa tra i 40 e i 44 anni. Quando il figlio cercato non arriva dopo un anno di rapporti sessuali non protetti, occorre indagare se esistano fattori di infertilità maschili o femminili, rivolgendosi ad un centro specializzato. La procreazione (o fecondazione) assistita comprende un insieme di tecniche che facilitano il concepimento e la gravidanza in coppie presunte non fertili. I meccanismi e le tecniche di fecondazione assistita sono varie (come stimolare l’ ovulazione quando questa non è presente; porre l’ uovo fecondato direttamente nella cavità uterina se ci sono ostruzioni tubariche). Dopo i quarant’ anni però anche le possibilità di ottenere risultati con le tecniche di fecondazione assistita sono inferiori. Si tratta di un percorso spesso lungo e faticoso per chi decide di intraprenderlo, e non privo di delusioni perché non sempre è efficace. Per questo è bene che le coppie, prima di iniziare l’ iter per la procreazione assistita, si informino sul tipo e numero di trattamenti da effettuare ogni anno e sulle percentuali di successo del centro, italiano o estero, al quale si rivolgono.

ETA’ DELLA DONNA E GRAVIDANZA: I RISCHI PER MAMMA E BAMBINO
Fino a quale età è possibile per una donna affrontare una gravidanza ed avere figli ? L’ argomento suscita oggi molte discussioni. Mentre è in aumento in maniera netta nei Paesi occidentali la quota di donne che decidono di avere figli nella fascia di età tra i 35 e i 39 anni e tra i 40 e i 44 anni, crescono anche le nascite per le mamme tra i 50 e i 54 anni. Al di là di scelte personali e insindacabili, gli esperti dicono che l‘ età ideale per avere figli è compresa tra i 25 e i 35 anni. Nella fascia di età tra i 35 e i 40 anni la gravidanza è un evento ancora abbastanza sicuro, anche se non è totalmente privo di rischi. Di sicuro la fertilità diminuisce, e questo fattore rende più frequente il riscorso a tecniche di fecondazione assistita. Inoltre, con gli anni diventa più difficile condurre a termine la gravidanza e sono maggiori le probabilità di aborto o di problemi nel terzo trimestre di gravidanza. Inoltre le donne fumatrici o con fattori di rischio cardiovascolare possono avere una difficoltà del letto vascolare uterino di adattamento alla gravidanza, ciò può portare a patologie durante l’ ultimo trimestre di gestazione. Con l’ avanzare dell’ età sono più frequenti anche i rischi legati ad una possibile ipertensione gestazionale, che si verifica in media nel 5% delle gravidanze. Lo stesso parametro sale al 35% nelle donne di 50 anni che hanno usato tecniche di fecondazione assistita. Anche il rischio di mortalità materna è maggiore con l’ avanzare dell’ età della donna, anche se nei Paesi occidentali resta un evento molto raro.

GRAVIDANZA DOPO I 40 ANNI E ANOMALIE CROMOSOMICHE DEL BAMBINO: la sindrome di Down e le patologie cromosomiche.
Se avere un figlio dopo i 40 anni non è un grosso problema per la mamma, per il bambino le cose vanno un pò diversamente. C’è un rischio genetico superiore, vale a dire che aumenta la probabilità di concepire un bambino affetto da trisomia 21 (sindrome di Down) o da altre patologie cromosomiche. Tale rischio per una madre di 40 anni è rispettivamente di un caso su 109 gravidanze e di uno su 63.
La sindrome di Down è causata dalla presenza di un cromosoma 21 in più, che nel 90% dei casi è dovuto alla mancata divisione del cromosoma materno ed è legato all’ età. La probabilità di generare figli affetti dalla sindrome di Down è una su 1500 a 20 anni, sale a una su 280 tra i 35 e i 39 anni e arriva a una su 25 all’ età di 46 anni.
Ogni anno però nascono più bambini con sindrome di Down da madri giovani che non da donne over 35 anni. Questo perché i 35 anni sono considerati la soglia del rischio alto e le donne di età superiore sono sottoposte a esami diagnostici prenatali, mentre quelle più giovani, non essendo considerate ad alto rischio, non sempre vi si sottopongono.

STILE DI VITA E GRAVIDANZA A 40 ANNI: fumo e sovrappeso cause di infertilità.
Per una buona gravidanza lo stile di vita, soprattutto negli anni che precedono la gravidanza, è fondamentale. Ci sono alcuni consigli, validi per tutti, molto importanti se si vuole arrivare all’ età di 40 anni con l’ organismo in salute e in grado di sostenere una gravidanza.
Prima di tutto bisogna mantenere il peso forma, non fumare e fare un minimo di attività fisica regolare. Il suggerimento di non fumare e di mantenere il peso forma arriva anche dall’ Istituto Superiore di Sanità che annovera il fumo e il sovrappeso tra le principali cause di infertilità idiopatica, cioè l’ incapacità di concepire non spiegata e non dovuta a cause note. Questo vale sia per gli uomini sia per le donne.

GRAVIDANZA E FERTILITA’ : FARE L’ AMORE ALL’ ALBA AIUTA IL CONCEPIMENTO
L’ ideale, se si vuole avere un figlio, è fare l’ amore tra le 6.30 e le 7.00 del mattino, vale a dire prima di fare colazione. Farlo all’ alba non è soltanto più piacevole fare l’ amore, perché i livelli di testosterone sono al massimo per la donna e per l’ uomo. Ma è anche il momento migliore perché avvenga il concepimento. Le ragioni sono diverse: il quadro ormonale di entrambi i partner all’ alba è più favorevole all’ incontro tra l’ ovulo e gli spermatozoi, inoltre gli spermatozoi al risveglio sono presenti in maggiore quantità nell’ eiaculato maschile e quindi la probabilità che uno di essi raggiunga il suo obiettivo è più alta.
A ciò si aggiunga che alla sera e andando verso le ore piccole, pur essendo senza dubbio questi i momenti più romantici per fare l’ amore, subentrano stanchezza, pigrizia e le energie dopo un’ intera giornata di lavoro sono in genere parecchio più scarse.

IN FORMA DOPO IL PARTO ANCHE A 40 ANNI
Nuoto, yoga e palestra per tornare in forma fisica dopo la gravidanza, ma ci vuole pazienza.
Se la gravidanza è stata fisiologica, cioè se tutto è andato come doveva, non ci sono differenze nella fase di recupero dopo il parto tra una donna giovane e una quarantenne. Se invece ci sono stati problemi di tipo ipertensivo o altro, è fondamentale effettuare un monitoraggio attento anche nella fase del puerperio fino al rientro in equilibrio.
Se la gravidanza è filata liscia, con un pò di attività fisica (esercizi post-parto di yoga, nuoto, o dell’ attività fisica che più piace) ogni donna può essere protagonista del recupero della forma fisica che aveva prima della gravidanza. Ciò richiede un pò di tempo, come avevano richiesto tempo le modifiche del corpo fino al momento del parto. Non c’è fretta: l’ importante è ricordare che dopo il parto e dopo un periodo di grande stanchezza per il quale è fondamentale il buon sonno al fine di recuperare energie, la ripresa del movimento fisico migliora il tono dell’ umore, le condizioni generali della donna, l’ immagine allo specchio e scarica le tensioni.

SESSO POST GRAVIDANZA
La nascita di un figlio è un meraviglioso terremoto che riguarda praticamente tutto, la vita privata, gli amici, il tempo libero. E ovviamente anche la sfera sessuale dei genitori.
Quali sono i tempi giusti per ricominciare a fare l’ amore ? Normalmente servono dalle 4 alle 6 settimane perché l’ utero riprenda le sue dimensioni e il collo dell’ utero reintegri le sue funzioni protettive. Se non è ancora ben chiuso, risulta più vulnerabile alle infezioni e si può compromettere la fertilità futura. Nel caso di parto cesareo o altre complicazioni i tempi diventano più lunghi.
Non è un limite rigido, ma è raro che una coppia senta il bisogno di riprendere l’ attività sessuale prima di 4-6 settimane dal parto, dato che i neo-genitori sono impegnati con l’ accudimento del neonato e anche per le modificazioni endocrine nell’ organismo della donna che non favoriscono il desiderio. Basta ricordare che, quando si allatta, nel sangue della mamma ci sono alti livelli di prolattina, un ormone che “rema contro” la libido. In più, c’è una carenza di estrogeni, che induce secchezza vaginale e i rapporti possono diventare dolorosi.
Anche i papà hanno bisogno di tempo: secondo studi recenti, nei primi mesi di vita del figlio vanno incontro a un calo di testosterone, e quindi del desiderio sessuale. Il che dimostra che la natura stessa provvede a raffreddare l’ impulso erotico in entrambi i partner.


leggi anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

186 Risposte

  1. IMMA says:

    Ciao ragazze, ho 46 anni e ho le tube chiuse, vorrei tanto un altro figlio… volevo sapere se c’è la speranza di riaprirle. grazie

  2. paola says:

    grazie margherita …un bacio

  3. irene says:

    Buongiorno Margherita, ti ringrazio per le tue belle parole, ma io ho 48 anni e quindi è molto difficile, oltretutto come ti ho spiegato il mio compagno non vuole spendere più niente in questo sogno di una mia gravidanza, sogno più mio che suo… lui infatti di figlie ne ha già 2, e l’ultima lo sta rendendo nonno proprio in questi giorni… quindi puoi bene immaginare come si sente: gli ha voluto comprare lui carrozzina, vestiti, ecc. Credimi sono davvero stanca, per fare l’ovodonazione dovremmo andare all’estero e lui di muoversi di qua non ne vuole sapere. un bacione a te margherita in particolare, e a tutte le donne del forum.

  4. margherita says:

    ciao Irene, capisco l’ansia per i problemi economici, ma se sei ancora abbastanza giovane non mollare, continua a pensare a come fare per cambiare la situazione e anche se ci vorrà del tempo pensa che con la volontà si ottiene tutto. almeno un tentativo io lo farei. un abbraccio stretto.

    ciao Paola, sicuramente la tua famiglia è splendida così com’è, essere mamme anche di un solo bimbo è già un fatto straordinario ed è già una ricchezza. ti auguro tanta felicità e di avere presto tanti nipotini! ti ammiro perchè riesci a vedere le cose belle che ti stanno intorno.

  5. mary says:

    ciao a tutte, io ho 45 anni e vorrei fare la mia prima ovodonazione (spero prima e ultima), avevo pensato a Platteu… che ne dite? avete esperienza in merito? grazie mille a tutte

  6. paola says:

    grazie margherita, ho visitato il sito di siviglia …ma penso che le mie finanze non me lo possono permettere… io e il mio compagno e anche i miei figli abbiamo deciso che la nostra famiglia è già bella così …vorrà dire che fra qualche anno, quando mio figlio di 20 anni avrà un bambino, sarò una nonna felice. un bacio e un in bocca al lupo a tutte

  7. irene says:

    Ciao ragazze, dopo la quarta fivet in Italia effettuata il 25 ottobre 2013 e naturalmente andata male, vorrei provare con l’ovodonazione, ma il mio compagno non è d’accordo visto che tanto lui ha già 2 figli da un precedente matrimonio, oltretutto che l’hanno reso nonno (la figlia più piccola di 21 anni partorisce a fine mese). e poi ci sono i problemi economici, cosa non di poco conto. Sono contenta per chi di voi ce l’ha fatta, ma credo che il mio sogno resti tale. un bacione a tutte

  8. claudia says:

    Ti ringrazio Stefania per le tue belle parole! Hai ragione, il sogno della gravidanza a volte si blocca oltre che per altri problemi, anche per il lato economico! Il sistema italiano in queste situazioni è davvero molto indietro rispetto al resto dell’Europa. Anche adottare un bambino è un’impresa per pochi. Spero tanto di avere belle notizie da voi. un abbraccio a tutte!

  9. stefania says:

    Grazie Margherta. Io ho ormai 49 anni e, anche se fisicamente sto bene, non si può dire altrettanto per le mie finanze. Purtroppo per poter coronare il sogno di una gravidanza mi sono letteralmente svenata e non so più dove trovare le risorse economiche.

    Claudia, ti ho sempre ammirato tanto per la tua sensibilità e per le perle di saggezza che ci dai. Quando leggo i tuoi post mi ricarico!
    Faccio un grande in bocca al lupo a tutte voi

  10. claudia says:

    Penso che non bisogna affidarsi solo al destino, ma sentire quello che il nostro cuore ci suggerisce… Il mio cuore tutti gli istanti mi suggerisce di non arrendermi e lotterò con tutta me stessa per non lasciare niente di intentato! Cerchiamo di lottare quindi per tentare almeno di realizzare i nostri sogni! Grazie Margherita! e grazie a tutte voi!

  11. margherita says:

    ciao a tutte, vorrei dire a Stefania di non mollare, posso chiederti quanti anni hai? appena puoi riprovaci. vorrei incoraggiarti perchè anch’io con 3 ottimi embrioni non ce l’ho fatta ma a volte funziona meglio con quelli congelati, come è successo a me. inoltre la seconda volta ho insistito per fare l’eparina ed è andata bene!

    Claudia, hai perfettamente ragione, non puoi rinunciare! la nostra vita è unica e i nostri sogni più grandi vanno perseguiti fino alla fine.
    un abbraccio a tutte

  12. claudia says:

    Ciao a tutte! Io ho 48 anni e vorrei affrontare un’ovodonazione, ma devo convincere il mio compagno che continua a sostenere che è tardi! Ma io mi sento forte e, volendo così tanto questo bimbo, non voglio privarmi di questa meravigliosa gioia… Grazie Margherita per il consiglio! cercherò di informarmi dove sei andata tu e dove ti sei trovata bene! un abbraccio a tutte!

  13. margherita says:

    ciao Paola, io ho una bimba avuta in modo naturale, poi 3 aborti. dopo due fivet in austria andate male con miei ovuli, mi sono decisa per l’ovodonazione e sono stata alla Ginemed di Siviglia. avevo una donatrice esclusiva e abbiamo prodotto 7 embrioni. con i tre freschi non ha funzionato, mentre con 2 congelati è andata bene ed è nato il mio secondo meraviglioso bimbo. sono molto felice di aver avuto il coraggio di affrontare questa avventura e di aver continuato senza mai arrendermi, alla fine sono stata fortunata. te lo consiglio vivamente, vai nel loro sito e trovi tutte le informazioni, anche i costi, oppure scrivigli una mail e loro ti mandano tutto. se sei convinta comincia subito
    🙂
    un abbraccio e in bocca al lupo

  14. paola says:

    ciao margherita, anche io ho 46 anni e il mio compagno vorrebbe un bimbo, lui ha 43 anni. noi abbiamo già dei figli da precedenti matrimoni, ma da 3 anni stiamo insieme e solo una volta (pur facendolo spesso e senza precauzioni) sono rimasta incinta con lui, ma ho avuto un aborto spontaneo al secondo mese. abbiamo pensato ad una fecondazione assistista, ma in italia sono troppo “vecchia” e pensavamo alla spagna… tu che l’hai fatto mi potresti dare qualche chiarimento? magari dicendomi come hai fatto tu, a chi ti sei rivolta e quale dovrebbe essere la spesa e la trafila da seguire. aspetto tue notizie

  15. margherita says:

    ciao a tutte, io dopo 3 aborti con 2 ovodonazione sono rimasta incinta e a 46 anni ho partorito il mio bambino. oggi ho 48 anni e vorrei tanto riprovare con i due embrioni congelati che ho in spagna, ma mio marito dice che siamo troppo vecchi. spero di riuscire a convincerlo a breve. un abbraccio a tutte e non perdete mai la speranza!

  16. claudia says:

    io spero che le notizie belle arrivino per tutte noi… che dopo le preoccupazioni, le delusioni, le speranze andate in fumo arrivi un pò di sereno perché prima o poi la ruota deve girare! In bocca al lupo ad Ilaria! un abbraccio

  17. stefania says:

    Ciao ragazze! Ovodonazione fatta il 25 maggio con blastocisti ottima a dire del dottore. Oggi dosaggio beta negativo. Ci ho voluto provare piena di speranze. Ma adesso le riserve economiche sono finite ed anche le mie speranze. Spero di avere belle notizie almeno da voi. In bocca al lupo a tutte quante!

  18. Ilaria says:

    Care ragazze, ieri pensavo a voi e avrei voluto scrivere già da qualche giorno… ma poi si sa, la vita scorre veramente veloce e a volte le cose a cui teniamo le “tralasciamo ” un pò. Intanto Alessandra non mollare! Purtroppo è vero, ormai la nostra risorsa è solo ovodonazione (io ho compiuto 47 anni a maggio), penso che i nostri compagni-mariti se li stressiamo un pò alla fine “acconsentiranno”! Le mie novità sono che martedì prossimo mi levo questa benedetta tiroide e speriamo bene! Per il resto continuo ad avere il ciclo regolare a mo’ di presa in giro e ogni tanto vengo a sapere di qualche coetanea che resta incinta in modo naturale ed involontariamente e che fa figli perfetti! Questa è la vita! Un abbraccione a tutte, mi faccio sentire dopo l’intervento! Baci

  19. claudia says:

    Ciao Alessandra, e ciao a tutte… Non perdere le speranze! Anche mio marito è contrario all’ ovodonazione, ma io sono ancora speranzosa nonostante il mese prossimo compirò 48 anni! Io credo che se i nostri mariti, compagni ci tengono davvero a noi, non devono passare sopra a questo nostro grande desiderio così meraviglioso. Forza, lottiamo!
    Anch’io vorrei avere notizie di Ilaria. Un abbraccio a te e a tutte

  20. alessandra says:

    ciao a Tutte, eccomi dopo un bel pò di tempo e con novità non certo bellissime! Ieri nel centro dove sono assistita il responso è stato che a 46 anni posso solo pensare all’ovodonazione, tra l’altro notizia confermata dal prof Cerusico che ho sentito via mail… molto schietto direi come persona. Quindi, considerato che mio marito non ne vuole sapere, mi resterà il desiderio per sempre! un abbraccio a tutte, qui con Voi è molto bello!
    P.s. Ilaria come stai? Baci

  21. claudia says:

    Cara Ilaria, è il momento di pensare a te! Affronta questa situazione con coraggio e con la forza che ti contraddistingue! A volte la vita ci fa affrontare degli ostacoli che sembrano insormontabili, ma poi quanto meno ce l’aspettiamo ci spiana il terreno e tutto ricomincia… Questo succederà a te! Tienici aggiornate, fra un pò sarà tutto passato! FORZA ILARIA! TIFIAMO PER TE! UN ABBRACCIO FORTE FORTE

  22. Ilaria says:

    Care ragazze, questa volta vi dico solo che purtroppo devo essere operata d’urgenza per neoplasia alla tiroide… la devo togliere… così invece di pensare a fare un figlio faccio questo! Un abbraccione a tutte!

  23. francesca says:

    Care amiche volevo informarvi che sono sotto cura dal dottor Carone, alla clinica Crea di Taranto. E’ già quasi un mese che prendo l’acido follico e sono 5 giorni che ho iniziato le punture nella pancia, adesso appena mi arriva il ciclo chiamo il dottor Carone e mi dirà come prosequire. Volevo ringraziarvi perchè grazie a voi ho avuto il coraggio di iniziare questo percorso, anche se non è facile a quasi 43 anni, ma vi dico che il dottor Carone ci ha dato qualche buona possibilità e allora perchè non provare almeno una volta? avevo mille paure quando sono andata al colloquio, ma il dottore in pochi minuti mi ha fatto chiarezza su tutti i miei dubbi e sono uscita dal suo ufficio di bari molto tranquilla, io ci provo poi come Dio vuole faremo. Certo vi posso dire che i dottori sono uomini e non santi che fanno miracoli, dunque prenderò la cosa come viene, senza fissarmi o stare male o dare la colpa a qualcuno come fanno in tanti. Bhè care amiche, in seguito vi farò sapere com’è andata, penso che il tutto se va bene accadrà intorno al 22 aprile. Saluti affettusi per tutte voi!

  24. IRENE says:

    augurissimi a tutte le amiche del blog e alla redazione che ci permette di poterci confrontare e consolare …un bacio a tutte e speriamo che ci siano presto buone novità per tutte noi…

  25. claudia says:

    Cara Ilaria, trovo che “compagne di sogno” sia una definizione bellissima… a volte i sogni si realizzano e a volte quanto meno te l’aspetti si verifica anche qualcosa di bello! Questo è l’augurio per noi! un abbraccio a te e alle altre “compagne di sogno”…

  26. Ilaria says:

    Grazie Claudia! Auguri a te a tutte le nostre “compagne di sogno”! Auguri alla redazione …La speranza è veramente l’ultima a morire, come dicono! Un abbraccio grande a tutti

  27. Redazione IO Benessere Blog says:

    Ti ringraziamo tanto cara Caludia e ricambiamo con i nostri più sinceri auguri di una serena Pasqua a te, ai tuoi cari e a tutte le donne che scrivono sul blog. Speriamo di cuore che arrivino belle novità per voi.

  28. claudia says:

    che silenzio in questo periodo… nessuna novità bella da condividere?
    BUONA PASQUA a tutte voi e alla redazione
    con affetto

  29. Stefania says:

    Cara Paola, ascolta Claudia! l’embrione crescerebbe in te e, è scientificamente provato, molti aspetti del tuo carattere sarebbero ereditati dal nascituro. Purtroppo è vero, qui in Italia le leggi sull’adozione ti scoraggiano e ti fanno desistere dall’intraprendere un cammino del genere. Un affettuoso saluto a tutte quante

  30. claudia says:

    Cara Paola, certo che hai avuto una bella sorpresa! Io comunque credo che un figlio ti appartiene a prescindere dal fatto che l’ovulo sia tuo o non tuo e che tu lo possa adottare! Con la pratica dell’ovodonazione oltretutto il bimbo ce l’hai in pancia 9 mesi… Non ti fare condizionare da quello che senti… è un mondo ad alcuni poco conosciuto. Certo se in Italia ci fossero delle leggi diverse sull’ adozione, sarebbe tutto più facile! un bacione a te e a tutte

  31. paola says:

    buongiorno signore, ho 46 anni e ad ottobre ho avuto una gravidanza extra uterina inaspettata, perchè ho le tube chiuse. mi sono subito recata dal ginecologo che mi ha detto che le tube non sono state tagliate, ma solo cucite, quindi con gli anni può essere successo che si è “scucito” qualcosa …questo mi ha fatto ben sperare perchè vorrei un figlio dal mio compagno, ma dopo tutti questi mesi di prove, non rimanendo incinta mi sono rivolta a una dottoressa di un ospedale per l’ inseminazione artificiale. lì la doccia fredda: “signora sarebbero soldi sprecati perchè l’età c’è, l’unica cosa sarebbe l’ovodonazione, ma non saprà mai da chi viene”. mentre ieri un’ amica di mio figlio, di 18 anni lei e 14 lui, è incinta e vuole rinunciare al bambino… qualcuno mi sa dire come potrei fare per adottarlo?

  32. alessandra says:

    Ciao carissime… qui si sta proprio bene! Anche ieri a parlare a lungo dell’ ovodonazione con mio marito, ma con scarso risultato! Allora proviamo ancora… 2 mesi di pillola (per rimettere tutto in moto benissimo!) e poi vediamo che succede! Ovodonazione… sì ma il codice genetico non è il tuo… ok… poi c’è la “memoria cellulare”… ok… ma io lo nutro… oooohhhh quanti discorsi! insomma significa che proprio fino in fondo un figlio anche no! va beh… buona domenica care Amiche! un abbraccio… e avanti tutta a Tutte!

  33. claudia says:

    ultimamente mi sono informata un pò sul mondo “ovodonazione”. anche qui ci sono i limiti e niente è sicuro al 100%, ma per noi che abbiamo superato i 45 anni penso sia l’unica strada da percorrere! Ci sono tanti problemi che assolutamente non riguardano il fatto (almeno per me) che gli ovuli non sono i miei, ma piuttosto convincere i nostri compagni-mariti. Per quanto mi riguarda, il mio compagno è prevenuto perché non vuole vededermi soffrire ancora in caso di fallimento! E io purtroppo, come altre, ho sofferto e soffro ancora tanto per quello che mi è capitato. Poi c’è anche il discorso economico… Certo, non vorrei lasciare nulla di intentato per poi dire: potevo provarci! Le speranze di una gravidanza naturale oramai le ho perse!
    Forza Francesca! E un bacio a tutte le mie amiche!

  34. francesca says:

    Grazie ragazze, dalle vostre risposte mi avete reso davvero felice, venerdì alle 18 ho il mio primo appuntamento a Bari con questo dottor Carone, mi hanno detto che è davvero bravo! vi farò sapere come è andata …speriamo bene, ho intenzione di ascoltare i vostri consigli di buttarmi alla grande! baci e in bocca alla cicogna per claudia e ilaria!

  35. Ilaria says:

    Hai ragione Claudia… tra noi possiamo parlare liberamente. Volevo dire anche io a Francesca che non conosco questa clinica… ma prova! Buttati! E ricorda che, non avendo neanche 43 anni, hai maggiori possibilità di avere una gravidanza! Un abbraccio e in bocca al lupo! Facci sapere!

  36. claudia says:

    Credo che se anche non ci conosciamo personalmente a me sembra di parlare con un gruppo di amiche… con alcune di loro ho condiviso le mie sventure legate alla maternità, ma forse meglio dire “sfortune”… ma mi rafforza sentire anche tante esperienze felici delle altre! Io Francesca non saprei darti consigli, ma se hai sentito parlare bene di questa clinica, al tuo posto proverei! In bocca al lupo a te e a noi tutte!

error:
Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!