Acido acetilsalicilico: a cosa serve?

acido acetilsalicilico farmaci
L’ acido acetilsalicilico è una molecola piccola, dal punto di vista chimico, che si ottiene estraendo un precursore dalla corteccia del salice bianco (Salix alba), e che era già nota e usata da Ippocrate nel V secolo a.C.
L’ acido acetilsalicilico ha effetti antinfiammatori, antidolorifici e di prevenzione delle malattie cardiovascolari.
Vediamo insieme in questo articolo a cosa serve l’ acido acetilsalicilico.

A cosa serve l’ acido acetilsalicilico? Cosa cura?

L’ acido acetilsalicilico è il capostipite dei farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans) e oltre ad essere usato come antinfiammatorio per curare influenza e malanni di stagione, ha anche un’azione antidolorifica ogni volta che il dolore è la conseguenza di un processo infiammatorio.
Sono soprattutto i dolori che colpiscono ossa, articolazioni e muscoli quelli che possono beneficiare di questo farmaco. L’ acido acetilsalicilico è utile sia nei processi infiammatori che su patologie degenerative, come nel caso dell’osteoartrosi, e nel caso di eventi acuti come i traumi o gli strappi muscolari.

L’ acido acetilsalicilico è comunemente usato anche per il mal di testa, un disturbo che affligge periodicamente milioni di italiani. Il meccanismo con cui l’ acido acetilsalicilico agisce sul mal di testa è lo stesso che sfrutta per alleviare gli altri stati dolorosi.
Va detto che, oltre ai classici mal di testa di tipo muscolo tensivo, l’indicazione specifica dell’ acido acetilsalicilico è la cefalea primaria di tipo emicranico.


Da anni, poi, l’ acido acetilsalicilico è usato per tenere alla larga infarto e patologie cardiovascolari: in pratica è in grado di inibire il tromboxano, una molecola che favorisce l’aggregazione delle piastrine. In questo caso sono necessari dosaggi inferiori (100 milligrammi al giorno) rispetto a quelli usati per alleviare il dolore o curare i sintomi di un’infiammazione.
Sui soggetti che hanno già avuto un infarto, invece, il dosaggio di acido acetilsalicilico è più alto perché il rischio cardiovascolare è molto elevato.


leggi anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:
Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!