Bambini: consigli per il rientro a scuola dopo le vacanze estive

come affrontare il rientro a scuola dopo le vacanze estive
Con la fine dell’estate si ritorna a scuola. Ecco dei consigli utili per affrontare al meglio il ritorno a scuola dei bambini e degli adolescenti dopo le vacanze estive.

Dieta sana e sport per i bambini al rientro dalle vacanze

Per favorire un rientro a scuola sereno e piacevole, è importante che i bambini comincino fin da subito ad avere una
corretta alimentazione e a praticare regolare attività fisica. Seguire una dieta sana e praticare un’attività sportiva aiuta a scaricare lo stress, combatte in maniera naturale i malumori e concilia il sonno.

I bambini devono mangiare 5 pasti al giorno, suddivisi in: colazione, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio e cena.

Colazione sana per bambini

Per riprendere al meglio il ritmo scolastico, è molto importante la prima colazione dei bambini, che deve offrire la giusta quantità di zuccheri, vitamine e grassi necessari per affrontare con energia il resto della giornata.

L’importanza del sonno nei bambini: quante ore deve dormire un bambino?

E’ fondamentale che bambini e adolescenti riposino in maniera corretta. Ma quante ore devono dormire i bambini durante la notte? Ecco le recenti indicazioni della Sleep Foundation:

  • in media, un bambino di età compresa tra i 3 e i 5 anni deve dormire non meno di 10-13 ore;
  • i bambini dai 6 ai 10 anni di età devono dormire non meno di 9-11 ore;
  • i bambini della fascia di età compresa tra gli 11 e i 13 anni devono dormire non meno di 8-9 ore.

Numerosi studi scientifici confermano che, quando i bambini non dormono a sufficienza, difficilmente ottengono buoni risultati a scuola. La privazione del sonno, infatti, incide negativamente sulla memoria, sulla capacità di giudizio, sull’attenzione e sulla stabilità emotiva.


Secondo la SIPPS (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale), inoltre, nelle ore serali bisognerebbe vietare ai bambini l’uso di videogiochi, tablet, computer o televisione, che possono provocare ansia e agitazione ed alterare i normali ritmi del sonno.

Per favorire la ripresa del ritmo giusto, cioè un ritmo cadenzato dagli orari scolastici, è bene fare andare a dormire presto i bambini la sera, in modo che siano svegli e vigili al mattino.

Occorre infine sottolineare che l’organismo dei bambini, come del resto anche quello degli adulti, funziona sicuramente meglio se c’è una regolarità quotidiana in orari e attività.


leggi anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:
Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!