Mal di stomaco e cambio di stagione: disturbi della primavera

cambio di stagione mal di stomaco
Con l’arrivo della primavera e con il cambio di stagione sono frequenti i disturbi della digestione.
L’organismo deve adattarsi alle nuove condizioni climatiche e il caldo può mettere in difficoltà l’apparato digerente, acutizzando problemi piuttosto comuni come ad esempio bruciore di stomaco, gonfiore addominale e cattiva digestione.

La primavera stimola importanti cambiamenti ormonali e favorisce nervosismo. Questo produce a sua volta un eccesso di secrezione acida nello stomaco, che provoca due frequenti disturbi digestivi: la gastrite e il reflusso gastroesofageo.
I sintomi possono variare molto da persona a persona, ma i più frequenti sono bruciore di stomaco, senso di nausea o vomito, sensazione di difficoltà nella digestione.

Il fumo di sigaretta, lo stress o alcuni trattamenti farmacologici sono alcuni dei tanti fattori che possono provocare indigestione. Con i ritmi lavorativi e lo stile di vita stressante, il pasto di fine giornata è diventato per molti quello più abbondante. Ma, durante le ore serali e notturne, l’apparato digestivo lavora lentamente, soprattutto se i cibi sono grassi o elaborati.

I problemi relativi all’apparato digerente possono quindi essere causati da ansia, stress, cattive abitudini alimentari e sedentarietà.

Per chi soffre di mal di stomaco, il cambio di stagione non è un buon momento. Con il passaggio alla primavera, infatti, i sintomi possono aggravarsi. Ci sono però semplici rimedi che aiutano a tenere sotto controllo acidità e bruciore di stomaco.
Per ostacolarne l’insorgenza, occorre assecondare le esigenze dell’organismo che, non dovendo più contrastare il freddo, riduce il fabbisogno di calorie e richiede una maggiore quantità di acqua e sali minerali.

Attenzione in particolare ad alimentazione e stile di vita. Per prima cosa, bisogna scegliere con cura ciò che si mangia.

Disturbi digestivi in primavera: cosa mangiare e cosa evitare

L’eccesso di cibo è uno dei principali fattori che porta l’organismo a produrre una maggiore quantità di acidi nello stomaco, allungando i tempi della digestione. Le abbuffate di cibo rendono particolarmente laboriosa e difficile la digestione, facilitando anche il reflusso di contenuto gastrico nell’esofago.

E’ quindi preferibile fare piccoli pasti ogni giorno e fare attenzione a cosa si porta in tavola.
Cereali come avena e riso, alcuni frutti come mela e pera, verdure come finocchio e carota sono molto benefici per lo stomaco perché facilmente digeribili.

Gli alimenti grassi o fritti, cibi troppo freddi o troppo caldi, caffè, tè e bevande gassate vanno invece ridotti o eliminati dalla dieta quotidiana.
Evita quindi carni rosse grasse ed insaccati, dolci con la crema, sostanze alcoliche, formaggi fermentati e latte intero, arance e agrumi (che possono aggredire l’esofago e lo stomaco stimolando la produzione di acido), pomodori, sottaceti, succhi di frutta confezionati.
Anche il cioccolato, la menta e i cibi piccanti (così come troppi condimenti) possono creare disturbi allo stomaco e sono da evitare.

L’alimentazione ha un ruolo fondamentale per controllare i disturbi della digestione.
Ecco gli accorgimenti da seguire per superare al meglio il periodo critico del cambio di stagione e favorire la digestione:

  1. fare cinque piccoli pasti nell’arco della giornata (colazione, spuntino a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena);
  2. evitare abbuffate e pasti abbondanti;
  3. mangiare lentamente e masticare molto;
  4. preferire pasta e riso cotti al dente perchè sono più digeribili;
  5. evitare alimenti troppo caldi o troppo freddi;
  6. preferire cibi asciutti in modo da assorbire la maggiore quantità possibile di succhi gastrici;
  7. bere acqua naturale nell’arco della giornata, ma bere poco durante i pasti per evitare di gonfiare troppo lo stomaco;
  8. evitare di dormire subito dopo aver mangiato.

Riguardo all’ultimo consiglio, ricorda infatti che la “pennichella” non aiuta la digestione.
La tentazione di fare un sonnellino subito dopo pranzo o di sdraiarsi sul letto (o sul divano) dopo cena è sempre in agguato, soprattutto a primavera.
In realtà, mettersi in una posizione orizzontale appena completato il pasto è una pessima abitudine, perché facilita la risalita degli acidi dallo stomaco nell’esofago. E’ meglio, quindi, andare a fare una breve passeggiata; in questo modo lo svuotamento dello stomaco viene accelerato, con conseguente diminuzione della sensazione di pesantezza e di bruciore.

Cosa fare per digerire bene

Mangiare lentamente, con una corretta masticazione, agevola la digestione e riduce i tempi di permanenza del cibo nello stomaco. I pasti vanno consumati da seduti e con calma, lasciandosi alle spalle nervosismo e preoccupazioni.

E’ meglio ripartire le calorie complessive nell’intero arco della giornata, mantenendo orari regolari senza mai saltare un pasto o ritardarlo eccessivamente e inserendo due spuntini (uno a metà mattina e l’altro nel pomeriggio) per tamponare l’acidità di stomaco.

Nella dieta quotidiana vanno preferite preparazioni semplici, poco condite e cucinate al vapore, ai ferri, alla griglia, alla piastra, al forno o al cartoccio.

Rimedi naturali per il mal di stomaco

La natura offre alcuni rimedi per i disturbi di stomaco. La camomilla, assunta sotto forma di infuso e a temperatura tiepida, rilassa la muscolatura dello stomaco e aiuta ad alleviare i classici disturbi, dalla digestione lenta alla gastrite, dall’acidità ai bruciori.

Un infuso a base di malva svolge un’azione lenitiva, antianfiammatoria ed emolliente, utile anche per crampi addominali. Ottimi rimedi naturali sono anche passiflora, iperico, melissa, anice, finocchio, ortica e timo.

Infine, risulta efficace la radice di liquirizia. Masticata nei classici bastoncini, oppure utilizzata nelle tisane, la radice di liquirizia allevia i dolori allo stomaco e migliora la digestione, ma è sconsigliata a chi soffre di ipertensione, perchè ad alte dosi favorisce il rialzo della pressione.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!