Probiotici per aumentare le difese immunitarie e per la salute dell’ intestino: latte e yogurt con probiotici

Secondo i più recenti studi scientifici, i probiotici sono dei fermenti “buoni” che hanno molti effetti protettivi sull’ organismo. I probiotici sono arrivati in Italia una quindicina d’ anni fa e poco alla volta hanno letteralmente invaso i banchi frigo del supermercato. Eppure, a tanto successo non corrisponde altrettanta informazione: molte persone non sanno esattamente cosa sono i probiotici, quali benefici danno, quando e in che quantità è meglio assumerli. Inoltre molti non sanno la differenza tra probiotici e prebiotici. I probiotici sono per lo più batteri, ma in qualche caso anche lieviti, che quando vengono ingeriti si mantengono vivi e vitali. Assunti in quantità sufficiente, i probiotici esercitano funzioni benefiche aiutandoci a mantenerci in buona salute. Per estensione, si chiamano “probiotici” anche gli alimenti che contengono un alto numero di questi stessi batteri, vivi e attivi. I probiotici che vengono aggiunti agli alimenti sono microrganismi dello stesso tipo di quelli “buoni” che abitano normalmente il nostro intestino. I batteri, cioè, che si stratificano a miliardi nella mucosa (il loro numero è superiore a quello di tutte le cellule del nostro organismo) e stimolano il sistema immunitario, formando un’ importante barriera contro lo sviluppo di germi nocivi provenienti dall’ esterno, e contro il passaggio di sostanze responsabili di allergie.


Ma non è tutto perché alcuni batteri della flora intestinale svolgono anche una funzione nutritiva, producendo vitamine (come la vitamina K e alcune vitamine del gruppo B) e degradando eventuali sostanze tossiche. Non tutti i fermenti lattici sono probiotici. Per potersi definire probiotico un microrganismo deve presentare alcune caratteristiche: deve essere un normale componente della microflora dell’ intestino umano in condizioni di salute, deve resistere all’ acidità dello stomaco e all’ azione della bile per arrivare vivo e senza danni nell’ intestino, deve sopravvivere nel passaggio attraverso il tratto gastrointestinale ma anche aderire alle mucose e riprodursi attivamente in modo da colonizzare le pareti dell’ intestino, deve favorire il riequilibrio della flora intestinale e aiutare lo sviluppo dei batteri “buoni” dell’ intestino, deve essere sicuro (deve cioè essere perfettamente tollerabile e si deve escludere che possa diventare nocivo o dare problemi di tossicità). I vari ceppi di microrganismi probiotici possono esercitare azioni differenti sull’ organismo, con varia efficacia. Un’ azione comunemente riconosciuta a tutti è quella di protezione dalle infezioni: può bastare una cura antibiotica, un banale malanno, o anche solo uno stato di stress, per rompere l’ equilibrio della flora intestinale e lasciare così campo libero ai germi infettivi. È soprattutto in questi casi che si rivelano preziosi i probiotici che sottraggono il nutrimento ai microbi nocivi, si insediano al loro posto nella mucosa intestinale, stimolano il sistema immunitario (concentrato proprio in prossimità delle pareti intestinali), a volte fabbricano essi stessi delle sostanze antimicrobiche attive contro germi specifici, e aiutano a degradare le tossine da loro prodotte.

Per quali disturbi sono efficaci i probiotici

Allo stato attuale, sono confermati da molti studi effetti positivi dei probiotici rispetto a: diarrea acuta da Rotaviruss, gastroenterite, dismicrobismo da antibiotici, diarrea del viaggiatore. Inoltre, è allo studio l’ efficacia dei probiotici contro: infezioni da Clostridium difficile, vaginite batterica e da Candida, infezioni urinarie, malattie infiammatorie croniche intestinali. Diverse ricerche hanno evidenziato anche un’ azione positiva dei probiotici nelle infezioni respiratorie in età pediatrica, nel controllo dell’ intolleranza al lattosio e di allergie e dermatite atopica. L’ assunzione dei probiotici va protratta per almeno due settimane, prima di vedere effettivi miglioramenti. In linea di massima i probiotici vanno assunti a stomaco vuoto perché in quesca forma transitano più velocemente attraverso lo stomaco e risentono meno degli effetti distruttivi dei succhi gastrici.

Differenza tra probiotici e prebiotici

Oltre ai “probiotici” si stanno diffondendo anche gli alimenti “prebiotici”: non contengono fermenti vivi, ma alcune sostanze (In genere particolari fibre e zuccheri) in grado di favorire lo sviluppo dei batteri intestinali utili per l’uomo. Gli alimenti “prebiotici” svolgono un’ azione stimolante sui microrganismi probiotici. Generalmente, le fibre prebiotiche vengono addizionate a latte e latticini. Va detto, però, che le sostanze prebiotiche si trovano abbondanti anche in molti prodotti naturali: i carciofi, per esempio, ne contengono altissime quantità, così come i legumi.

Alimenti probiotici per rafforzare le difese immunitarie

Al supermercato gli alimenti probiotici si trovano soprattutto nel reparto latticini. In particolare i prodotti più diffusi sono:
– Latti fermentati proposti nelle bottigliette monodose; contengono anche un miliardo di fermenti vivi;
– Yogurt addizionati con altri fermenti: oltre ai batteri tipo dello yogurt, contengono nuovi fermenti probiotici.

I fermenti probiotici solitamente aggiunti agli alimenti sono:
– Lactobacillus casei immunitas: è molto resistente, aiuta a riequilibrare la flora intestinale naturale e stimola il sistema immunitario;
– Lactobacillus casei Shirota: è efficace nel bilanciare la microflora e nella prevenzione dei disturbi dell’ intestino, inoltre stimola la produzione di anticorpi;
– Lactobacillus GG: è utile nel trattamento della diarrea virale acuta e della diarrea batterica nei neonati, in più stabilizza la permeabilità intestinale;
– Lactobacillus LCI: produce un aumento degli anticorpi e promuove l’ equilibrio della microflora intestinale;
– Lactobacillus acidophilus: attenua la stitichezza e riduce la presenza degli enzimi fecali che causano gonfiore.

Per ulteriori informazioni sui benefici dei probiotici, leggere anche gli articoli correlati (Cliccare sui link qui sotto):

PROBIOTICI, FERMENTI LATTICI E ZENZERO CONTRO LA DIARREA DEL VIAGGIATORE
Probiotici, fermenti lattici e zenzero contro la diarrea del viaggiatore e i disturbi dell intestino in vacanza

LATTE E YOGURT CON PROBIOTICI CONTRO PANCIA GONFIA, STITICHEZZA E CATTIVA DIGESTIONE
Latte e Yogurt con Probiotici per la salute dell’ intestino contro pancia gonfia, stitichezza e cattiva digestione


leggi anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:
Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!