Autolesionismo, tagli, ferite. Come smettere di farsi male

autolesionismo come smettereL’ autolesionismo è un fenomeno nascosto che consiste nel procurarsi volontariamente ferite con graffi, tagli o bruciature. Può verificarsi durante l’ adolescenza.

Autolesionismo: cos’è

È un comportamento mirato ad infliggersi ferite o procurarsi un dolore anche molto acuto.
Non è la ricerca della sofferenza in quanto tale, né una sorta di volontà suicida, ma l’ autolesionismo è piuttosto la necessità di trasferire sul corpo un dolore che si agita nel profondo dell’animo.
Procurarsi un dolore fisico o delle ferite diventa un mezzo per interrompere un flusso di pensieri o di emozioni negative oppure per bloccare ricordi dolorosi.
Si crede erroneamente che chi soffre di questo disagio ami procurarsi dolore. Al contrario, chi si ferisce volontariamente vuole smettere di soffrire: la ferita fisica serve ad interrompere un dolore emotivo insopportabile.

L’ autolesionismo è frequentemente associato a disturbi della personalità (soprattutto borderline) e a disturbi del comportamento alimentare (soprattutto bulimia).

In alcuni casi i gesti di autolesionismo vengono ostentati (cioè esibiti e mostrati) per comunicare un malessere e richiamare l’ attenzione. In questi casi è importante non fare finta di nulla, ma accogliere la richiesta di aiuto.

Chi invece nasconde accuratamente i comportamenti di autolesionismo e i segni delle ferite autoinflitte, è molto più difficile da aiutare. Ma il disagio che sta vivendo emerge anche da altri segnali che si possono vedere: la solitudine, l’ isolamento, la sofferenza, un umore sempre triste ed ombroso, o anche un carattere fortemente impulsivo.

Ci sono molti luoghi comuni da sfatare e stereotipi infondati sull’ autolesionismo. Il primo di questi è che la persona che si fa del male ha subito un abuso. Non è necessariamente così: chi è stato maltrattato o molestato può a volte esprimere il proprio disagio anche così, ma non è assolutamente detto che i comportamenti di autolesionismo siano sempre conseguenza di abusi.
Il piercing o altre pratiche di moda tra i giovani sono spesso considerati comportamenti di autolesionismo: non è vero, perché non sono indirizzati ad esprimere una sofferenza, ma solo ad abbellire il corpo dal punto di vista estetico.

Autolesionismo: cosa fare

Se ci si accorge che un amico o un figlio si ferisce volontariamente, bisogna distinguere gli atti episodici dal comportamento ripetuto.
Si parla di un comportamento reiterato (ripetuto) quando si superano i 5 atti di autolesionismo. Bisogna quindi capire se si tratta di un episodio isolato o di un’abitudine.

I genitori presi dall’ansia spesso drammatizzano la cosa. Invece occorre mantenere la calma e cercare il dialogo. Se non si tratta di un’ occasione isolata, si può parlare con uno psicologo o con uno psichiatra.

La cosa più importante è evitare il rimprovero e cercare di comprendere che cosa è successo e perché. Colpevolizzare può indurre la persona a ripetere il comportamento autolesionista di nascosto.

Autolesionismo: come smettere di farsi del male

I comportamenti di autolesionismo si curano con la psicoterapia. Lo psicologo aiuta la persona ad esprimere e incanalare la rabbia in modo più efficace, insegnando che farsi del male non è l’unica strategia possibile per gestire il dolore.
La psicoterapia aiuta la persona a trovare modalità di comportamento e di comunicazione del disagio più utili per la cura dell’ autolesionismo.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!