Viaggi nei paesi a rischio malaria: quando la profilassi antimalarica è consigliata per i viaggiatori

La nuova terapia contro la malaria è a base di derivati dell’ artemisia: è efficace e rapida ed ha minori effetti collaterali rispetto al chinino. La malaria è l’ infezione trasmessa dalle punture delle zanzare Anopheles. Vale la pena seguire la profilassi antimalarica in base alla destinazione di viaggio scelta. I Paesi in cui la malaria è endemica sono 110 e comprendono tutti quelli della fascia Subsahariana, molti Paesi del Sud Est Asiatico e altrettanti dell’ America del Sud. Vengono divisi in zone ad alto e a medio rischio malaria (dove la profilassi antimalarica è vivamente raccomandata) e in aree a basso rischio (dove ivece la profilassi antimalarica è solo consigliata). Per ognuna di queste nazioni vanno poi fatte delle considerazioni “personali”, in base alla durata e al tipo di viaggio: un conto è soggiornare in Brasile sulla costa, un altro conto è invece avventurarsi nella Foresta Amazzonica. Lo stesso discorso vale per i paesi del Sud Est Asiatico: se si va in India nella stagione dei monsoni il rischio-malaria è maggiore, perché le zanzare aumentano con il tasso di umidità (nelle aree a rischio la profilassi antimalarica è consigliata anche ai bambini, agli anziani e alle donne in gravidanza). La cosa migliore, se si hanno dei dubbi sul da farsi, è consultare la cartina delle zone a rischio (sito internet: www.tropicalmed.eu) e rivolgersi a un Centro di Medicina dei viaggi presente all’ interno della propria Asl di zona per chiedere ulteriori informazioni.


É opinione comune che la profilassi antimalarica faccia male al fegato: niente di più sbagliato. Semmai gli effetti collaterali sono altri, e variano a seconda del tipo di farmaco prescritto. A parità di copertura (intomo al 95%) la più tollerata è l’ associazione di atavaquone e proguanil, che offre il sensibile vantaggio di essere assunta per una sola settimana al rientro dal Paese a rischio. La doxiddina, invece, non solo va presa per quattro settimane dopo il rientro ma può indurre fotosensibilizzazione, disturbi gastrointestinali e persino ridurre l’ efficacia della pillola contraccettiva. Tra i farmaci in uso, antipatici scherzetti può causare anche la meflochina: va assunta anch’ essa per quattro settimane dal ritorno e può causare insonnia, agitazione, tachicardia, depressione e persino allucinazioni (sconsigliata, quindi, a chi ha l’ umore instabile).

Per ulteriori informazioni sui sintomi della malaria e sulle precauzioni da prendere in viaggio, leggere anche l’ articolo correlato (cliccare qui): Sintomi e cura malaria: febbre alta, mal di testa, diarrea, dolori muscolari. Viaggi e profilassi antimalarica





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!