Alimentazione e dieta dopo i 45 anni: vitamina D e calcio per le ossa, germogli di soia, integratori alimentari

Dopo i 45 anni, con l’ avvicinarsi della menopausa, è bene inserire nell’ alimentazione quotidiana germogli, oligoelementi ed erbe in polvere: sono ricchi di fitormoni e proteine che combattono la perdita di elastina della pelle, aiutano contro le “borse sotto agli occhi” e contro le macchie scure della pelle di viso e mani. L’ alimentazione è quindi molto utile anche per mantenere la bellezza della pelle del viso dopo i 45 anni. Con il lento avvicinarsi della menopausa, comincia infatti a variare l’ assetto ormonale della donna, men­tre il ricambio cellulare affaticato aumenta lo stress ossidativo di collagene ed elastina, con perdita di tono della pelle del viso e dei muscoli del corpo, colorito spento e rallentamento della circola­zione.

PIù VITAMINA B e VITAMINA C NELLA DIETA DOPO I 45 ANNI

Dopo i 45 anni la dieta quotidiana deve puntare su un maggiore apporto di vitamine del gruppo B e C. Spazio dunque al lievito di birra (una tavoletta la mattina a colazione; si compra in erboristeria), ma anche a uova, ortaggi a foglia verde, germe di grano, uvetta passita, melone (d’ estate), cereali inte­grali, frutta secca, agrumi, pomodori e cavoli nella dieta.

SEMI DI SESAMO CONTRO LE RUGHE NELLA DIETA DOPO I 45 ANNI

Un trucco per avere meno rughe dopo i 45 anni è mangiare ogni giorno un cucchiaio di semi di sesamo mescolato a uno yogurt bianco e a un cucchiaino di miele: contrasta il decadimento cellulare.

ACIDO FOLICO NELLA DIETA DOPO I 45 ANNI

Non devono poi mancare nella dieta carote, fegato, zucca, avocado, fagioli e riso integrale, ricchi di acido folico: è una sostanza preziosa che previene le anemie, nutre sangue e circolo ed è necessa­ria per la sintesi degli acidi nucleici e la divi­sione cellulare. Una manciata di germogli di soia tutti i giorni nell’ insalata rifornisce di acido folico, la sostanza che rigenera il tessuto cutaneo. E se tra i capelli compare qual­che filo bianco, è bene assumere l’ acido folico come in­tegratore alimentare assieme al Paba (acido paramino-benzoico) e all’ acido pantotenico: queste so­stanze si trovano già associate in capsule negli integratori alimentari naturali che si comprano in farmacia o in erboristeria.

PROTEINE NELLA DIETA DOPO I 45 ANNI

Per tonificare i muscoli e ottenere un buon effetto lifting sull’ epidermide non bisogna privarsi di un adeguato apporto di proteine nella dieta quotidiana. Ma non si deve “esagerare” con i cibi animali, anche perché dopo i 45 anni bastano 30 grammi di proteine ad ogni pasto. Per assumerle, basta ad esempio mangiare uno yogurt bianco naturale a colazione, un piatto di riso e lenticchie a pranzo e un etto di pesce (salmone, tonno) cotto al forno per cena, condito con un filo d’ olio d’ oliva a crudo.

VITAMINA D, CALCIO, MAGNESIO E FERRO NELLA DIETA PER OSSA E ARTICOLAZIONI DOPO I 45 ANNI

Dopo i 45 anni occorre fare particolare attenzione a ossa e articolazioni, che costituiscono l’ impalcatura sulla quale appoggia la pelle: se queste strutture sono deboli e cedevoli, ne risente anche l’ aspetto della pelle. Per questo occorre integrare la dieta quotidiana con alimenti ricchi di vitamina D (basta una perla di olio di sal­mone al giorno, si compra in erboristeria), calcio, magnesio e ferro.

CIBI RICCHI DI MAGNESIO
Di magnesio sono ricchi la crusca, il cioccolato amaro e poi mandorle, noci, fagiolini, bietole verdi, riso integrale e fichi secchi.

CIBI RICCHI DI FERRO
Il ferro si trova in pesche, tuorlo d’ uovo, noci, fagioli, asparagi e fiocchi d’ avena.

L’ EQUISETO PER IL CALCIO
Un ottimo integra­tore di calcio è l’ equiseto (in erboristeria e in farmacia): quest’ erba è quasi integralmente composta di silicio che nel corso del processo di metabolizzazione viene trasformato in calcio dall’ organismo e assorbito dalle ossa.

CONSIGLI DI BELLEZZA PER LA PELLE DEL VISO DOPO I 45 ANNI

Con un’ alimentazione variata e ricca dei nutrienti (come quella descritta sopra), non servono particolari integratori alimetari, ma nei periodi di stress, all’ inizio della menopausa o dopo una malattia la pelle può chiedere un aiuto supplementare. Ecco su cosa puntare:

COENZIMA Q10: è un antiossidante indispensabile già dopo i 40 anni, perché aumenta l’ energia metabolica e previene l’ invecchiamento. Lo si trova in piccole quantità nella soia, nei frutti oleosi e nel pesce azzurro, in particola­re sgombri e sardine, ma può essere assunto anche in capsule (integratori aliementari) nella dose di una al giorno, per un mese.

SELENIO E ZINCO: sono gli oligoelementi specifici contro l’ invecchiamento cutaneo della pelle, da prendere in fiale la mattina 10 minuti prima di colazione, a giorni alterni per 3 mesi.

ERBA MEDICA: se si avverte una sensazione di stanchezza e se la pelle del viso appare grigia e floscia, a colazione è bene bere mezzo bicchiere di latte di riso o di soia con un cucchiaio di erba medica (o alfa alfa) in polvere (si trova in erboristeria): grazie alla ricchezza di aminoacidi e oligoelementi, rivitalizza l’ or­ganismo affaticato e rinnova pelle, unghie e capelli.


leggi anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 Risposte

  1. Redazione IO Benessere Blog says:

    Buongiorno Antonietta, per le sue proprietà l’equiseto è impiegato soprattutto come rimineralizzante dei tessuti e come diuretico. L’ equiseto è quindi indicato in ogni situazione di demineralizzazione (osteoporosi, artrosi, fratture, facilità alle distorsioni, unghie e capelli fragili). L’azione diuretica dell’ equiseto è invece utile nella ritenzione idrica.
    Queste proprietà dell’ equiseto sono da attribuire al suo buon contenuto di silicio (un minerale fondamentale per la formazione dell’osso), di potassio e particolari flavonoidi (che favoriscono la diuresi).
    Nel mondo vegetale, l’ equiseto rappresenta uno dei rimedi più adatti alla rimineralizzazione, dal momento che la sua quantità di silicio è più elevata di quella di altre piante. La naturopatia fa largo uso di equiseto per il drenaggio depurativo: a differenza che con altri diuretici naturali, con l’equiseto è infatti possibile eliminare tossine (in particolare acidi urici) e allo stesso tempo rimineralizzare, cioè depurare l’organismo senza provocare devitalizzazione.
    La validità dell’ equiseto come diuretico è dimostrata da diversi studi scientifici. In merito all’uso dell’equiseto contro l’ osteoporosi e la rarefazione ossea, è riconosciuto che il silicio è di aiuto per rinforzare le ossa e, poiché l’equiseto ne contiene fino all’8%, quest’erba viene usata nei trattamenti naturali rimineralizzanti. Sono stati anche svolti alcuni studi preliminari sull’equiseto nell’osteoporosi, che ne hanno dimostrato i benefici.
    E’ quindi utile usare un integratore di equiseto sia a scopo preventivo che diuretico e depurativo. Lo puoi richiedere in erboristeria.

  2. Antonietta says:

    Complimenti! Specialmente per il processo di metabolizzazione che riesce a trasformare il silicio in calcio. Mi piacerebbe saperne di più.

  3. Raffaella says:

    articolo molto interessante e di immediata comprensione per tutti, complimenti, grazie.

  4. Redazione IO Benessere Blog says:

    Buongiorno Michela, i germogli di soia si trovano di solito al supermercato oppure dal fruttivendolo, ma è possibile anche coltivarli in casa. I germogli di soia sono ottimi da inserire nell’ insalata. In questo articolo trovi una foto con i germogli di soia ed altre informazioni sui benefici e le proprietà dei germogli di soia (Clicca Qui): Alimentazione sana: proprietà di germogli di soia, lievito di birra e semi di lino nella dieta

  5. michela says:

    pagina interessante. dove si trovano i germogli di soia ?

  6. gianfranco says:

    Il magnesio ormai quasi non si trova più negli alimenti, grazie ai metodi di coltivazione moderni. Ho trovato molto interessanti i libri del dott. Acerra, “Magnesio” e “Curarsi con il Magnesio” del dott. Vergini, parlano proprio dell’ importanza del magnesio per la nostra salute. I due autori, così come altri, consigliano di assumere il cloruro di magnesio puro ed in dosaggi tra i 3 ed i 4 grammi al giorno. Il “Magnesio Marino” è un integratore di puro cloruro di magnesio e si trova in pratiche bustine monodose da 3 grammi.

  7. pikminzaza says:

    I rimedi naturali sono ottimi !

error:
Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!