Colpo di sonno improvviso in auto: apnee notturne e disturbi del sonno

Guidare assonnati come ubriachi? Non è solo un modo di dire: mettersi alla guida di un’auto dopo aver dormito poco o male è pericoloso quanto guidare avendo bevuto un litro di vino in un’ora a digiuno.

Questo è il risultato di uno studio scientifico promosso dalla Fondazione per la ricerca e la cura dei disturbi del sonno (www.fondazionedisturbidelsonno.it).

In Italia, secondo la Fondazione almeno un incidente stradale su cinque è causato da un colpo di sonno. Il fattore di rischio maggiore è dato dalla sindrome delle apnee notturne, che provoca un sonno scarsamente ristoratore ed efficace e quindi diventa causa di una sonnolenza subdola, latente e improvvisa, molto pericolosa per chi guida e per chi gestisce impianti o manovra macchinari.


Chi soffre di questa sindrome e non ne è consapevole (è così nel 95% dei casi), ha un coefficiente di rischio di incidente sul lavoro o alla guida maggiore, più che doppio rispetto a quello causato dal consumo di alcol o droghe. Fermarsi e schiacciare un sonnellino è l’unico sistema efficace per scongiurare il pericolo del colpo di sonno, ma soltanto pochi lo fanno.

Per chi soffre di disturbi del sonno è quindi consigliabile effettuare una visita specialistica per risolvere il problema all’ origine.
Trovate ulteriori informazioni in questi due articoli correlati (cliccare sui link qui sotto):
1- Cause colpo di sonno alla guida

2- Cura disturbi del sonno: apnea notturna e insonnia





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!