Intervento laser per miopia. Inserimento lente e sostituzione cristallino per miopia elevata

La miopia è il difetto visivo più frequente. Oggi la chirurgia laser, grazie a tecniche innovative, può risolvere la miopia.

L’ occhio miope è caratterizzato da un’ eccessiva curvatura della cornea o un allungamento dell’ occhio. Di conseguenza, i raggi luminosi convergono davanti alla retina e questo determina una difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti lontani.

La miopia può essere presente alla nascita e nei primi anni di vita: in questi casi è probabile raggiungere con la crescita un difetto visivo più elevato, cioè superare anche le 10 diottrie. Più spesso, però, la miopia appare in età scolare, soprattutto tra i 10 e i 15 anni, e peggiora con il tempo, rimanendo comunque lieve, fino a 4 diottrie, o media, fino a 8 diottrie. Esistono anche rare forme degenerative di miopia che peggiorano con gli anni, arrivando a raggiungere gradi motto elevati.

Correzione della miopia con l’ intervento laser

Ogni anno in Italia si operano più di 100 mila persone con il laser e il 90% proprio per correggere la miopia. Le tecniche laser più utilizzate sono tre: la PRK, la LASEK e la LASIK. Le prime due lavorano sull’ epitelio, lo strato superficiale della cornea, rimuovendolo (PRK) oppure sollevandolo (LASEK). La LASIK, invece, solleva una lamella nello strato intermedio (lo stroma) per poi operare sul difetto. Poi si procede in tutti i casi vaporizzando il tessuto al centro della cornea con il laser a eccimetri, per ridurne la curvatura.

Attenzione però: il laser non è per tutti, ma trova indicazione solo nel 50% dei casi. Non può essere operata, per esempio, una persona che ha uno spessore della cornea troppo ridotto o pupille dal diametro troppo elevato. Inoltre, è indispensabile aspettare almeno i 18 anni, quando lo sviluppo dell’ occhio si è del tutto completato, a patto che il difetto di refrazione sia stabile da almeno un anno. Niente laser, inoltre, per le miopie più gravi, che superano le 10 diottrie.

Alternative al laser per la correzione della miopia: inserimento di una lente e sostituzione del cristallino

Se il laser è fuori discussione perché la miopia è elevata, c’è un’ alternativa: l’ inserimento nell’ occhio, in anestesia locale, di una piccola lente (detta fachica) con il potere refrattivo giusto.

In altri casi è possibile sostituire il cristallino naturale. Quest’ ultimo intervento è simile a quello per la cataratta, di cui tra l’ altro impedisce in anticipo la formazione. Del resto, chi ha una miopia o un’ ipermetropia elevata è facilmente esposto alla cataratta, cioè all’ opacizzazione del cristallino, o a situazioni patologiche già dopo i 50 anni. Trovate maggiori informazioni sulla cataratta qui: Sintomi cataratta occhio-vista annebbiata. Cura cataratta-intervento





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!