Perché mangiare pesce fa bene e fa dimagrire?

pesce omega 3
Il pesce contiene proteine facilmente digeribili, Omega 3, minerali tra cui ferro, zinco e iodio, vitamine del gruppo B e vitamina D. Si dice “sano come un pesce” per indicare una persona che gode di ottima salute.
Mangiando almeno due o tre porzioni da 100 grammi di pesce alla settimana, si fa scorta di un gran numero di sostanze utili per il benessere di tutto l’organismo.
Ecco tanti buoni motivi per portare in tavola più spesso il pesce.

Il pesce nella dieta fa dimagrire

Il pesce, inserito nella dieta, combatte gli eccessi di grasso addominale (pericoloso perchè aumenta il rischio cardiovascolare), favorisce il senso di sazietà e aiuta a perdere peso.

Mangiare pesce fa bene alla salute delle ossa

La buona quantità di calcio (presente in particolare in alici, sarde e sardine) e la concentrazione di vitamina D di cui abbondano tutti i pesci, ne fanno alleati della salute delle ossa.
Mangiare pesce contrasta la diminuzione di densità ossea dovuta all’età, molto diffusa tra le donne in menopausa, riducendo così il rischio di osteoporosi e fratture.
Il consumo di pesce, di qualsiasi tipo, deve essere regolare e abbondante, con l’obiettivo di raggiungere almeno due-tre porzioni la settimana. Nelle donne in menopausa, questi livelli di consumo di pesce aiutano anche a migliorare l’efficienza fisica e a contrastare sbalzi di umore.

Mangiare pesce fa bene al cuore e alle arterie

Soprattutto chi non è ancora riuscito a smettere di fumare, per ridurre i danni provocati dal tabacco dovrebbe cercare di mangiare più pesce, in modo da garantirsi l’apporto di uno specifico membro della famiglia degli Omega 3: il DHA.
L’organismo dei fumatori non riesce a produrre in modo adeguato il DHA, che è importante per mantenere in salute il sistema cardiovascolare, renale e immunitario.
Anche il contenuto in taurina, un aminoacido contenuto in tutti i pesci, contribuisce a diminuire i danni provocati dalle sigarette al sistema cardiovascolare, perché aiuta le arterie a non perdere la capacità di dilatarsi, tenendo lontani infarto e ictus.

Mangiare pesce abbassa la pressione arteriosa

Non solo ridurre il sale a 5-6 grammi al giorno e fare regolare attività fisica, ma anche portare in tavola due o tre volte la settimana pesce ricco di Omega 3 aiuta a mantenere nella norma i valori della pressione sanguigna e può perfino abbassarla di 5 punti.





Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!