Dolore alle spalle: può essere sintomo di un dente mancante e di un problema alla masticazione dei denti

Notti in bianco, male alle spalle e grande stanchezza possono in realtà essere i sintomi di un problema di salute ai denti. Tanto che è nata una disci­plina che studia da vicino la ma­sticazione e ne corregge le disfunzioni: la gnatologìa. Denti, lingua e mascelle costituiscono infatti un meccanismo perfetto ma complesso, fatto di muscoli ed articola­zioni sempre in movimento: deglutiamo circa 1300 volte al giorno e 800 volte la notte. La masticazione inoltre è strategica per di­verse funzioni vitali (dalla digestione alla respirazione) ed è stret­tamente connessa alla colonna ver­tebrale: un’ alterazione della masticazione può ripercuotersi infatti sulla postura. Inoltre la masticazione coinvolge terminazioni nervose direttamente a contatto con il sistema nervoso centrale. Ecco perché, se c’è qualcosa che non va in bocca, si sente subito male anche in altre parti del corpo. I muscoli masticatori, l’ articola­zione tempore-mandibolare e i denti sono tra loro in delicato equilibrio: quando questo equilibrio si altera, le conseguenze possono essere dolorose. Una masticazione scorretta a lungo andare può por­tare a disturbi anche molto diversi tra loro, dal dolore alla mandibola che si irradia all’ orecchio, alla cefalea (mal di testa), all’ insonnia.

DOLORE ALLE SPALLE: PUò ESSERE IL SINTOMO DI UN MOLARE MANCANTE O DI UNA CATTIVA MASTICAZIONE DEI DENTI


Quando si avverte dolore alle spalle e nella zona del corpo tra le scapole, i sintomi possono in realtà dipendere dalla bocca e occorre individuare e risolvere la causa. Molto spesso infatti questi disturbi di salute possono dipendere da un molare mancante non sostituito tempestivamente rivolgendosi ad un dentista. Lo spazio vuoto dovuto ad un molare mancante, altera infatti i rap­porti interni alla bocca: si tende a masticare solo da un lato (ecco perché i dolori alle spalle sono più forti sul lato in cui si tende a masticare di più). La cura per questo tipo di disturbo è un semplice bite su misu­ra per l’ arcata dentale inferiore, che rimette in linea la bocca e la sostituzione del dente mancante con un impianto. Anche alcune sedute da un chiropratico sono utili per “sciogliere” le arti­colazioni doloranti.

Non è facile collegare subito un dolore alle spalle a una malocclusione dentale. E’ possibile però sospettarlo se i denti sono storti perché, ad esempio, da piccoli non è stato messo l’ apparec­chio ai denti, oppure se le due arcate dentali non combaciano, o ancora se manca un dente. Tutte queste situazioni alterano le arti­colazioni temporo-mandibolari, provocando un irrigidimento dei muscoli e dei tendini che si propaga fino alle spalle. L’ estrazione del molare destro, per esempio, crea un vuoto che l’ organismo tende a riempi­re con una serie di movimenti compensatori che alterano i rapporti dentali. I muscoli della masticazione spostano i denti vicini, incli­nandoli, mentre il dente sottostante tende a salire. Di conseguenza, la mandibola slitta in avanti in modo da ristabilire un contatto tra i denti. Ecco allora che arriva il dolore alle tempie, alla cervicale o alle spalle. La soluzione imme­diata consiste in un bite, una “mascherina” in resina rigida creata su misura dall’ odontoiatra (il costo è sui 700 euro). Indossata per un certo periodo, impedisce i contatti scorretti tra i denti. I denti mancanti vanno poi sostituiti con un impian­to in titanio, su cui si può montare il giorno stesso una protesi fissa. In questo modo si riducono i tempi. Impianto e corona costano circa 2000 euro.

QUANDO LA MANDIBOLA SCROSCIA DURANTE LA MASTICAZIONE

Se si addenta una mela e si avverte un fastidioso rumorino alla mascella, questo sintomo si chiama scroscio mandibolare, ed è un disturbo comune provocato da un’ asimmetria (che di solito si ha dalla nascita) dell’ articolazione all’ altezza del condilo (il punto in cui la mandibola s’ inserisce nell’ osso mascellare). La soluzione per non sentire più il “clic” della mascella è il bite: un apparecchietto trasparente (perciò invisibile) che ammortizza l’ attrito. I benefici si avvertono subito. Occorre però portare il bite il più possibile: a volte è utile indossarlo per lunghi periodi, anche di notte.





8 risposte

  1. antonio scrive:

    Buongiorno, spero di poter ricevere informazioni utili in merito al mio problema. È da un anno che ho un dolore al quadricipite mediano, mal di schiena, crampi al polpaccio e dolori alla spalla, tutto sul lato sinistro. Dopo tante indagini e visite (ortopedica, angiologo, fisioterapista, ecc) senza nessun risultato, infine sono stato mandato da un osteopata che mi riscontra problemi alla mandibola e mi consiglia il BITE. Qualcuno di voi può aiutarmi per capire se questi soldi saranno spesi in modo giusto? Grazie

  2. Raffaele scrive:

    sono stato per 4 anni senza il molare destro, risultato: cervicale dolorosissima al lato sinistro. grazie alla collaborazione di un osteopata e di un dentista mi è stato confezionato un bite, ora vediamo come va. sono fiducioso, dopo 3 diagnosi di 3 diversi neurochirurghi spero di essere arrivato alla soluzione del problema. chissà quante persone potrebbero risolvere con così poco i loro problemi che, ricordiamo, sono una bella rottura di scatole! grazie per l’ articolo!

  3. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Certo Francesco, è bene a questo punto che tu sostituisca il molare con un impianto. Puoi anche metterti in lista con la mutua in modo da ridurre notevolmente i costi che avresti invece presso un dentista privato.

  4. Francesco scrive:

    Grazie mille, all’ inizio avevo deciso di non sostituirlo per i prezzi molto elevati, per la paura del dolore e di eventuali infiammazioni, oltre tutto io sono un giocoliere sputafuoco di mestiere e questo comporterebbe lo stop del lavoro per evitare infiammazioni al dente sostituito penso… comunque penso che dovrò farlo lo stesso…

  5. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Francesco, una domanda: se due anni fa ti hanno estratto il molare sinistro, non ti hanno sostituito il dente mancante con un impianto ? Sei da due anni con un molare mancante (cioè senza un dente importante per la masticazione) ? Ovviamente se da ben due anni sei in questa situazione, ora hai dei problemi di masticazione e di conseguenza avverti indolenzimento alla mascella fino all’ orecchio. Come mai non ti sei fatto sostituire il molere a distanza di due anni ? I tuoi attuali disturbi dipendono di certo dal molare mancante non sostituito tempestivamente rivolgendosi ad un dentista. Lo spazio vuoto dovuto ad un molare mancante altera infatti i rap­porti interni alla bocca: si tende a masticare solo da un lato. La cura per questo tipo di disturbo è un semplice bite su misu­ra per l’ arcata dentale inferiore, che rimette in linea la bocca e la sostituzione del dente mancante con un impianto. Devi quindi rivolgerti tempestivamente ad un dentista.

  6. Francesco scrive:

    Salve, da un paio d’ anni ho estratto il molare sinistro… ora lo spazio tra un dente e l’ altro si è ridotto tantissimo. Provo un forte dolore all’ articolazione della mascella che si irradia all’ orecchio… è sicuramente dovuto al dente mancante ? cosa devo fare ? grazie mille.

  7. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Buongiorno Chicca89, ogni volta che un problema ai denti compromette la corretta masticazione della bocca (la causa può essere anche un dente del giudizio infiammato o da curare) si possono avere dolori alle spalle o altri sintomi proprio a causa della masticazione: di solito si tende a masticare solo da un lato della bocca. Nel caso di un dente mancante, il problema si accentua. Una masticazione scorretta a lungo andare può por­tare a disturbi molto diversi tra loro: dolore alla mandibola che si irradia all’ orecchio, cefalea (mal di testa), insonnia o dolore alle spalle. Ma in realtà la vera causa può essere un problema ai denti e una cattiva masticazione. Per questo è sempre molto importante fare attenzione alla salute dei denti.

  8. chicca89 scrive:

    Utile questo articolo ! Può essere dovuto anche al dente del giudizio ?

Website is Protected by WordPress Protection from eDarpan.com.

Benvenuto sul Blog! Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione con cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, accetti il servizio e gli stessi cookie. Migliora la tua esperienza, trova quello che cerchi e... buona navigazione!