Sintomi malattie del fegato: steatosi (fegato ingrossato e sovrappeso), cirrosi epatica, ittero, epatite

Il fegato è un organo che ci aiuta a eliminare gli “scarti”, a sciogliere i grassi e a smaltire le tossine. Cibi, alcool, medicine e qualsiasi elemento penetri all’ interno del nostro organismo viene depurato dal fegato, l’ organo più grande del cor­po umano (pesa circa un chilo e mezzo). Il fegato è un organo che si rinnova di continuo: le cellu­le epatiche danneggiate vengono infatti sostituite prontamente da quelle nuove. Nel nostro organismo, il fegato funziona come una sorta di “impianto di compostag­gio” che elimina tutti gli scarti. Le preziose cellule del fegato inoltre sciolgono i grassi per farceli digerire, creano o distruggono il glucosio, sintetiz­zano il colesterolo ma, soprattutto, trasformano gli alimenti. Per il fegato tuttavia non è tanto importante cosa mangiamo, piuttosto quanto ne mangiamo. Essere e rima­nere in sovrappeso per anni può fare ammalare il fegato, infatti anche il fegato in­grassa con noi e, se si verifica un ec­cessivo accumulo di grassi, il fegato si am­mala di steatosi. Questa patologia colpisce il 15% della popolazione ed è pericolosa, perché la steatosi può portare alla cirrosi epatica, ovvero a una degenerazione dei tessuti che le cellule del fegato non riescono a riparare. Nella maggior parte dei casi la steatosi è asintomatica, oppure dà sintomi che possono essere attribuiti alla cattiva digestione, come il senso di peso addominale o la nausea.

Il fegato resiste a quasi tutti gli attacchi a cui lo sottoponiamo, dall’ alcol alla cattiva alimentazione, ecco perché non dà sempre segna­li chiari se qualcosa non va. Se il fegato entra in sovraccarico lancia comunque dei segnali d’ allarme che occorre cogliere subito per aiutarlo a ritrovare salute ed equilibrio.

Per valutare la salute del fegato basta fare un semplice prelievo di sangue annuale. I valori più importanti da verificare sono le transaminasi: si tratta di sostanze enzimatiche che si trovano all’ interno delle cellule epatiche e (a livelli molto bassi) nel sangue. In presenza di un danno epatico i valori nel sangue si alzano. Le più indicative sono la ALT (alanino amino transferasi) e la GGT (o Gamma GT), utile soprattutto per valutare un danno ai dotti biliari.

SINTOMI MALATTIE DEL FEGATO E DIAGNOSI
(gli esami medici consigliati)

Ecco i principali sintomi che il cattivo funzionamento del fegato invia:

ALITO CATTIVO: il Fetor Hepaticus è un odore dell’ alito dolce-aspro (o di muffa) tipico di chi ha una grave malattia epatica come la cirrosi. In questo caso il fegato non metabolizza più le tossine. Quindi non bisogna mai sottovalutare un alito cattivo (soprattutto se non è usuale e persiste) ed è bene fare subito gli esami del sangue.

STANCHEZZA: se ci si sente sempre molto stanchi e, proprio dopo aver mangiato, capita troppo spesso dì addormentarsi, questo potrebbe essere un sintomo di sofferenza del fegato. L’ analisi delle transaminasi fatte prescrivere dal medico indicano come stanno le cellule del fegato.

DIGESTIONE LENTA: se si fa fatica a digerire anche quando si mangia poco o niente, se si ha sempre un senso di pesantezza di stomaco, anche questi sintomi possono essere legati a un problema epatico. In questo caso è bene consultare per primo il gastroenterologo.

OCCHI GIALLI: dato che il fegato è l’ organo depuratore per eccellenza, quando funziona male la bile non viene più utilizzata a dovere e una parte resta in circolo nel sangue. La bile è colorata di giallo e anche la pelle in questi casi assume lo stesso colore. Ma persino le cornee dell’ occhio e il frenulo della lingua possono virare su questo colore giallo. L’ ittero (così lo chiamano i medici) indica una malattìa acuta del fegato o della colecisti (o cistifellea). Il caso più frequente è il blocco delle vie biliari, ma si può anche trattare di epatite, l’ infiammazione del fegato. In questi casi non bisogna perdere tempo, ma occorre rivolgersi subito al medico.

MAL DI PANCIA: se si sente un indolenzimento all’ addome nella parte destra appena sotto il costato può trattarsi di fegato ingrossato, un problema diffuso definito steatosi. In questo caso il fegato trattiene il grasso in eccesso perché non vada a finire nelle arterie. Occorre sottoporsi a un’ ecografia dell’ addome.

PIPì PIù SCURA: se l’ urina invece del solito color giallo paglierino è di un colore più scuro e le feci, al contrario, sono più chiare del normale (con una tinta simile alla terracotta) può trattarsi di un’ epatite in corso. In questo caso non bisogna perdere tempo e consultare al più presto un gastroenterologo o, direttamente, l’ epatologo (nei grandi ospedali).

CONSIGLI PER MANTENERE IL FEGATO IN SALUTE: DIETA, SANA ALIMENTAZIONE E STILE DI VITA

Per mantenere il fegato in buona salute occorre adottare sane regole sia per quanto riguarda la dieta quotidiana che per lo stile di vita. Ecco alcuni consigli pratici per mantenere il fegato in salute:

- CONTROLLARE REGOLARMENTE IL PESO e cercare di mantenerlo nella norma. Non essere pigri e praticare con costanza (almeno due ore per due volte alla settimana) un’ ATTIVITà FISICA;

- PRIVILEGIARE NELLA DIETA CIBI DEPURATIVI come la spremuta di limoni (a meno che non si soffra di acidità di stomaco), il carciofo, il radicchio, la bietola, le mele, i frutti rossi, i pomodorì maturi, i cavoli, gli asparagi, i broccoli, le verze, le cipolle, i legumi e le erbe amare come il tarassaco;

- NON ECCEDRE CON IL SALE, IL CAFFè E IL Tè NELLA DIETA; per chi ha la necessità di seguire una dieta senza sale, in questo aricolo trovate un menù settimanale per la dieta (Cliccare Qui): La Dieta senza Sale: dieta da 1300 calorie per eliminare la ritenzione idrica, per sgonfiarsi e per dimagrire

- EVITARE FRITTURE E COTTURE TROOPO LUNGHE

- LIMITARE IL CONSUMO DI ALCOL (è consentito fino a un bicchiere di vino al giorno e sempre durante i pasti);

- USARE FARMACI SOLO IN CASO DI BISOGNO e sempre sotto il controllo medico;

- CONSUMARE POCHI GRASSI NELLA DIETA, i nemici del fegato sono soprattutto i grassi saturi presenti nei latticini, nella margarina, negli insaccati e nelle carni molto grasse.

RIMEDI NATURALI PER DEPURARE IL FEGATO: FITOTERAPIA ED AGOPUNTURA

Per depurare il fegato e l’ organismo ci sono anche diversi rimedi naturali. Se il fegato è affaticato a causa di cibi troppo grassi, alcool, medicine e ritmi stressanti, ecco i rimedi naturali della fitoterapia e dell’ agopuntura.

RIMEDI NATURALI DELLA FITOTERAPIA PER DEPURARE IL FEGATO

Esistono molte piante che hanno un’ azione drenante del fegato, cioè piante che aiutano a “ripulire” delicatamente il fegato. Se non ci sono calcoli biliari o altre malattie in atto (come le malattie del fegato descritte sopra), il TARASSACO e la CURCUMA (si comprano in erboristeria) hanno un’ ottima funzione di pulizia della bile. Il CARDO MARIANO ha invece un’ azione diretta sul fegato: rigenera le cellule epatiche ed è un vero tonico per questo organo. La BETULLA, poi, è uno dei rimedi naturali che maggiormente facilitano l’ eliminazione di scorie dall’ organismo. Il FRASSINO è ottimo per chi cerca, oltre all’ effetto depurativo, anche quello dimagrante. La FUMARIA, contenendo un basso livello di acido nicotinico, è indicata per chi cerca di smettere di fumare, un’ altra mossa che fa bene al fegato, che deve smaltire anche questi veleni. Il CARCIOFO si consiglia a chi ha il colesterolo alto, anche se va assunto gradualmente. Nella fitoterapia le piante possono essere utilizzate sotto forma di infusi (azione più blanda) oppure tramite gli estratti dei germogli (gemmoderivati) che si presentano in gocce (azione più energica).

In questo articolo trovate la ricetta per la tisana al carciofo, utile per depurare il fegato (Cliccare Qui): La tisana depurativa al carciofo per sgonfiare la pancia e per il fegato

L’ AGOPUNTURA COME RIMEDIO NATURALE PER DEPURARE IL FEGATO

Secondo l’ antica filosofia della medicina cinese e dell’ agopuntura ad ogni Meridiano del corpo (quelli principali sono 10) corrisponde un organo interno. Ai Meridiani Yang corrispondono organi cavi (stomaco, vescica), ai Meridiani Yin sono correlati gli organi pieni. Il Meridiano del fegato parte dalle dita dei piedi e termina nella zona toracica. L’ agopuntura aiuta il fegato a diventare più attivo e a disintossicarsi. Anche nel caso di epatite, cui è sempre legato uno stato di stanchezza cronica, le sedute di agopuntura aiutano a ristabilire e riequilibrare l’ energia. Infatti, attraverso i punti Mu dell’ addome si vanno a irrorare di energia tutti gli organi e li si aiuta a liberarsi dalle tossine. Questo porta a un generale riequilibrio e a un sano rilassamento. Una seduta di agopuntura comprende anche il trattamento del dorso (punti Shu), poiché i diversi organi sono correlati anche alla spina dorsale. In genere, per ottenere i primi risultati, è opportuno sottoporsi ad almeno un ciclo di 10 sedute di agopuntura, di un’ ora ciascuna.

Tag: , , , , , , , , ,
Di

4 Commenti al post “Sintomi malattie del fegato: steatosi (fegato ingrossato e sovrappeso), cirrosi epatica, ittero, epatite”


  1. vito scrive:

    mi hanno trovato il colesterolo a 380, le transaminasi nella norma, i trigliceridi nella norma, la bile pure, ma le gamma gt a 480, ho fatto uso di grappa nel periodo natatalizio, come posso disintossicarmi ? grazie, è gradita l’ urgenza.

  2. Redazione IO Benessere Blog scrive:

    Caro Vito, per “disintossicarti” occorre cambiare il tuo stile di vita e l’ alimentazione. Il colesterolo alto si combatte con l’ attività fisica costante e con una sana alimentazione. Trovi maggiori informazioni sui valori del colesterolo qui: Valori colesterolo (LDL e HDL) e trigliceridi. Analisi mediche, attività fisica e dieta contro il colesterolo alto

    I valori gamma gt sono relativi al fegato: quando il fegato è affaticato, i valori gamma gt sono alti, e anche questo dipende da una scorretta alimentazione e dall’ abuso di alcolici (o superalcolici, come nel tuo caso dato che da quanto ci scrivi hai abusato di grappa sotto le feste di Natale).

    Per far tornare i tuoi valori nella norma (sia i valori del colesterolo sia i valori gamma gt) e per depurare fegato e organismo in generale, devi per prima cosa abolire gli alcolici e seguire una dieta e un’ alimentazione sana. Per l’ alimentazione è ottimo sguire una dieta dissociata, la trovi qui: Dieta Dissociata: carboidrati a pranzo, proteine a cena, verdura in quantità libera e frutta lontano dai pasti

    Già con la dieta il tuo fegato ti ringrazierà. Inoltre puoi inserire delle tisane depurative per il fegato. E’ ottima ad esempio la tisana al carciofo che trovi qui: La tisana depurativa al carciofo per sgonfiare la pancia e per il fegato

    Un’ altra ottima tisana depurativa per il fegato è questa: 5 grammi di foglie d’ ortica, 5 grammi di foglie di carciofo, 5 grammi di foglie di piantaggine (porta la ricetta della tisana in erboristeria in modo da farti preparare la miscela di erbe). Per preparare la tisana basta mettere le erbe nell’ acqua fredda, lasciare bollire per 3 minuti, tenere la tisana coperta finché diventa tiepida, poi filtrare e bere. Questa tisana è consigliata per depurare il fegato.

    Oltre alla dieta (da seguire sempre) e alle tisane è inoltre importante un’ attività fisica costante con un allenamento di almeno 3-4 volte a settimana a giorni alterni (un giorno di allenamento e un giorno di riposo). L’ attività fisica è importante a qualsiasi età. Sei iscritto in palestra oppure pratichi attività fisica fai-da-te (ad esempio con la corsa-jogging) ? La tua salute dipende molto dal tuo stile di vita.

  3. luca m. scrive:

    Ho scoperto il Lievito Sohn (un integratore alimentare), oltre a non avere più dolori forti dovuti alla mia colite, ha ridotto notevolmente anche il mio colesterolo cattivo. Lo consiglio
    :-)

  4. ANDREA scrive:

    molto efficente questo blog, quello delle malattie del fegato è un problema che non aftonta nessunno. complimenti

Lascia un commento